Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
Conoscere la Riserva Naturale Integrale di Vallone Calagna

Conoscere la Riserva Naturale Integrale di Vallone Calagna

Un ambiente di grande interesse botanico, umido e ricco di vegetazione acquatica

Contenuti Sponsorizzati
Villa Patti
Fascine in salice c cannette H 40 e H 50 per fioristi, wedding e Arredatori
Foglie Stabilizzate di Rosa
Chiesa di Maria Santissima del Monte
Caltagirone città della ceramica
barbatelle innestate vcr grecanico
Visualizza mappa itinerario

Nel cuore della Sicilia Nord-orientale, in una zona montuosa posta a 445 metri sul livello del mare, sorge Tortorici,  su una vallata a forma di conca posta alle pendici del monte San Pietro, che dal mar Tirreno penetra fino all’interno dei Nebrodi.

Il centro abitato è circondato da più di 70 contrade, disseminate nei monti limitrofi, come a raggiera, tra i 500 e i 900 metri. Il comune nei secoli si è guadagnato l'appellativo di "valle dell'ingegno" perché qui si sono concentrati sempre i migliori artigiani del legno, del ferro, del rame e del bronzo che hanno trasformato il paese in un centro fiorente per la produzione delle campane e statue di bronzo.

I tetti di Tortorici

Tortorici è totalmente immersa nel verde, un autentica oasi di pace, poiché ricade nell'ambito di due aree naturali protette: il Parco dei Nebrodi con i suoi corsi d'acqua limpida, la fitta vegetazione e i prati fioriti in tutte le stagioni, e la Riserva Naturale Integrale del Vallone Calagna.

Quest'ultima si raggiunge facilmente, salendo un po’ di quota rispetto al centro abitato di Tortorici, a circa 600-800 metri e seguendo la direzione Sud- Ovest. Si tratta di un ambiente di grande interesse botanico, umido e ricco di vegetazione acquatica e ripariale, il luogo ideale insomma per rilassarsi, circondati da una natura rigogliosa e incontaminata. La Riserva, che ingloba il piccolo e caratteristico borgo rurale di Padirà, si estende per 37,24 ettari.

Vallone Calagna

E' stata istituita nel 2000 principalmente allo scopo di tutelare la 'falsasanicola', una pianta endemica dei Nebrodi, tutelata dalla Convenzione di Berna e inserita nella "Lista Rossa" delle specie a rischio di estinzione in Sicilia. L'area infatti, è sottoposta a vincoli molto rigidi affinché non vengano alterate le condizioni ambientali che consentono la sopravvivenza della specie protetta e delle altre specie rare nella zona nebrodense.

Bosco Vallone Calagna

Gestita dall'Azienda Foreste Demaniali della Regione Sicilia si estende nella grande valle Calagna dove scorre un corso d'acqua che scende dalla Sorgente Padirà e che confluisce nel torrente Calagna. Quest'ultimo evolve poi in diversi incavi torrentizi che solcano i fianchi di Pizzo di Sceti (970 m), di Portella Calcatizzo (892 m) e di Pizzo Uncina (1.282 m).

Gli appassionati di archeologia industriale possono visitare i resti dei tanti mulini che un tempo sorgevano nella zona e che sfruttavano le ingenti risorse idriche della zona. Gli appassionati di botanica invece, possono esplorare la riserva e dedicarsi alla fotografia naturalistica. In ogni caso, è bene concordare una visita guidata con l’ente gestore visto che il regime di protezione è particolarmente rigido.

FLORA

Falsasanicola (Petagna saniculaefolia Guss)

La zona dei Nebrodi vista dall'occhio del satellite si presenta come un enorme distesa verde. Sembra che questa vegetazione così riglogliosa sia, in buona parte dovuta agli influssi che il Mar Tirreno ha sul versante nord dei Nebrodi. L'umidità proveniente dal mare si incanala infatti, lungo i valloni, mantenendosi anche grazie alla ricca copertura arborea.

La presenza di queste condizioni ha consentito la sopravvivenza di alcune specie vegetali ed animali sin dall'Era Terziaria (da 65 a 2 milioni di anni fa). Due di questi sopravvissuti sono il tasso e l'agrifoglio, che rappresentano esempi di veri e propri "relitti" botanici. La regina della riserva rimane comunque, la Falsasanicola (Petagna saniculaefolia Guss), una specie endemica del territorio nebrodense, anch'essa relitto dell’antica flora dell’era terziaria, che si è conservata grazie alle particolari condizioni di altitudine, umidità e temperatura che si sono venute a creare nel vallone.

La P. saniculaefolia fa parte del sottobosco di roverella e nocciolo di cui la zona è ricca. Il nocciolo è coltivato soprattutto nel territorio di Tortorici, Ucrìa, Galati Mamertino e S. Domenica di Vittoria.

FAUNA

Questa riserva, come tutta l’area dei Nebrodi, è una zona molto ricca di specie animali. La fanno da padrone i mammiferi tra cui possiamo annoverare l'istrice, la donnola, il daino, il cervo, il gatto selvatico, il capriolo e la martora.  Le aree più umide sono popolate da anfibi come il disco glosso dipinto e la rana verde. Nella zona inoltre, hanno trovato il loro habitat ideale diversi uccelli come il corvo imperiale, il nibbio reale e il falco pellegrino.

30 ottobre 2019
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Villa Patti
Fascine in salice c cannette H 40 e H 50 per fioristi, wedding e Arredatori
Foglie Stabilizzate di Rosa
Chiesa di Maria Santissima del Monte
Caltagirone città della ceramica
barbatelle innestate vcr grecanico
Ti potrebbe interessare anche
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Grotte marine, zubbi, animali e fiori rari, colori e paesaggi di un angolo di paradiso
Naturalistico
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
Per conoscere le forme carsiche superficiali sul gesso detritico e su quello alabastrino
Naturalistico
Cefalà Diana tra storia e natura
Cefalà Diana tra storia e natura
Cefalà Diana tra storia e natura
Dai bagni arabi al castello normanno, fino alla Riserva di Cefalà Diana e Pizzo Chiarastella
Architettonico
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
In questo luogo incantato Re Ferdinando IV fissò la sua dimora dopo la fuga da Napoli
Naturalistico
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Visita nell'unica Casa delle Farfalle del Centro-Sud dove sono ospitate le farfalle più belle del mondo
Naturalistico
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
Tra laghi di fiori azzurri, il rosso della pietra e il grigio dei faggi
Naturalistico
La Riserva naturale di Monte Bonifato
La Riserva naturale di Monte Bonifato
La Riserva naturale di Monte Bonifato
Il rimboschimento iniziato negli anni '50 è riuscito a far rinascere l'originario bosco
Naturalistico
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
Una lunga e rinfrancante passeggiata nella seconda area verde più grande di Sicilia
Naturalistico
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
Altipiani sabbiosi ricoperti di conifere in uno dei più grandi polmoni verdi della Sicilia
Naturalistico
La Sughereta di Niscemi
La Sughereta di Niscemi
La Sughereta di Niscemi
Il più importante relitto di foresta primaria a sughera e leccio della Sicilia
Paesaggistico
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Dentro la grotta del Lauro, meraviglia della natura tra stalattiti e stalagmiti
Naturalistico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE