Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il Natale a Licata, tra novene e Pastorale

Zampogne, canti dialettali e la rappresentazione della Pastorale nella tradizione licatese

Il Natale a Licata, tra novene e Pastorale
Contenuti Sponsorizzati
Chiesa di Maria Santissima del Monte
DEAN MARKLEY POLISH PER CHITARRA
Vino Bianco / Intrigante /  Grillo /  Fattorie Azzolino
SILOS DI STOCCAGGIO MATERIE PRIME
Visualizza mappa itinerario

La tradizione natalizia di Licata (AG) è particolarmente legata alla musica. Da sempre gli zampognari animano il Natale licatese eseguendo novene a domicilio che cominciano il giorno dell'Immacolata (8 dicembre), proseguono per Santa Lucia (13 dicembre) e continuano per tutto il periodo natalizio. Le famiglie sono solite addobbare le edicole (fiureddi) davanti gli usci di casa con rami di palma, pino o carrubbo, con arance, mandarini e altri agrumi per ospitare gli zampognari durante i nove giorni che precedono il Natale.

Licata di notte

Purtroppo, in questo particolare Natale 2020, l'antica tradizione musicale non potrà svolgersi a causa delle restrizioni necessarie a contenere i contagi da covid19. Per noi è un motivo in più per raccontarla ed aspettare con speranza il nuovo anno quando, finalmente, si potrà andare e vivere la magica atmosfera natalizia di Licata.

Zampogne, zampognari e novene

Zampogne, zampognari e novene

La zampogna che viene suonata a Licata è del tipo "a paio" (ciaramedda a paru) che si distingue dalla zampogna "a chiave" monrealese, ampiamente diffusa in tutta la Sicilia. Un cantore accompagna lo zampognaro con il "cimmulu" (un cerchietto munito di piattini e sonagli), mentre altri cantori si uniscono alla coppia per fare il coro.

Zampognari in strada

La novena inizia con un canto in lingua italiana - "Tu scendi dalle stelle" o con "O Maria quanto sei bella", oppure con canti tradizionali siciliani - mentre il cantore sta a braccia aperte dinanzi all'immagine sacra come per renderle omaggio. I canti sono associati da temi ricorrenti come l'adorazione dei pastori e la ninna nanna al Bambino. Si eseguono poi una serie di melodie esclusivamente strumentali, come la Pasturali e la Campaniata, quest'ultima che tende a imitare il suono delle campane che annunciano la nascita di Gesù bambino.

Zampognari e suonatori licatesi

Come tutti gli zampognari siciliani anche quelli licatesi eseguono diverse melodie di vasta diffusione popolare o brani di accompagnamento al ballo (ballitti). Infatti, la novena si conclude sempre con un ballittu e se, nel frattempo, si è fatto buio a volte si fanno anche dei falò.
Con l'acclamazione corale Viva Gesù Bambino! si conclude la parte musicale del rito. Le famiglie offrono allora cibi e bevande ai suonatori e a tutti i presenti.

La Pasturali

Pastorale di Licata - Foto di Pietro Motisi

L'elemento più rappresentativo della tradizione licatese è costituito dalla "Pasturali" che viene rappresentata dal 26 dicembre al 6 gennaio secondo modalità di committenza simili a quelle delle novene. La Pasturali ha una durata di circa 40 minuti e in questa sono presenti sei personaggi: tre pastori (Bardassaru, Marsioni e Titu, nella tradizione locale i nomi dei Re Magi), un Curàtulu che si occupa della masseria e due suonatori. Vestiti di pelle di capra con il volto ricoperto da una lunga barba portano in mano un bastone, mentre il Curatulu ha pure un mantello. I dialoghi alternano l'italiano al dialetto siciliano con battute a sfondo comico e talvolta osceno.

"L'addumannata", così si chiama la fase preparatoria, è affidata alla famiglia che ha richiesto la rappresentazione. La scenografia è costituita da una capanna  fatta di legno, cartone e frasche, sotto un'edicola addobbata e illuminata dove viene acceso un falò all'inizio della rappresentazione (di solito fatta nelle ore serali).

I pastori sono meravigliati dalla forte luce che proviene dalla capanna, giunti in prossimità della quale si addormentano. Nel frattempo, arriva il Curàtulu che con gesti di gioia e meraviglia, festeggia la nascita del Messia e sveglia i pastori. "Guardate che brillare sulla grotta di Betlemme, come fate a dormire o pastori, svegliatevi!".

A questo punto i pastori, che per svegliarsi hanno fatto faticare il povero Curàtulu, finalmente riconoscono l'avvento del Messia, escono dalla capanna e si inginocchiano verso l'immagine sacra esposta nell'edicola. Il Curàtulu allora declama un componimento in siciliano che rievoca i momenti dell'Annunciazione e della Natività.

La Pasturali si conclude con l'offerta al Bambino di canti e melodie di danza analoghe a quelle eseguite per le novene. I ragazzini a questo punto, distruggono la capanna per alimentare il fuoco e vi saltano dentro per dare prova di coraggio mentre si distribuiscono dolci, cibi e vivande.

La Pastorale di Nardu a Santa Elisabetta

Santa Elisabetta (AG)

Il giorno dell'Epifania a Santa Elisabetta, piccolo centro agricolo poco distante da Licata, la Pastorale viene rappresentata in forma diversa. Protagonista della rappresentazione è un certo Nardu, servo pigro e un po' scemo attorno al quale viene rievocata la vita che un tempo si svolgeva nelle masserie: la preparazione della ricotta che serviva a condire le lasagne, la raccolta dell'erba e della legna, la caccia del coniglio, la cattura del ladro d'arance, l'uccisione del lupo che vuole attaccare un agnello e così via.

Nardu addormentato

L'epilogo è costituito dall'arrivo a cavallo "di tri Re" che scortano la Sacra Famiglia in un breve percorso dalla piazza alla chiesa. Nardu mostra grande stupore per la nascita miracolosa e assume quindi un ruolo simile a quello dello "spaventato" del presepe (u meravigghiatu da rutta). La scena si svolge al suono delle sonate delle zampogne e della banda, ai ritmi del tamburo e agli spari a salve dei campieri a cavallo, oltre al festoso scampanio di un gregge che sfila.

Mentre nella Pastorale di Licata si ripercorre il modello di origine ecclesiastica, come dimostra il personaggio del Curàtulu che viene illuminato dalla grazia divina, illuminando pure i pastori, a Santa Elisabetta invece, permangono evidenti i tratti di un arcaico rituale propiziatorio agro-pastorale connesso al solstizio invernale.

11 dicembre 2020
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Chiesa di Maria Santissima del Monte
DEAN MARKLEY POLISH PER CHITARRA
Vino Bianco / Intrigante /  Grillo /  Fattorie Azzolino
SILOS DI STOCCAGGIO MATERIE PRIME
Ti potrebbe interessare anche
Una visita nel "curioso" Castello di Santa Lucia del Mela
Una visita nel ''curioso'' Castello di Santa Lucia del Mela
Una visita nel "curioso" Castello di Santa Lucia del Mela
Leggenda vuole che nella sua prigione fu detenuto Pier della Vigna, protagonista del XIII Canto dell'Inferno di Dante
Artistico/storico
Un viaggio nell'anima, un viaggio nella Fiumara d'Arte
Un viaggio nell'anima, un viaggio nella Fiumara d'Arte
Un viaggio nell'anima, un viaggio nella Fiumara d'Arte
"Sono qui per stupirmi... Con lo stupore si inizia ed anche con lo stupore si termina..."
Artistico/storico
Il Castello Ursino di Catania
Il Castello Ursino di Catania
Il Castello Ursino di Catania
Fatto edificare da Federico II, fu simbolo dell'autorità e del potere imperiale in Sicilia
Artistico/storico
I castelli della provincia di Enna
I castelli della provincia di Enna
I castelli della provincia di Enna
Nel cuore della Sicilia anche il maniero italiano più vicino alle stelle
Artistico/storico
Alla scoperta di Erice
Alla scoperta di Erice
Alla scoperta di Erice
Eryx, meravigliosa cittadina fenicia e greca, protetta dalla dea Venere
Artistico/storico
Taormina, la perla dello Ionio
Taormina, la perla dello Ionio
Taormina, la perla dello Ionio
E ai piedi della città, un suggestivo isolotto immerso nell'azzurro del Mar Ionio
Artistico/storico
Breve viaggio nella preziosa Castroreale
Breve viaggio nella preziosa Castroreale
Breve viaggio nella preziosa Castroreale
Le chiese, il Museo Civico, la Pinacoteca: sono solo alcuni dei tesori da visitare
Artistico/storico
Gratteri: tesoro di storia e cultura
Gratteri: tesoro di storia e cultura
Gratteri: tesoro di storia e cultura
Nella Madrice vecchia un reliquario custodirebbe quattro spine della corona di Cristo
Artistico/storico
Horcynus Orca - Parco Letterario Stefano D'Arrigo
Horcynus Orca - Parco Letterario Stefano D'Arrigo
Horcynus Orca - Parco Letterario Stefano D'Arrigo
Un viaggio tra le punte di Sicilia e Calabria, lì dove albergano Scilla e Cariddi
Artistico/storico
Gangi, perla delle Madonie
Gangi, perla delle Madonie
Gangi, perla delle Madonie
L'Arte e la Cultura nel luogo che ha dato i natali allo Zoppo di Gangi e al Quattrocchi
Artistico/storico
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Tra Neoclassicismo, Art Nouveau, ottimo vino e il mare limpido e pescoso di Scoglitti
Artistico/storico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE