Giarre la città risparmiata dal furore dell'Etna

Giarre la città risparmiata dal furore dell'Etna

Un viaggio che va dal neoclassico al barocco e arriva allo stile floreale

ph. Alqasar - CC BY 3.0

Sulla costa orientale della Sicilia, tra il vulcano più alto d'Europa e l'azzurro del mar Ionio, sorge Giarre la città dell'hinterland etneo risparmiata dalle colate laviche che, nei secoli, hanno distrutto gli altri paesini della zona. Nel 1928 ad esempio, una colata investì la vicina Mascali arrestandosi alle porte della frazione giarrese di Santa Maria la Strada. Giarre si trova a circa 80 metri s.l.m., in una posizione ventilata e panoramica, che permette l'osservazione della caldera di collasso della Valle del Bove, nella quale vanno a confluire la maggior parte delle colate laviche del versante orientale del vulcano. Privo di sbocchi al mare, il territorio comunale, che ricade in parte all'interno del Parco dell'Etna, è adagiato tra la fertile piana costiera e le prime propaggini del vulcano tra i 15 e i 600 metri s.l.m. Il territorio è attraversato dal torrente Macchia che s'insinua in un'ampia frattura di origine sismica, nei territori di Santa Venerina e Acireale, a nord-ovest di Giarre. Queste faglie hanno dato origine, in passato, a vari terremoti che hanno devastato diverse contrade. Da ricordare i sismi del 1865 e del 1911, che danneggiarono gravemente le frazioni di Macchia e quelli del 1952 e del 1971. Giarre si trova a metà strada tra Catania e Taormina, in una posizione favorevole per quanto riguarda le vie di comunicazione ed il turismo e, in passato ha formato un'importante polo urbano con la vicina Riposto, con cui fu unita durante il periodo fascista, assumendo il nome di Jonia.

Pillole di storia - Si dice che nel territorio di Giarre anticamente sorgesse la città di Kallipolis, fondata dai calcidesi nel VII secolo a.C. e distrutta nel 403 a.C. da Dionisio I. In realtà non esiste alcuna fonte storico-archeologica che documenti la posizione precisa di Kallipolis, ma è opinione diffusa che corrisponda alla odierna Giarre. La città attuale nacque nel XVI secolo come borgata della Contea di Mascali, grazie all'interesse del vescovo conte Nicola Maria Caracciolo che risolvette il problema delle terre della contea, costituite da boschi e paludi da bonificare, mediante lo strumento dell'enfiteusi. Acesi e messinesi investirono in queste terre i loro capitali e in un secolo i grandi possedimenti incolti furono trasformati in vigneti ricchi di vino, facendo diventare Giarre un centro di benessere. In seguito al tragico terremoto che sconvolse la Val di Noto nel 1693 e allo spostamento dell'antica via Consolare verso il mare, la città si sviluppò ulteriormente diventando punto di passaggio obbligato per i viaggiatori che si spostavano tra Catania e Messina. Una data significativa nella storia di questa città è il 1815 in cui, dopo numerosi tentativi, ottenne l'autonomia da Mascali insieme ai borghi di Riposto, Torre Archirafi, Macchia, San Giovanni Montebello, Dagala del Re, Sant'Alfio, Milo e ad altri centri minori che successivamente divennero autonomi. Durante il fascismo i due comuni di Giarre e Riposto vennero riuniti e assunsero prima il nome di Giarre-Riposto e poi di Jonia o Ionia e successivamente  furono ridivisi.

Dove MANGIARE in provincia di Catania
Dove DORMIRE a Giarre

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Piazza Duomo

Piazza Duomo

Piazza Duomo
Vedi »
Chiesa di San Francesco al Carmine

Chiesa di San Francesco al Carmine

San Francesco al Carmine
Vedi »
Chiesa di Santa Maria la Strada

Chiesa di Santa Maria la Strada

Santa Maria la Strada
Vedi »
Chiesa di Maria Santissima di Porto Salvo

Chiesa di Maria Santissima di Porto Salvo

Chiesa di Altarello
Vedi »
3 novembre 2016
Condividi:
Museo D'Arte Contemporanea Ospedale delle Donne

Museo D'Arte Contemporanea Ospedale delle Donne

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
ARREDO LAVANDERIA

ARREDO LAVANDERIA

Alberghi e ospitalità
proposto da Samod SRL
Bosco Santo Pietro

Bosco Santo Pietro

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Collezione Colaleo

Collezione Colaleo

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
AMORE MIO, SICILIAN FOOD.Centro Sicilia. CT
ARREDO HOTEL

ARREDO HOTEL

Alberghi e ospitalità
proposto da Samod SRL
Museo Civico Ex Carcere Borbonico

Museo Civico Ex Carcere Borbonico

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Ti potrebbe interessare anche
Mazara del Vallo, regina dei mari
Mazara del Vallo, regina dei mari
Mazara del Vallo, regina dei mari
Il suggestivo centro, il Casbah, dall'impianto urbanistico islamico che ricorda le medine
Architettonico
In moto da Enna a Cefalù
In moto da Enna a Cefalù
In moto da Enna a Cefalù
Dal tetto della Sicilia raggiungiamo in moto la perla del Tirreno
Paesaggistico
Ad Alia, le grotte della Gurfa
Ad Alia, le grotte della Gurfa
Ad Alia, le grotte della Gurfa
Monumento di architettura rupestre è la tomba a tholos più grande del Mediterraneo
Archeologico
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Nel cuore dell'isola, l'urbs inexpugnabilis fondata dallo schiavo siriano Euno
Artistico/storico
In moto sulle Madonie
In moto sulle Madonie
In moto sulle Madonie
Arrivare a Pizzo Carbonara per dominare con lo sguardo l'intera Sicilia
Paesaggistico
Isnello, piccolo gioiello tra i monti
Isnello, piccolo gioiello tra i monti
Isnello, piccolo gioiello tra i monti
Un weekend nel comune montano in provincia di Palermo, tra cultura e tesori artistici
Artistico/storico
Sempre più persi nel blu di Favignana
Sempre più persi nel blu di Favignana
Sempre più persi nel blu di Favignana
I punti di immersione più belli della grande farfalla delle Egadi
Marino
Favignana, la grande farfalla
Favignana, la grande farfalla
Favignana, la grande farfalla
Il mare limpido, le deliziose calette, i colori e i profumi della macchia mediterranea
Marino
Marina di Ragusa, per una parentesi di assoluto relax
Marina di Ragusa, per una parentesi di assoluto relax
Marina di Ragusa, per una parentesi di assoluto relax
Nella splendida località Gianni Amelio ha girato uno dei suoi più premiati film, "Il ladro di bambini"
Marino
Modica, Città delle cento Chiese
Modica, Città delle cento Chiese
Modica, Città delle cento Chiese
Pittoresche stradine, palazzi e chiese barocche nella città "Patrimonio dell'Umanità"
A Palermo, seguendo il candido barocco dei Serpotta
A Palermo, seguendo il candido barocco dei Serpotta
A Palermo, seguendo il candido barocco dei Serpotta
Tra oratori e chiese, nella Capitale italiana della cultura seguendo un itinerario serpottiano
Artistico/storico
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Viaggio (troppo breve) tra alcune delle meraviglie della Capitale italiana della Cultura 2018
Artistico/storico
Alicudi, l'isola dai mille gradini
Alicudi, l'isola dai mille gradini
Alicudi, l'isola dai mille gradini
Viaggio in un mondo selvaggio e incantato dove non ci sono auto e neppure strade
Marino
Un 'Postino' a Salina
Un 'Postino' a Salina
Un 'Postino' a Salina
Nello Smeraldo del Mediterraneo, dove fu girato l'ultimo film di Massimo Troisi
Cinematografico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate