Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
Da Scopello a San Vito Lo Capo

Da Scopello a San Vito Lo Capo

Trekking nel sentiero costiero più battuto della Riserva Naturale dello Zingaro

Contenuti Sponsorizzati
Visualizza mappa itinerario

Foto di Jos Dielis - Riserva dello Zingaro, CC BY 2.0

  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

All'estremità occidentale della costa tirrenica siciliana, tra Castellammare del Golfo e Scopello, si estende la Riserva Naturale dello Zingaro, un angolo di paradiso che si specchia in un mare di un blu intenso tra fondali limpidi, calette solitarie e paesaggi mozzafiato.

Per la precisione, l'area protetta si estende per circa 1700 ettari tra la parte Occidentale del Golfo di Castellammare e la penisola di San Vito lo Capo e il suo territorio presenta una spiccata diversità di ambienti di grande interesse naturalistico e paesaggistico.

Il mare limpido delle calette della Riserva dello Zingaro

  • Organizza la tua escursione nella provincia di Trapani - CLICCA QUI

La Riserva è divenuta nel tempo un po' il simbolo del rispetto e della conservazione della natura in Sicilia poiché è stata in assoluto la prima riserva naturale ad essere istituita dalla Regione Siciliana con la legge n.98 del 1981.

Qui, la presenza umana è sempre stata una costante. Da cacciatore a raccoglitore l'uomo ha sviluppato l'attività agricola trasformando il paesaggio e arricchendolo di mandorli, carrubbi, viti e olivi e frassini da cui si estrae la manna. La pianta più diffusa è comunque, la Palma nana da cui gli artigiani locali ricavano corde, scope e ceste.

I faraglioni di Scopello (TP) - Foto di Loredana Maggiore

La Riserva dello Zingaro è attraversata da una serie di trazzere e mulattiere che possono essere percorse dai visitatori che desiderano esplorarla sia d'estate che d'inverno.

L'itinerario di questa settimana ci porterà appunto a percorrere un sentiero che da Scopello conduce a San Vito Lo Capo. Si tratta del sentiero più battuto della riserva, lungo 6,2 km, solo andata, i cui tempi di percorrenza si aggirano intorno alle due ore e 15 minuti, escluso soste.

Durante le ore centrali dei mesi caldi, tuttavia, è meglio evitare di fare trekkinng, sarebbe meglio partire di buon'ora o nel tardo pomeriggio, con una buona scorta d'acqua e sostare, di tanto in tanto, nelle splendide calette che si incontano durante il pecorso, magari per fare un bagno.

La costa di San Vito Lo Capo (TP) - Foto di Loredana Maggiore

PERCORSO

  • Galleria - Punta Capreria - Cala del Varo - C.da Zingaro - Cala Marinella - Torre dell'Uzzo - Tonnarella dell'Uzzo - Ingresso Nord.

Partiamo dunque, dall'ingresso sud della riserva, a qualche chilometro dalla Tonnara di Scopello, interessante testimonianza di archeologia industriale. Lasciamo la macchina in un ampio posteggio, in prossimità della biglietteria, e imbocchiamo il tracciato di quella che, negli anni '70, stava per diventare una strada litoranea.

La prima caletta della Riserva dello Zingaro - Lato Scopello
Foto di Carlo Pelagalli, CC BY-SA 3.0

Dopo aver attraversato una breve galleria scavata nella roccia, ci avviamo per un sentiero che si snoda tra lievi saliscendi verso l'indicazione Capreria. Chi lo desidera può anche seguire il sentiero, a destra, e scendere verso l'area attrezzata per fare, magari, un pic nic. Tornando all'indicazione Capreria continuiamo lungo il sentiero principale dal quale possiamo ammirare gli spettacolari scorci panoramici della costa e del mare.

Superiamo, sulla destra, una piccola casetta rurale e imbocchiamo, sulla sinistra, il sentiero che porta al vicino centro visitatori  dove possiamo ammirare cesti e panieri realizzati localmente dalle abili mani di esperti artigiani con palme nane, ampelodesma e rametti di olivastro.

Ingresso alla Riserva dello Zingaro (TP)

Continuiamo il nostro cammino, imboccando a destra, la breve diramazione che porta al museo naturalistico e poi a Cala Capreria, una delle splendide calette che si incontrano sul percorso. Qui, le acque azzurrissime lasciano intravedere gli splendidi fondali dagli scogli biancastri.

Sentiero di mezza costa - Riserva dello Zingaro
Foto di tato grasso - Opera propria (personal work), CC BY-SA 2.5

Tornando sul sentiero principale, ci muoviamo in un'area caratterizzata da una rada vegetazione erbacea, puntellata qua e là, dall'ampelodesma e dalla palma nana. Superiamo Punta di Capreria Grande e aggirata la curva a sinistra, restiamo stupefatti dallo splendido panorama che si apre dinanzi ai nostri occhi.

In basso possiamo ammirare Cala Varo con le sue grotte raggiungibili solo in motoscafo, seguita da un tratto di costa chiusa dal profilo di Pizzo Candela. Di fronte Cala Varo, abbarbicata su una roccia a strapiombo sul mare, scorgiamo il Museo della Manna, che anticamente veniva qui raccolta e lavorata mentre, superata Punta Leone, un gruppo di casette rurali fa capolino tra gli alberi.

Cala Disa - Riserva dello Zingaro (TP)

Proseguiamo sino al sentiero che, sulla destra, scende verso Cala Disa, che con la sua acqua verdina e mai agitata è, in assoluto, la più grande caletta della riserva dello Zingaro. Il suo nome deriva dal fatto che qui la vegetazione è costituita, quasi del tutto, da ampelodesma, 'ddisa' in siciliano.

Un pò più avanti ci imbattiamo nella diramazione per Cala Berretta ma preferiamo procedere sul sentiero principale costeggiato da una florida vegetazione costituita da un boschetto di palme nane e da un  uliveto abbandonato.

Giungiamo al bivio di Cala Marinella dove si trova un'ampia casa formata da più corpi addossati e proseguendo l'innesto del sentiero che, sulla sinistra, sale verso la località Sughera e il borgo Cusenza. Dall'alto dominiamo la bella Cala Torre dell'Uzzo, con suo mare cristallino e i fondali ricchi di fauna.

Grotta dell'Uzzo - Riserva dello Zingaro

Scendiamo per un sentiero stretto tra due pareti rocciose sino a imbatterci nell'enorme antro della Grotta preistorica dell'Uzzo, animata dal volo frenetico di numerosi rondoni e altri volatili. Qui sono stati ritrovati numerosi frammenti di vasi, selci e ossidiana oltre a scheletri umani e animali.

Proprio davanti alla grotta si trova il Museo alla Civiltà Contadina. A questo punto ci troviamo di fronte ad una biforcazione, una che scende verso Cala Torre dell'Uzzo e che permette di arrivare sino alla Tonnarella dell'Uzzo, l'altra che permette di proseguire per il sentiero principale.

Una veduta della Riserva dello Zingaro
Foto di ildirettore, CC BY 3.0

Attraversiamo una zona arida e un'area attrezzata per poi giungere sino alla Tonnarella dell'Uzzo e al Museo delle Attività Marinare. Non si può non scendere alla bellissima Cala Tonnarella Dell'Uzzo, con la sua spiaggetta di ciottoli e l'acqua talmente cristallina da lasciar intravedere molti pesci anche vicini alla riva. Ripreso il sentiero principale in breve si arriva alla strada sterrata e all'ingresso nord della riserva.

- www.riservazingaro.it

------------------------------------------------

Alcune delle immagini presenti su Guidasicilia.it possono provenire da risorse di Internet. Vogliamo assicurare la nostra assoluta buonafede, e qualora il loro utilizzo violasse diritti d'autore, vi invitiamo a contattarci (qui), provvederemo prontamente a rimuoverle.

8 luglio 2016
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Grotte marine, zubbi, animali e fiori rari, colori e paesaggi di un angolo di paradiso
Naturalistico
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
Per conoscere le forme carsiche superficiali sul gesso detritico e su quello alabastrino
Naturalistico
Cefalà Diana tra storia e natura
Cefalà Diana tra storia e natura
Cefalà Diana tra storia e natura
Dai bagni arabi al castello normanno, fino alla Riserva di Cefalà Diana e Pizzo Chiarastella
Architettonico
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
In questo luogo incantato Re Ferdinando IV fissò la sua dimora dopo la fuga da Napoli
Naturalistico
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Visita nell'unica Casa delle Farfalle del Centro-Sud dove sono ospitate le farfalle più belle del mondo
Naturalistico
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
Tra laghi di fiori azzurri, il rosso della pietra e il grigio dei faggi
Naturalistico
La Riserva naturale di Monte Bonifato
La Riserva naturale di Monte Bonifato
La Riserva naturale di Monte Bonifato
Il rimboschimento iniziato negli anni '50 è riuscito a far rinascere l'originario bosco
Naturalistico
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
Una lunga e rinfrancante passeggiata nella seconda area verde più grande di Sicilia
Naturalistico
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
Altipiani sabbiosi ricoperti di conifere in uno dei più grandi polmoni verdi della Sicilia
Naturalistico
La Sughereta di Niscemi
La Sughereta di Niscemi
La Sughereta di Niscemi
Il più importante relitto di foresta primaria a sughera e leccio della Sicilia
Paesaggistico
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Dentro la grotta del Lauro, meraviglia della natura tra stalattiti e stalagmiti
Naturalistico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE