Il Presepe vivente di Monterosso Almo

Il Presepe vivente di Monterosso Almo

Centinaia di figuranti mettono in scena un presepe ambientato negli anni '50

Nel dedalo di viuzze di un antico e suggestivo quartiere (Matrice) del centro storico di Monterosso Almo (RG) si rinnova anche quest'anno la magia del presepe vivente. Il quartiere Matrice ospita la rappresentazione, ambientata negli anni '50, tornando solo per qualche giorno a brulicare di vita, di luce e delle atmosfere di un tempo.
Centinaia di figuranti mettono in scena la venuta al mondo del Salvatore. Mestieri ormai scomparsi ritornano alla vita, a testimoniare un passato immune dall'odierno consumismo ed in simbiosi con i ritmi delle stagioni.

Appena entrati nel percorso si è subito coinvolti dall'atmosfera natalizia iniziando il viaggio etno-antropologico nel passato. Qui è possibile vedere mestieri ormai scomparsi : i ''curdari'' che intrecciano le corde, ''u fìrraru'' che fa riscaldare il ferro per poi batterlo ripetutamente modellandolo a suo piacimento, ''u cirnituri'', ''a lavannara'', ''u scarparu'' con il proprio garzone mentre acconcia le scarpe rotte e tante altre figure, ritornano protagonisti riproponendosi alle nuove generazioni che le stanno dimenticando. Ancora è possibile ammirare ''i raccamatrici'' che ricamano vari tessuti in una stanza riscaldata dalla brace, ''a furnara'' mentre prepara il pane caldo che esce dal forno a legna in pietra, ''u ppuntapiatti'' che ricorda come anticamente i piatti rotti di terracotta venivano risistemati unendo nuovamente i pezzi, ''u panararu'' che intrecciando canne e verghe di ulivo costruisce sapientemente canestrelli (i panara) che venivano usati per metterci i frutti e poi ancora ''i cummari'' che spettegolano su tutti con detti e proverbi antichi, una delle scene che maggiormente attrae il pubblico.

Nella taverna riscaldati dal vino, al suono del mandolino e della fisarmonica, si canta allegramente mentre nella sua bottega lo scalpellino con sapienza artigiana plasma la dura pietra. Un ragazzo fa la serenata alla sua bella mentre i visitatori rimangono incantati davanti al quadretto della vita domestica rappresentato da una famiglia. Il tutto permeato dal suono delle ciaramedde che avverte che la grotta è vicina. Il capolavoro del presepe è proprio la grotta. Qui come d'incanto appaiono i Magi, l'asinello, il bue, Maria, Giuseppe e il Bambinello che ogni anno ci chiede di essere accolto nella nostra vita.

Monterosso Almo - Si trova su una collina, circondato da monti piú alti che gli impediscono di godere di enormi panorami ma che lo riparano dai venti freddi. E' il paese piú alto e più a nord della provincia di Ragusa ed il suo territorio è prevalentemente montuoso. Esso segue il profilo della montagna su cui è costruito, determinando in questo modo una divisione in due parti: inferiore e superiore.Giù nella valle, presso il vecchio mulino, si apre la grotta di Calaforno: un susseguirsi di 35 camerette che in epoca remota sono servite da necropoli e riadattate poi ad abitazioni. Abitato fin dai tempi preistorici da popolazioni sicule  risulta essere di particolare interesse archeologico. Oltre alla necropoli di Calaforno sono stati rinvenuti l'abitato di Monte Casasia e  le 'Grotte dei Santi' con affreschi bizantineggianti. Tra le chiese ricordiamo quella di San Giovanni, un edificio a tre navate con cupola e facciata barocca. L'interno é decorato con stucchi e dotato di un pulpito in legno intagliato. Sulla piazza si affacciano anche la Chiesa sconsacrata di Sant'Anna e vari altri palazzi in stile neoclassico. Nella parte piú bassa del paese si trova  la Chiesa Madre ricostruita in stile neogotico dopo il terremoto del XVII secolo. La facciata è a bugnato e nell'interno, suddiviso in tre navate, si trovano diverse opere d'arte tra cui un crocifisso ligneo del XV secolo e due acquasantiere del XII secolo.  Degni di nota sono Palazzo Zacco e la Chiesa di Sant'Antonio, dotata di notevoli tesori artistici quali la grande pala con il Martirio di San Lorenzo, il Battesimo di Costantino e la Madonna del Carmelo.

- www.presepemonterosso.it

12 dicembre 2016
Condividi:
Bugania x 20

Bugania x 20

Fiori
2,95 €
Muri Vegetali   Stabilizzati a metro quadrato
Telo Juta grezza H 200  rotolo da Kg. 30
Nastrovel H 12 da 10 metri

Nastrovel H 12 da 10 metri

Fiocchi e nastri
3,65 €
Cellofan funebre Bobina H100x50 mt   H100 x 50 mt  Modello ISIDE
Felce di Bosco Preservata x 10
Ti potrebbe interessare anche
In cammino lungo la Magna Via Francigena
In cammino lungo la Magna Via Francigena
In cammino lungo la Magna Via Francigena
Un itinerario di 160 km tra Agrigento e Palermo, ripercorrendo le rotte dei pellegrini
Agronomico/rurale
Cammino dei Santuari Madoniti
Cammino dei Santuari Madoniti
Cammino dei Santuari Madoniti
Collega tutti i Santuari madoniti attraverso i sentieri che anticamente percorrevano i pellegrini
Paesaggistico
La Settimana Santa di Enna
La Settimana Santa di Enna
La Settimana Santa di Enna
Sette giorni di antiche tradizioni in uno dei momenti più suggestivi per visitare Enna
Religioso
Pasqua in Sicilia
Pasqua in Sicilia
Pasqua in Sicilia
I Segni e i Simboli popolari nelle rappresentazione pasquali in terra siciliana
Religioso
Catania e la sua Sant'Agata
Catania e la sua Sant'Agata
Catania e la sua Sant'Agata
Culto, devozione, folklore nella festa più attesa dai catanesi. Una festa unica al mondo
Religioso
Un viaggio tra i presepi siciliani
Un viaggio tra i presepi siciliani
Un viaggio tra i presepi siciliani
Da Custonaci a Sutera, passando per Caltagirone e Gangi rivive il villaggio di Betlemme
Religioso
Il settecentesco Presepe di Acireale
Il settecentesco Presepe di Acireale
Il settecentesco Presepe di Acireale
Indietro nel tempo, quando le donne indossavano gli scialli e portavano "le trusce"
Religioso
Il Presepe vivente di Agira
Il Presepe vivente di Agira
Il Presepe vivente di Agira
In un antico castello saraceno, in scena il "presepe più originale d'Italia"
Religioso
L'antico Presepe di Scicli
L'antico Presepe di Scicli
L'antico Presepe di Scicli
Nella Chiesa di S. Bartolomeo il presepe ligneo che ha resistito al terremoto del 1693
Religioso
Tyndaris, tra storia e leggenda
Tyndaris, tra storia e leggenda
Tyndaris, tra storia e leggenda
Un importante santuario mariano, un parco archeologico e i laghetti di Marinello
Archeologico
Il cammino di Santa Rosalia
Il cammino di Santa Rosalia
Il cammino di Santa Rosalia
La grotta di Santo Stefano Quisquina e quella di Monte Pellegrino, i due luoghi certi dove visse la Santuzza
Religioso
Itinerarium Rosaliae
Itinerarium Rosaliae
Itinerarium Rosaliae
Sulle orme della 'Santuzza', un cammino a metà tra un trekking e un pellegrinaggio
Paesaggistico
Il Presepe vivente di Castanea
Il Presepe vivente di Castanea
Il Presepe vivente di Castanea
Un itinerario attraverso i vecchi mestieri e al tempo stesso un percorso di fede
Religioso
Il Presepe vivente di Sutera
Il Presepe vivente di Sutera
Il Presepe vivente di Sutera
Nel Rabato, il magico quartiere arabo di Sutere, rivive l'antico villaggio di Betlemme
Religioso
Periodo natalizio a Licata, tra novene e Pastorale
Periodo natalizio a Licata, tra novene e Pastorale
Periodo natalizio a Licata, tra novene e Pastorale
Zampogne, canti dialettali e la rappresentazione della Pastorale nella tradizione licatese
Religioso
Il Presepe vivente di Custonaci
Il Presepe vivente di Custonaci
Il Presepe vivente di Custonaci
La nascita di Gesù nello splendido teatro naturale della grotta Mangiapane
Religioso
Vedi tutti gli itinerari

Offerte & Promozioni

Quadretto - madonna con Gesù bambino

Aziende consigliate