Ad Alia, le grotte della Gurfa

Ad Alia, le grotte della Gurfa

Monumento di architettura rupestre è la tomba a tholos più grande del Mediterraneo

Contenuti Sponsorizzati
Cod. CMA20
Chiesa di San Pietro
Turismo rurale a Caltagirone
Chiesa di Maria Santissima del Monte
CYCAS REVOLUTA 1 MT DI TRONCO
Visualizza mappa itinerario

Sul versante sud-occidentale delle Madonie, sorge Alia, piccolo centro agricolo della provincia di Palermo, conosciuta con l'appellativo di 'Città Giardino'. A qualche chilometro dal centro abitato e a 752 m sul livello del mare, si trovano le spettacolari grotte della Gurfa, inestimabile quanto raro esempio di architettura rupestre, adagiate sulla collina della Gurfa.

Leggenda vuole che il re cretese Minosse, giunto in Sicilia sulle tracce del fuggitivo Dedalo, fu ucciso da re sicano Cocalo e sepolto in territorio di Camico. Sembra che questo territorio si estendesse sino alle grotte della Gurfa, dove probabilmente fu sepolto.

Solo molto tempo dopo il tiranno di Agrigento Terone distrusse l'interno di questa tomba e restituì i resti mortali di Minosse a Creta. I riferimenti storici invece, sono pochi e scarsi e la carenza di documentazione, unita alla mancanza di evidenze archeologiche, hanno spinto gli studiosi a formulare le più svariate ipotesi sull'origine del complesso che sembra risalire all'età del rame (circa 5000 a.C.) e probabilmente svolgeva le funzioni di un tempio - tomba.

Bisogna chiarire, comunque, che non si tratta di grotte naturali adattate dall'uomo. Il complesso infatti è interamente scavato a mano nell’arenaria rossastra che compone il nucleo della collina.

Come sia stato possibile, senza l'odierna tecnologia, scavare a mano e tirar fuori una simile quantità di materiale roccioso, trasformando un grosso tratto rupestre in un insediamento abitativo suddiviso in piani ed ambienti, non ci è dato sapere. Possiamo solo fare ipotesi.

Minosse in una illustrazione di Gustave Dorè per la Divina Commedia di Dante Alighieri

Il Tesoro (Tomba) di Minosse - Come abbiamo già, detto manca una documentazione certa sull'origine delle grotte e la datazione del complesso è reso ancora più difficile dalla mancanza di reperti fittili che possano orientare nella datazione, essendo gli ipogei ininterrottamente abitati fino agli anni ’90 del ‘900, con uso agricolo.

L'unico dato certo e incontestato rimane il fatto che, già durante l'età del rame, nel luogo esisteva una necropoli. Anche l’uso cui era destinato ancora oggi rappresenta un affascinante mistero che attende d’essere svelato. Certa è anche l'origine araba del nome infatti Gurfa, dall’arabo Gurfah, equivarrebbe al termine ‘stanza ai piani superiori’ per il resto si possono fare solo delle ipotesi.

I recenti studi dell'architetto e storico dell'arte Carmelo Montagna hanno provato a svelare i millennari segreti di questa misteriosa struttura sostenendo che il complesso altro non è che la tomba del leggendario re cretese Minosse, giunto in Sicilia per catturare Dedalo.

Re Minosse infatti, sarebbe stato seppellito nella valle del fiume Halykos/Platani in Sikania. Gli storici antichi datavano tale evento a "tre generazioni prima della guerra di Troia" che, stando alle datazioni più attendibili, sarebbe da collocare tra il 1334 e il 1136 a.C.

Sempre secondo le fonti antiche, quella tomba-tempio venne distrutta dal tiranno di Agrigento Terone nel 480 a.C., che la ritrovò, quasi un millennio dopo la sua costruzione, risalendo il fiume Platani per andare a fare la guerra ad Imera. Da allora non è più stata identificata.

Montagna è convinto inoltre, che il complesso sia stato realizzato da un progettista/costruttore molto colto che conosceva bene i modelli di case-tombe a thòlos ciprioti di Choirokotia e del Megaron ligneo anatolico-frigio di Gordion.

Inoltre, proprio perché la thòlos della Gurfa è la più grande del Mediterraneo, con caratteri simbolici unici ed originari perfino rispetto alla celebrata thòlos di Atreo a Micene, bisogna pensare alla sapienza architettonica di un costruttore che, in assenza di altri riferimenti certi, possiamo chiamare "dedalico".

"L'uomo delle stelle" di Giuseppe Tornatore

Partendo dal capoluogo siciliano, Palermo, l'itinerario ci condurrà sino ad Alia, alle splendide grotte della Gurfa. Possiamo raggiungere le cavità, immortalate, nel 1995, dal regista Giuseppe Tornatore in alcune sequenze del suo film 'L'uomo delle stelle', in moto o anche in auto.

Dove mangiare nella provincia di Palermo -

Dove dormire nella provincia di Palermo -

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Cefalà Diana

Cefalà Diana

Cefalà Diana
Vedi »
Alia

Alia

Alia
Vedi »
Grotte della Gurfa

Grotte della Gurfa

Grotte della Gurfa
Vedi »
Caccamo

Caccamo

Caccamo
Vedi »
Cerda

Cerda

Cerda
Vedi »
20 giugno 2016
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Cod. CMA20
Chiesa di San Pietro
Turismo rurale a Caltagirone
Chiesa di Maria Santissima del Monte
CYCAS REVOLUTA 1 MT DI TRONCO
Ti potrebbe interessare anche
Catania, rinata dalle sue ceneri come l'Araba Fenice
Catania, rinata dalle sue ceneri come l'Araba Fenice
Catania, rinata dalle sue ceneri come l'Araba Fenice
Città barocca, patrimonio dell'Umanità, in eterno equilibrio con le forze della natura
Artistico/storico
Una visita in un paesino dal nome strano... Andiamo a Naso
Una visita in un paesino dal nome strano... Andiamo a Naso
Una visita in un paesino dal nome strano... Andiamo a Naso
Tra il blu delle Isole Eolie e il verde dei Nebrodi, alla scoperta di una cittadina insospettabilmente interessante
Artistico/storico
Randazzo, la Città nera
Randazzo, la Città nera
Randazzo, la Città nera
Alle falde dell'Etna la città dalle 100 chiese risparmiata dalla furia del vulcano
Architettonico
Palazzolo Acreide, patrimonio di tutta l'Umanità
Palazzolo Acreide, patrimonio di tutta l'Umanità
Palazzolo Acreide, patrimonio di tutta l'Umanità
Crocevia di civiltà e catalogo di ere millenarie, dal 2002 l'Unesco l’ha insignita del titolo di tesoro Barocco
Architettonico
L'area Archeologica di Giardini Naxos
L'area Archeologica di Giardini Naxos
L'area Archeologica di Giardini Naxos
L'ara di Apollo e tutti i tesori della prima colonia greca in Sicilia
Archeologico
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Nel cuore della Sicilia, la città medievale, rinascimentale e barocca, famosa per i suoi mosaici romani
Artistico/storico
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Akragas, "la più bella tra le città dei mortali", fu un fiorente centro culturale
Artistico/storico
Il Parco Archeologico di Neapolis
Il Parco Archeologico di Neapolis
Il Parco Archeologico di Neapolis
Nel quartiere della ''Città Nuova'' tutte le testimonianze dell'era greca e romana
Archeologico
La Stonehenge siciliana
La Stonehenge siciliana
La Stonehenge siciliana
Viaggio misterico tra le "sacre e magiche" rocce di Montalbano Elicona
Archeologico
Andar per giardini in Sicilia
Andar per giardini in Sicilia
Andar per giardini in Sicilia
Un inedito percorso ecoturistico tra le essenze e i colori che i migliori giardini del Mediterraneo sanno offrire
Paesaggistico
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Il borgo medievale, tra i Nebrodi e i Peloritani, che gli arabi chiamarono Nouah, "giardino, orto fiorito"
Artistico/storico
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
Secondo la leggenda tramandataci da Dionigi d’Alicarnasso... Nel villaggio sul monte Rotondo, lezioni di storia dell'arte
Artistico/storico
La bella Siracusa
La bella Siracusa
La bella Siracusa
"Avete spesso sentito dire che Siracusa è la più grande città greca e la più bella"
Artistico/storico
Attraverso la Valle d'Agrò
Attraverso la Valle d'Agrò
Attraverso la Valle d'Agrò
Un viaggio attraverso monti, costeggiando fiumi, per arrivare fino al mare più blu della Sicilia
Architettonico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE