Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il Parco Archeologico di Monte Iato

Sopra San Giuseppe Jato e San Cipirrello l'antica Jetas, cittadella fondata dagli Elimi

Il Parco Archeologico di Monte Iato
Contenuti Sponsorizzati
Chiesa dei Cappuccini
San Giacomo, Patrono di Caltagirone
Foglia di Loto Naturale Preservata  dm 50 - Sconti per Fioristi e Aziende
Turismo rurale a Caltagirone
Montaggio Strutture Prefabbricate
Visualizza mappa itinerario

A circa 30 km da Palermo, sopra i centri abitati di San Cipirello e San Giuseppe Jato, si eleva maestoso il Monte Jato (m.852 s.l.m.) che domina la vallata del Fiume Jato e, verso est, quella del ramo destro del Fiume Belice.

Partendo da San Giuseppe Jato e percorrendo un sentiero distante tre km dal paese, si giunge in cima al monte in cui si trovano i resti dell'antica cittadella di Jetas, che ricade proprio nel territorio dei comuni di San Giuseppe Jato e San Cipirello.

Parco Archeologico di Monte Jato

Il sito controlla da una parte il valico di Portella della Paglia, attraverso cui era assicurato l'accesso alla Conca d'Oro ed il collegamento con l'antico emporio punico di Panormos, dall'altra la vallata del Belice, attraverso cui era possibile il collegamento con la costa meridionale dell'isola e con la colonia greca di Selinunte.

Si tratta di un'antica cittadella, fondata probabilmente dagli elimi, caratterizzata dalla compresenza di solide mura greco-romane, con pietre rigorosamente tagliate e sistemate e di precarie mura di epoca medioevale. L'insediamento fa parte di un sistema di abitati su altura, attivi dall'età greca e romana fino a quella medievale.

Una missione di scavi, guidata dal professor Peter Isler dell'Università di Zurigo nel 1971, ha contribuito in modo determinante a riportare alla luce l'abitato di Jetas, cittadella citata da storici del calibro di Tucidide, Diodoro Siculo, Plinio e Cicerone.

Resti del Tempio di Afrodite

Pillole di storia - il primo insediamento umano sul Monte Jato sorse intorno al I millennio a.C. Attorno al VI sec. a.C., si ebbero invece, i primi contatti col mondo coloniale greco e, proprio grazie ad architetti e artigiani greci, sorsero i primi edifici in muratura e la città greca con i suoi edifici caratteristici: il tempio di Afrodite, il teatro, l'agorà, la casa privata a peristilio e altri. A partire dal IV secolo a.C. Jetas, cosi come tutta la Sicilia occidentale, fu sotto il dominio dei Cartaginese. Grazie al racconto di Diodoro Siculo sappiamo che essa, tra il 278 ed il 275 a.C., fu assalita da Pirro, re dell'Epiro, e che durante la prima guerra punica (264-241 a.C.) gli Jetini, cacciati i Cartaginesi, si consegnarono ai Romani e ripresero possesso del Monte.

Frammento di ceramica, secolo VI, nel museo di San Cipirello - ph Enzian44
Frammento di ceramica, secolo VI, nel museo di San Cipirello | Foto di Enzian44 - Opera propria, CC BY 3.0

Da un passo della Naturalis Historia di Plinio il Vecchio e attraverso le opere di Silio Italico è noto che nel 79 d.C. Jetas (denominazione latina) divenne una delle 45 città siciliane tributarie di Roma e nella prima età imperiale fu uno dei 50 insediamenti urbani più importanti dell'isola. Ai romani seguirono i bizantini sino alla conquista araba del 827. Le fonti e i documenti di età normanna attestano che la presenza musulmana a Giato (nome dell'età arabo-normanna) era molto forte. Nel 1190 la città era diventata assieme ad Entella il simbolo e la roccaforte della rivolta dei musulmani della Val di Mazara che si opponevano a Federico II. Nel 1246, nel domare una rivolta religiosa, il centro venne definitivamente raso al suolo dalle truppe di Riccardo di Caserta e gli abitanti furono deportati a Lucera di Puglia. Da allora il sito fu abbandonato. Nel 1779, il Principe Beccadelli Bologna fondò di San Giuseppe dei Mortilli, l'attuale San Giuseppe Jato, attorno ad un casale ed una chiesetta dei gesuiti.

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Teatro Greco

Teatro Greco

Teatro Greco
Vedi »
Tempio di Afrodite

Tempio di Afrodite

Tempio di Afrodite
Vedi »
15 settembre 2016
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Chiesa dei Cappuccini
San Giacomo, Patrono di Caltagirone
Foglia di Loto Naturale Preservata  dm 50 - Sconti per Fioristi e Aziende
Turismo rurale a Caltagirone
Montaggio Strutture Prefabbricate
Ti potrebbe interessare anche
La Stonehenge siciliana si chiama Argimusco
La Stonehenge siciliana si chiama Argimusco
La Stonehenge siciliana si chiama Argimusco
Viaggio misterico tra le "sacre e magiche" rocce di Montalbano Elicona. Con un video di Giuseppe Famà
Archeologico
I castelli della provincia di Enna
I castelli della provincia di Enna
I castelli della provincia di Enna
Nel cuore della Sicilia anche il maniero italiano più vicino alle stelle
Artistico/storico
Negli abissi di Lipari, il relitto maledetto
Negli abissi di Lipari, il relitto maledetto
Negli abissi di Lipari, il relitto maledetto
Nel 300 a.C. il tragico naufragio di una nave carica di anfore e ceramiche
Archeologico
La secca di Capo Graziano a Filicudi
La secca di Capo Graziano a Filicudi
La secca di Capo Graziano a Filicudi
Un itinerario nell'area archeologica sottomarina più bella delle Eolie
Archeologico
Il borgo rupestre di Sperlinga
Il borgo rupestre di Sperlinga
Il borgo rupestre di Sperlinga
''Ciò che piacque ai siciliani, venne negato dalla sola Sperlinga''
Artistico/storico
Un itinerario nella preistoria
Un itinerario nella preistoria
Un itinerario nella preistoria
Sulle tracce degli uomini che abitarono la valle di Caltagirone nel Neolitico
Archeologico
Lentini, città delle arance rosse e...
Lentini, città delle arance rosse e...
Lentini, città delle arance rosse e...
del sommo filosofo Gorgia e del poeta a capo della Scuola Siciliana Jacopo da Lentini
Agronomico/rurale
L'area archeologica di Himera
L'area archeologica di Himera
L'area archeologica di Himera
A due passi da Termini Imerese, la necropoli più grande della Magna Grecia
Archeologico
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Akragas, "la più bella tra le città dei mortali", fu un fiorente centro culturale
Artistico/storico
Il Parco Archeologico di Segesta
Il Parco Archeologico di Segesta
Il Parco Archeologico di Segesta
La città fondata dai profughi scampati alla guerra di Troia, guidati dal mitico eroe Enea
Archeologico
Nella Città delle Caverne
Nella Città delle Caverne
Nella Città delle Caverne
Viaggio alla Cava d'Ispica, dove i cristiani trovarono rifugio dalle persecuzioni romane
Archeologico
Al Castello di Eurialo
Al Castello di Eurialo
Al Castello di Eurialo
Fatto costruire da Dioniso il Vecchio, rese Siracusa inespugnabile agli attacchi nemici
Artistico/storico
Makella, signora della Valle dell'Eleuterio
Makella, signora della Valle dell'Eleuterio
Makella, signora della Valle dell'Eleuterio
Marineo (PA), un piccolo centro dove storia, cultura e arte si intrecciano mirabilmente
Artistico/storico
Latomie, prigioni di pietra
Latomie, prigioni di pietra
Latomie, prigioni di pietra
Qui furono imprigionati gli Ateniesi, sopravvissuti nel 413 a.C. al massacro dell'Asinaro
Archeologico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE