''Raymond (Au Service)'' di Olaf Nicolai

"Raymond (Au Service)" di Olaf Nicolai

Esposizione di due grandi sculture di sapone bianco, realizzate grazie alla collaborazione con la Casa Museo del Sapone di Sciacca

da domenica 29 luglio a giovedì 22 novembre 2018

Presso il Museo Civico Castelbuono l'installazione dell'artista tedesco Olaf Nicolai intitolata 'Raymond (Au Service)'. Evento collaterale di Manifesta12, in collaborazione con Institut Francais e Goethe-Institut di Palermo, Ypsigrock Festival, Casa Museo del Sapone di Sciacca.
Orario: (in vigore dall'1 aprile al 30 settembre) dal lunedì a domenica: 09.30 – 13.00 / 15.00 – 18.30

Biglietto: intero € 5,00; ridotto € 3,00 (adulti oltre i 65 anni e ragazzi dagli 8 ai 18 anni, scolaresche e gruppi superiori a 12 persone, soci Touring club, altre convenzioni); Ridotto € 2.00 residenti e nati a Castelbuono, altre convenzioni; gratuito per bambini fino a 7 anni d’età, portatori di handicap con accompagnatore, docenti e guide turistiche che accompagnano gruppi, studenti delle Facoltà di Arte e Architettura, membri ICOM, giornalisti accreditati.
Catalogo: Testo critico: Luca Lo Pinto
Curatori: Laura Barreca, Valentina Bruschi

Si tratta di un’opera site-specific all’interno del Castello dei Ventimiglia  (Piazza Castello - Castelbuono - Pa) che comprende l'esposizione di due grandi sculture di sapone bianco, realizzate grazie alla collaborazione con la Casa Museo del Sapone di Sciacca. Le pareti dell’ambiente sono dipinte di verde, con la scritta AU SERVICE e con la rappresentazione di una grafica-simbolo concepita dall’artista. La presenza del sapone è riferita all'ossessione di Raymond Roussell per l'igiene: si dice che ne consumasse moltissimo, e che non usasse mai la stessa saponetta due volte. Il progetto è in relazione a ciò che l’artista ha realizzato per il Grand Hotel et des Palmes (all’interno del progetto Raymond, a cura di Luca Trevisani in collaborazione con Olaf Nicolai, generatore di questa mostra), ovvero dei piccoli saponi di cortesia attualmente distribuiti in modo casuale, e solo in alcune stanze dello storico albergo di Palermo.

Per Olaf Nicolai raccontare un'ossessione di Roussell corrisponde al tentativo di rimarcare un Come scrive Luca Lo Pinto, autore di un testo-manifesto pubblicato su un poster in distribuzione durante il periodo espositivo della mostra e curatore della mostra personale di Olaf Nicolai There Is No Place Before Arrival, Kunsthalle Wien (13 Luglio-7 Ottobre 2018): “Negli ultimi venticinque anni Olaf Nicolai ha prodotto opere concettuali unitamente complesse e poetiche. Sperimentando con un ampio spettro di mezzi, la sua pratica artistica mette in costante discussione il nostro modo di guardare alle cose, spingendoci a riflettere sulle modalità in cui il legame tra significato ed esperienza prende forma. È un artista che considera la relazione tra opera e spettatore come un processo dinamico. Un aspetto integrante del suo approccio metodologico è il modo in cui si confronta con il contesto in cui si ritrova a lavorare. Ne è una conferma l’installazione concepita per il Museo di Castelbuono ispirata dalla figura e dal pensiero di Raymond Roussel, intorno al quale l’artista già in passato aveva prodotto due opere”.

In occasione della 23. edizione del Festival Ypsigrock, e nello spirito di innovazione tra arti visive e musica, ancora una volta, la facciata del Castello dei Ventimiglia sarà animata da video d’artista: durante le serate dei concerti del Festival (10-12 agosto) una selezione di opere video di Olaf Nicolai saranno proiettate sulla facciata del Castello per rendere ancora più suggestiva e speciale l’esperienza tra arte e musica contemporanea a Castelbuono. Durante il periodo espositivo si svolgeranno una serie di incontri, conversazioni, proiezioni che coinvolgeranno artisti, studiosi, giornalisti, sulla figura di Raymond Roussel per approfondire una delle personalità più interessanti e generative nella storia culturale del XXI secolo. Il progetto è inserito all'interno del cartellone di Palermo Capitale della Cultura 2018 ed è un Evento Collaterale di MANIFESTA12 - Biennale Nomade di Arte Contemporanea.

Olaf Nicolai (1962, Halle, Germania. Vive e lavora a Berlino) dopo aver studiato lingua e letteratura tedesca all’Università di Lipsia ha iniziato la sua carriera artistica nel 1990 ed oggi è professore di scultura e basi dell’allestimento tridimensionale all’Accademia di Belle Arti di Monaco. Le sue opere s’inseriscono nella tradizione dell'Arte Concettuale ma, allo stesso tempo, allargano il loro campo estetico a tematiche come l'economia e la tecnologia. Nel 2015 l’artista ha realizzato, Giro, la nota installazione performativa durata sette mesi sul tetto del padiglione tedesco alla Biennale di Venezia. Ha partecipato alla documenta 14 dello scorso anno con un brano radiofonico intitolato, In the Woods There is a Bird, che ha vinto il premio Karl Sczuka per Audio Drama. Nel 2013 Nicolai ha progettato un tendaggio tessile per l'aula magna della Kunsthalle Bielefeld e quest’estate ha realizzato un progetto articolato, Chant d'Amour, dove il lavoro dell’artista è posto in relazione all'architettura di Philip Johnson per la stessa Kunsthalle.

Una straordinaria coincidenza di mostre quest’anno daranno una visione completa e approfondita sul complesso immaginario creativo dell’artista: il progetto alla Kunsthalle di Bielefeld (fino al 9 settembre) è presentato in parallelo ad altre due personali dedicate all’artista, una al Kunstmuseum St. Gallen (7 luglio – 11 novembre, 2018) e un’altra alla Kunsthalle di Vienna (There is No Place before Arrival, 13 luglio – 7 ottobre, 2018), insieme ai progetti speciali per il Museo Civico di Castelbuono e Carillon per il Museion di Bolzano (fino al 30 settembre 2018). Il lavorodi Olaf Nicolai è stato esposto in numerose personali e collettive, oltre a quelle già citate, anche documenta X (1997) e alla 49. e 51. Biennale di Venezia (2001 e 2005). Il suo lavoro ha ricevuto vari premi e borse di studio, tra cui Villa Massimo, Roma (1998) e Villa Aurora, Los Angeles (2007). Molte delle sue opere si trovano in collezioni pubbliche, come quella del Museum of Modern Art, New York e la Friedrich Christian Flick Collection, Berlino.

Luca Lo Pinto è curatore presso la Kunsthalle di Vienna e co-fondatore della rivista e casa editrice NERO.

Info
Tel. +39 0921 671211 , +39 0921 677126 (Fax), +39 0921 677126
info@museocivico.eu

Condividi:
Cucina industriale a  Catania e Sicilia Electrolux
IMPASTATRICE PER CARNE  SIRMAN IP 10 M
Tagliaverdure Trs   electrolux Electrolux Promozione Tagliaverdure
Ti potrebbe interessare anche
Altre Stanze - Anni ’50 e '60
Altre Stanze - Anni ’50 e '60
Altre Stanze - Anni ’50 e '60
dal 21 dicembre al 28 febbraio 2019
Palazzo Sant'Elia - Via Maqueda 81 - Palermo
Mostre
Il kouros ritrovato
Il kouros ritrovato
Il kouros ritrovato
dal 11 novembre al 27 gennaio 2019
Palazzo Branciforte - Palermo
Mostre
Next, di Francesco Simeti
Next, di Francesco Simeti
Next, di Francesco Simeti
dal 24 dicembre al 17 ottobre 2019
Oratorio di San Lorenzo - Palermo
Mostre
Palermo capitale del Regno
Palermo capitale del Regno
Palermo capitale del Regno
dal 02 dicembre al 31 marzo 2019
Museo Salinas - Palermo
Mostre
Retrospettiva 2018, di Melissa Carnemolla
Retrospettiva 2018, di Melissa Carnemolla
Retrospettiva 2018, di Melissa Carnemolla
dal 29 dicembre al 26 gennaio 2019
Galleria Lo Magno - Modica
Mostre
Cenere. Regalami un sorriso
Cenere. Regalami un sorriso
Cenere. Regalami un sorriso
dal 28 dicembre al 24 gennaio 2019
Museo Mandralisca - Cefalù
Mostre
'10', di Giuseppe Patanè
'10', di Giuseppe Patanè
'10', di Giuseppe Patanè
dal 21 dicembre al 31 gennaio 2019
Palazzo Ajutamicristo - Palermo
Mostre
Foresta Urbana
Foresta Urbana
Foresta Urbana
dal 27 ottobre al 20 gennaio 2019
Palazzo Belmonte Riso - Palermo
Mostre
Gli Impressionisti a Catania
Gli Impressionisti a Catania
Gli Impressionisti a Catania
dal 20 ottobre al 21 aprile 2019
Palazzo della Cultura - Catania
Mostre
Vedi tutti gli eventi

Aziende consigliate