Gratteri: tesoro di storia e cultura

Gratteri: tesoro di storia e cultura

Nella Madrice vecchia un reliquario custodirebbe quattro spine della corona di Cristo

A circa 630 metri sul livello del mare, nell'area settentrionale del Parco delle Madonie, sorge Gratteri piccolo comune di circa 1300 abitanti immerso nel verde di boschi lussureggianti, costituiti per lo più da pini e querce. Il suo territorio comunale confina con quello dei comuni di Cefalù (nord e nord-ovest), Lascari (nord-ovest), Collesano (ovest e sud-ovest) e Isnello (est e sud-est).

Panorama di Gratteri - Foto di Carlo Columba
Foto di Carlo Columba, CC BY-SA 2.5 it

Gratteri è un autentico scrigno a cielo aperto ricco di opere d'arte, di storia e cultura dove vale la pena trascorrere un week end all'insegna del relax, respirando una frizzante aria montana e mangiando le tante specialità locali come la squisita frittedda di Gratteri.

La navata della Chiesa Madre di Gratteri dove è conservato il reliquiario con le Sacre spine della Corona di Gesù Cristo

Anche dal punto di vista religioso Gratteri detiene un tesoro d'inestimabile valore: all'interno della Chiesa Madre in un prezioso reliquario d'argento sono infatti conservate quattro spine che si presume appartengano alla corona di Cristo. La reliquia sembra sia stata portata personalmente da Gerusalemme in Sicilia dal conte Ruggero D'Altavilla dopo aver partecipato alla I Crociata e, secondo storici di indubbia fama, come il Fazello, il Pirri e altri è stata oggetto di culto nel paese sin dal XIII secolo. Nel 1648, il barone don Lorenzo Ventimiglia e la consorte Maria Filangeri fecero erigere a loro spese, in onore delle Sante Spine, un sontuoso altare in marmo ed una robusta custodia in ferro che fu collocata nella loro cappella privata, all'interno della Madrice Vecchia.

Sin dai tempi più antichi se ne celebra la festa la prima domenica di maggio, data che ricorda il ritrovamento della reliquia che dei forestieri avevano rubato proprio la notte precedente. I gratteresi si riferiscono a questa vicenda parlando di 'miracolo del vento', che molto probabilmente è un fatto realmente accaduto. Si racconta infatti, che un sabato notte del 1400 due forestieri si siano introdotti nella Madrice Vecchia del paese e abbiano rubato la teca contenente le Sacre Spine.

La statua del Cristo deposto della Chiesa Madre di Gratteri

Mentre stavano fuggendo e imboccando la strada che li avrebbe condotti a Collesano, un impetuoso vento di scirocco li costrinse a buttarsi per terra per evitare di essere trascinati nel vicino precipizio. Furono ritrovati la mattina successiva da alcuni contadini che si recavano in campagna. I due malcapitati si meravigliarono del fatto che gli altri non avessero sentito la furia del vento mentre loro erano rimasti bloccati per terra a causa di esso. Un contadino aiutandoli a rialzarsi si accorse della teca rubata e la riportò in chiesa. Fu proprio in quel momento che il vento cessò favorendo la fuga dei due ladri.

Alcune tradizioni locali fanno pensare che il miracolo sia un fatto realmente accaduto. Difatti, a partire dal 1837 fino a pochi anni addietro, ogni qualvolta imperversava il vento di scirocco o anche altre calamità naturali la popolazione gratterese chiedeva che venissero esposte le SS.Spine al fine d'implorarne la fine. Non vi è dubbio che ancor oggi il culto verso questa reliquia viene mantenuto in grande considerazione e i gratteresi, ovunque sparsi per il mondo, ogni anno fanno a gara nell'inviare la loro offerta affinché per la realizzazione della festa.

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Matrice Vecchia

Matrice Vecchia

Matrice vecchia
Vedi »
Chiesa di San Giacomo

Chiesa di San Giacomo

San Giacomo
Vedi »
Abbazia normanna di San Giorgio

Abbazia normanna di San Giorgio

Abbazia di San Giorgio
Vedi »
Chiesa di Santa Maria di Gesù

Chiesa di Santa Maria di Gesù

Santa Maria del Gesù
Vedi »
10 novembre 2016
Condividi:
Ex Carcere Borbonico

Ex Carcere Borbonico

Agriturismo e turismo rurale
proposto da Villa D'Andrea
Macchine per caffè in cialde GRIMAC E DIDIESSE PALERMO E PROVINCIA

Macchine per caffè in cialde GRIMAC E DIDIESSE PALERMO E PROVINCIA

Ingredienti per cucinare e da forno
proposto da H2O
Glicine Bush  x 15

Glicine Bush x 15

Fiori
9,00 €
Orchidea Papillon x 6 Large H 120
Nastro Animato Pinetti  da 25 metri  blu
Busta juta H 80 x 16

Busta juta H 80 x 16

Confezioni regalo
24,95 €
Fiocco Nascita Bavettone Rosa

Fiocco Nascita Bavettone Rosa

Fiocchi e nastri
17,10 €
Macchine Enologiche

Macchine Enologiche

Produzione di vino
Ti potrebbe interessare anche
Lungo l'Antica Trasversale Sicula
Lungo l'Antica Trasversale Sicula
Lungo l'Antica Trasversale Sicula
Da una punta all’altra della Sicilia... trasversalmente, si va sulle orme degli antichi eroi
Artistico/storico
La leggenda del Castello di Donnafugata
La leggenda del Castello di Donnafugata
La leggenda del Castello di Donnafugata
Qui venne imprigionata la principessa Bianca di Navarra dal perfido conte Bernardo Cabrera
Artistico/storico
Città dell'Olio e dei Musei
Città dell'Olio e dei Musei
Città dell'Olio e dei Musei
Qualche giorno a Chiaramonte Gulfi, passeggiando per le strade del ''balcone di Sicilia''
Enogastronomico
Salemi, la prima capitale d'Italia
Salemi, la prima capitale d'Italia
Salemi, la prima capitale d'Italia
Sull'antica cittadina attraversata dagli splendori e dalle miserie di millenaria Storia
Artistico/storico
Makella, signora della Valle dell'Eleuterio
Makella, signora della Valle dell'Eleuterio
Makella, signora della Valle dell'Eleuterio
Marineo (PA), un piccolo centro dove storia, cultura e arte si intrecciano mirabilmente
Artistico/storico
Sicilia dei misteri
Sicilia dei misteri
Sicilia dei misteri
Un itinerario da brivido a caccia dei luoghi infestati dai fantasmi di casa nostra
Artistico/storico
Lentini, città delle arance rosse e...
Lentini, città delle arance rosse e...
Lentini, città delle arance rosse e...
del sommo filosofo Gorgia e del poeta a capo della Scuola Siciliana Jacopo da Lentini
Agronomico/rurale
Modica, Città delle cento Chiese
Modica, Città delle cento Chiese
Modica, Città delle cento Chiese
Pittoresche stradine, palazzi e chiese barocche nella città "Patrimonio dell'Umanità"
Artistico/storico
Visitando la splendida Militello Val di Catania
Visitando la splendida Militello Val di Catania
Visitando la splendida Militello Val di Catania
La "piccola Pantalica" di Paolo Orsi con il suo immenso patrimonio medievale e barocco
Artistico/storico
Caccamo e il suo castello
Caccamo e il suo castello
Caccamo e il suo castello
La ricca città medioevale che ospita il castello più grande della Sicilia
Artistico/storico
Il Castello di Mussomeli e i suoi fantasmi
Il Castello di Mussomeli e i suoi fantasmi
Il Castello di Mussomeli e i suoi fantasmi
Grande opera architettonica e punto di riferimento per gli appassionati di occultismo
Artistico/storico
Alcamo e il Castello dei Conti di Modica
Alcamo e il Castello dei Conti di Modica
Alcamo e il Castello dei Conti di Modica
Nella patria di Cielo d'Alcamo noto esponente della scuola poetica siciliana di Federico II
Artistico/storico
I castelli della provincia di Enna
I castelli della provincia di Enna
I castelli della provincia di Enna
Nel cuore della Sicilia anche il maniero italiano più vicino alle stelle
Artistico/storico
Il Castello Ursino di Catania
Il Castello Ursino di Catania
Il Castello Ursino di Catania
Fatto edificare da Federico II, fu simbolo dell'autorità e del potere imperiale in Sicilia
Artistico/storico
Savoca, il paese dalle sette facce
Savoca, il paese dalle sette facce
Savoca, il paese dalle sette facce
Città d’arte e di affascinante bellezza, è stata scelta come set di numerosi film di grande successo
Artistico/storico
Giarratana, un vero museo a cielo aperto
Giarratana, un vero museo a cielo aperto
Giarratana, un vero museo a cielo aperto
Nel piccolo comune-museo del Ragusano, gli usi e i costumi di una volta
Artistico/storico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate