Breve viaggio nella preziosa Castroreale

Breve viaggio nella preziosa Castroreale

Le chiese, il Museo Civico, la Pinacoteca: solo alcuni dei tesori da visitare

Castroreale (ME) sorge su un promontorio dei Monti Peloritani a 394 metri di altitudine fra le vallate dei fiumi Patri e Longano, circondato da una serie di alture digradanti verso settentrione che lasciano aperta l'ampia visione del Tirreno. Il paesaggio, sempre vario, si compone di pendii boscosi e di brulli crinali, spesso ammantati di neve nella stagione invernale, di vallate e torrenti, di terreni coltivati, di case sparse e di agglomerati urbani. Chi visita la cittadina è subito catturato dal fascino dei suoi monumenti, dai quali si può distogliere lo sguardo solo per tuffarsi nella contemplazione dello splendido paesaggio.
Nel cuore del centro abitato è possibile ammirare il più bello dei balconi che si aprono sulla fertile Piana di Milazzo, l'ampio terrazzo di Piazza delle Aquile, che si stende lungo il fianco orientale del Duomo.

Cenni storici - Identificata dagli storici con l'antica città di Krastos e con il leggendario castello di Artemisio, le prime notizie storiche su Castroreale risalgono all'età normanna-sveva. L'insediamento originario era un semplice casale che prende il nome di casale di Crizzina. e sicuramente dovette ricoprire un proprio ruolo nelle lunghe e tormentate vicende che seguirono la rivolta dei Vespri Siciliani. Si racconta infatti, che Federico II D'Aragona, per dimostrare la propria gratitudine per la fedeltà dimostrata durante la lotta contro gli angioini concesse molte agevolazioni a quanti volevano stabilire la propria dimora all'ombra del fortilizio ricostruito. Fu proprio in quel periodo che la cittadina assunse il nome di Castro e poi in seguito di Castroreale. La città vide progressivamente crescere la propria importanza soprattutto in relazione al ruolo assunto all'interno del sistema di fortificazioni che avevano lo scopo di difendere la Piana di Milazzo. Col passare del tempo ottenne dai vari sovrani una serie di privilegi che le consentirono una discreta floridezza economica grazie anche, fino alla fine del XV secolo, alla presenza di una comunità ebraica. La concessione di alcuni feudi all'Università, l'istituzione di fiere, mercati, l'esenzione da gabelle e balzelli, contribuirono a  favorire lo sviluppo delle attività agricole, pastorali, artigianali e commerciali. Intorno alla metà del XIX secolo Castroreale diventò sede di importanti uffici. Nell'800 invece, iniziò la sua decadenza a causa del progressivo impoverimento demografico ed economico della zona montana. Inoltre si verificò una disgregazione del territorio che portò alla formazione di altri tre comuni: Barcellona (1815), Rodi Milici (1947) e terme di Vigliatore (1966).

Dove MANGIARE nella provincia di Messina
Dove DORMIRE provincia di Messina

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Piazza delle Aquile

Piazza delle Aquile

Piazza delle Aquile
Vedi »
Torre di Federico II d'Aragona

Torre di Federico II d'Aragona

Torre Federico II dAragona
Vedi »
Piazza Peculio

Piazza Peculio

Piazza Peculio
Vedi »
Museo Civico

Museo Civico

Museo Civico
Vedi »
Chiesa di Santa Marina

Chiesa di Santa Marina

Piazza S. Marina
Vedi »
2 dicembre 2016
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
La lunga riviera di Santa Teresa di Riva
La lunga riviera di Santa Teresa di Riva
La lunga riviera di Santa Teresa di Riva
Di probabile origine fenicia, la cittadina sulla costa jonica messinese è rinomata per il suo mare limpido e la sua splendida spiaggia
Artistico/storico
Lingue di Sicilia
Lingue di Sicilia
Lingue di Sicilia
Itinerario tra le parlate dell'Isola, tra gruppi e sottogruppi di una realtà variegata
Artistico/storico
Il borgo rupestre di Sperlinga
Il borgo rupestre di Sperlinga
Il borgo rupestre di Sperlinga
''Ciò che piacque ai siciliani, venne negato dalla sola Sperlinga''
Artistico/storico
Nicosia, tra storia e arte
Nicosia, tra storia e arte
Nicosia, tra storia e arte
La Cattedrale di San Nicolò, una delle opere più belle del periodo medievale in Europa
Artistico/storico
Hora e Arbëreshëvet
Hora e Arbëreshëvet
Hora e Arbëreshëvet
Piana degli Albanesi: uno scrigno di preziosa cultura bizantina, greca e barocca
Artistico/storico
Pozzallo, terrazza sul Mediterraneo
Pozzallo, terrazza sul Mediterraneo
Pozzallo, terrazza sul Mediterraneo
Nel Sud Est siciliano, spiagge dorate e mare cristallino dove sventola la Bandiera Blu
Artistico/storico
La leggenda del Castello di Donnafugata
La leggenda del Castello di Donnafugata
La leggenda del Castello di Donnafugata
Qui venne imprigionata la principessa Bianca di Navarra dal perfido conte Bernardo Cabrera
Artistico/storico
Taormina, la perla dello Ionio
Taormina, la perla dello Ionio
Taormina, la perla dello Ionio
E ai piedi della città, un suggestivo isolotto immerso nell'azzurro del Mar Ionio
Artistico/storico
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Akragas, "la più bella tra le città dei mortali", fu un fiorente centro culturale
Artistico/storico
Aidone, balcone di Sicilia
Aidone, balcone di Sicilia
Aidone, balcone di Sicilia
Dall'Etna ai Nebrodi, dalla Piana di Catania al Mar Ionio, sino a Siracusa
Artistico/storico
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Nel cuore della Sicilia, la città medievale, rinascimentale e barocca, famosa per i suoi mosaici romani
Artistico/storico
Marsala, Città del Vino
Marsala, Città del Vino
Marsala, Città del Vino
Qui è custodita una delle navi fenicie che combattè la I guerra punica
Artistico/storico
Trapani, città dei due mari
Trapani, città dei due mari
Trapani, città dei due mari
Si narra che il promontorio di Drepanon si formò dalla falce di Cerere caduta in mare
Artistico/storico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate