Da Vigàta a Montelusa

Da Vigàta a Montelusa

Viaggio reale nei luoghi in cui vive Montalbano, il commissario più amato dagli italiani

Dove, se non nella Sicilia sudoccidentale e greco-araba, il romanzo giallo poteva racchiudere in un cerchio così perfetto antiche ascendenze - la tragedia greca - e nuove tendenze - l'ansia estrema di mediterraneità?
Dove, se non in questa fetta di Sicilia tagliata tra Gela e Sciacca, potevano trovar casa Andrea Camilleri e Salvo Montalbano? Lo scrittore e il commissario di polizia più amati dagli italiani?

Come ogni meridionale dannato e beato all'esilio volontario, prima che come scrittore da decenni trasferito a Roma, Andrea Camilleri distilla una Sicilia depurata da eccessi di contemporaneità, filtrata attraverso memorie e sensazioni di gioventù, frequentata e vissuta per interposta persona (nella fattispecie il commissario Salvo Montalbano). Una Sicilia di persone e gente, più che di fatti e posti. Montalbano indaga in pianerottoli di condomini anonimi, tra effluvi di pasta e broccoli e sarde a beccafico; interroga pensionati in vestaglia e ragionieri in pantofole che di cognome magari fanno Lapecora; non s'illanguidisce curvo su doppi whisky in bar desolati come in un quadro di Hopper, ma si esalta in trattoria, davanti a un piatto di triglie fritte; persino i delitti su cui deve far luce, per quanto efferati, s'ingentiliscono in "ammazzatine". Un po' come nei libri del commissario francese Sanantonio, Camilleri insaporisce un genere letterario codificato dalle mode con una lingua tutta sua, l'inedito patois italo-siculo che trova nell'ineffabile Catarella il suo sgangheratissimo Ariosto.

Gli autori del Nuovo Giallo Mediterraneo hanno promosso la città a protagonista, al pari dei suoi delinquenti e dei suoi desolati giustizieri. Ne hanno descritto con minuzia strade e quartieri, umori e atmosfere. I lettori di Izzo o Montalbán possono sovrapporre le pagine dei loro libri alle piante delle loro città, e trovarvi perfetta corrispondenza.
Con Camilleri il gioco è impossibile: invano vi affannereste coll'indice sulle cartine a cercare Vigàta, provincia di Montelusa, tra Fela e Fiacca. Nei suoi romanzi i luoghi trasfigurano in geografie fantastiche, i toponimi si aggrovigliano in cartografie immaginarie. Eppure Vigàta è più vera del vero. Esiste.
Decreto di re Ferdinando II di Borbone: "A contare dal 1° gennaio 1853 la Borgata del Molo di Girgenti sarà separata dall'Amministrazione Comunale di quella città e formerà un Comune distinto con Amministrazione propria e indipendente". È l'estratto dell'atto di nascita di Porto Empedocle, provincia di Girgenti (l'Akràgas greca, l'odierna Agrigento). Ce lo rammenta Camilleri stesso in Biografia del figlio cambiato, romanzo "in quadri" della vita di Luigi Pirandello, altro celebre empedoclino in un fazzoletto di terra fertilizzato dalla letteratura, considerando che la Racalmuto di Sciascia è a pochi chilometri verso nord.
Porto Empedocle - allora una manciata di case arroccate tra il mare di zolfo e la collina di Girgenti - aveva trovato nome, per regio decreto; glielo toglieranno i suoi figli più illustri, che la ricorderanno con un altro non suo. Pirandello la ribattezza Nisia, o Vignetta, o la Marina. Diventerà Vigàta, la città del commissario Montalbano.

Dove MANGIARE in provincia di Agrigento
Dove DORMIRE in provincia di Agrigento

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

A Porto Empedocle / Vigàta

A Porto Empedocle / Vigàta

Porto Empedocle
Vedi »
Verso Agrigento / Montelusa

Verso Agrigento / Montelusa

Agrigento
Vedi »
27 dicembre 2016
Condividi:
Servizio tazze

Servizio tazze

Bar e caffè
proposto da U cafe' di Luca
Itinerari della Fede

Itinerari della Fede

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Top in acciao inox ETNAINOX srl
Storia di Caltagirone

Storia di Caltagirone

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Ospedale delle donne Caltagirone

Ospedale delle donne Caltagirone

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Ex Carcere Borbonico

Ex Carcere Borbonico

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Chiesa di San Pietro

Chiesa di San Pietro

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Bosco Santo Pietro

Bosco Santo Pietro

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Ti potrebbe interessare anche
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Viaggio (troppo breve) tra alcune delle meraviglie della Capitale italiana della Cultura 2018
Artistico/storico
Villa Cattolica, sede del "Museo Renato Guttuso"
Villa Cattolica, sede del Museo Renato Guttuso
Villa Cattolica, sede del "Museo Renato Guttuso"
Austera villa settecentesca, è l'unica di Bagheria ad avere una stanza dello scirocco
Artistico/storico
Marsala, Città del Vino
Marsala, Città del Vino
Marsala, Città del Vino
Qui è custodita una delle navi fenicie che combattè la I guerra punica
Artistico/storico
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Dalle necropoli preistoriche al quartiere ebraico, alla scoperta di secoli di storia racchiusi in un piccolo borgo
Artistico/storico
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Tra Neoclassicismo, Art Nouveau, ottimo vino e il mare limpido e pescoso di Scoglitti
Artistico/storico
Un fine settimana fra le stanze di Casa Verga
Un fine settimana fra le stanze di Casa Verga
Un fine settimana fra le stanze di Casa Verga
Una visita per carpire tutta l'"intimità" del grande scrittore verista siciliano
Artistico/storico
La Casa-Museo di Vincenzo Bellini
La Casa-Museo di Vincenzo Bellini
La Casa-Museo di Vincenzo Bellini
Nel cuore della Catania barocca, a palazzo Gravina, le preziose memorie del "cigno" di Catania
Artistico/storico
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Nel cuore dell'isola, l'urbs inexpugnabilis fondata dallo schiavo siriano Euno
Artistico/storico
Pedara, adagiata sui colli meridionali dell'Etna
Pedara, adagiata sui colli meridionali dell'Etna
Pedara, adagiata sui colli meridionali dell'Etna
Paesaggi straordinari, vegetazione rigogliosa, monumenti unici: Pedara è una dimensione da scoprire
Artistico/storico
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Incastonato tra l'Etna e la Valle dell'Alcantara un piccolo borgo immerso nel verde
Artistico/storico
Visitando la "piccola Pantalica" di Paolo Orsi
Visitando la piccola Pantalica di Paolo Orsi
Visitando la "piccola Pantalica" di Paolo Orsi
La splendida Militello in Val di Catania con il suo immenso patrimonio medievale e barocco
Artistico/storico
L'antico Presepe di Caltagirone
L'antico Presepe di Caltagirone
L'antico Presepe di Caltagirone
L'antica e preziosa arte di fare ''figureddi'' dei mastri artigiani di Caltagirone
Artistico/storico
Parco Culturale Giuseppe Tomasi di Lampedusa
Parco Culturale Giuseppe Tomasi di Lampedusa
Parco Culturale Giuseppe Tomasi di Lampedusa
Sulle orme del Gattopardo partendo da Palermo per arrivare a Palma di Montechiaro
Artistico/storico
Horcynus Orca - Parco Letterario Stefano D'Arrigo
Horcynus Orca - Parco Letterario Stefano D'Arrigo
Horcynus Orca - Parco Letterario Stefano D'Arrigo
Un viaggio tra le punte di Sicilia e Calabria, lì dove albergano Scilla e Cariddi
Artistico/storico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate