Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

In mountain bike sui monti Iblei

I 'canyons' iblei custodi di tesori naturalistici e storici

In mountain bike sui monti Iblei
Contenuti Sponsorizzati
scegli il tour di Sicilia che preferisci
CUOIO  KAMUI BLACK MEDIUM DIAM. 14 MM
San Giacomo, Patrono di Caltagirone
Presepe dei Cappuccini
STECCA DA POOL MODELLO GD 52 2 PZ.
Visualizza mappa itinerario

L'Altopiano Ibleo è caratterizzato dalla presenza di profonde gole naturali, incise nel corso dei millenni dall'azione corrosiva degli agenti atmosferici e fluviali. Queste gole, chiamate 'cave', non sono altro che stretti valloni rocciosi simili a dei 'canyons' ormai poco frequentati dall'uomo e invasi da una vegetazione spontanea lussureggiante. Oltre ad essere luoghi di spettacolare bellezza, rivestono grande importanza dal punto di vista naturalistico in quanto la presenza più o meno costante d'acqua, le alte pareti a strapiombo, le erosioni carsiche (come nelle grotte dei Giganti e dei Rovi), ne hanno fatto vere e proprie nicchie ecologiche. Questi profondi valloni inoltre, sono caratterizzati dalle numerose testimonianze che l'operosità dell'uomo vi ha impresso per secoli, come ad esempio i mulini e le antiche masserie che in tempi passati erano fonte di sostentamento per molte famiglie che abitavano e lavoravano queste zone.

A pochi chilometri da Ragusa, la Cava della Misericordia è una delle tante che incidono profondamente il tavolato calcareo ibleo ed è percorsa dal torrente Ciaramite, che taglia il tavolato da ovest ad est, affluendo nel fiume Irminio. La prima cosa che tutti notano entrando nella cava è il silenzio che avvolge il visitatore, rotto soltanto dal rumore delle acque del fiume che scorre indisturbato tra la vegetazione. Anche qui sono presenti testimonianze di archeologia industriale come vecchi mulini o masserie antiche abbandonate dall'uomo, le cui strutture versano in uno stato di profondo degrado. Tuttavia sono ancora riconoscibili alcuni tratti di canalizzazioni, che prelevavano l'acqua dal fiume per convogliarla verso le macine dei mulini o negli orti. All'interno della cava si ritrovano i tipici muretti a secco, caratteristici del ragusano. Una volta raggiunta la parte alta della cava si può ammirare la chiesetta di Sant'Elia (Santu Liu), che custodisce un antico altare in pietra, una piccola acquasantiera, una nicchia centrale dove probabilmente era sistemata la statua del Santo e tracce d’affreschi. 'Santu Liu' era considerato un tempo il Santo della pioggia e veniva invocato e portato in processione nei periodi di siccità. Nella parte centrale della cava invece, tra la fitta vegetazione, si distingue ancora l'antico romitorio di Santa Maria della Misericordia, mentre nella parte bassa la cava Celone ospita uno dei più grandi cimiteri ipogeici della provincia, risalente al periodo bizantino, con ben tremila tombe in parte terragne ed in parte scavate nella roccia. Nella cava scorre poca acqua perché le acque delle sorgenti sono state dirottate e convogliate nell'acquedotto di Ragusa Ibla.

Flora e Fauna - La flora è rappresentata da salici, pioppi, carrubbi, mentre, negli ultimi anni, l'Azienda Forestale ha realizzato un esteso rimboschimento che sta rubando sempre più spazio alla fitta vegetazione spontanea rappresentata da bagolari, salici, platani, pioppi, querce ormai sopraffatti quasi ovunque dall'invadente pineta. Melograni, fichi, noci, carrubi, mandorli, loti e agrumi ormai inselvatichiti rappresentano la residua testimonianza della presenza dell'uomo. Nelle pareti e sui pendii crescono le tipiche piante aromatiche come la nepetella, il cappero, la menta d’acqua, l'origano e altre piante arbustive della macchia mediterranea come la palma nana, l'alaterno e il terebinto. Riguardo alla fauna, sono presenti conigli selvatici, volpi, numerose specie di uccelli come taccole, falchi pellegrini, poiane, gheppi, e numerosi rettili quale il bellissimo e raro colubro leopardino.

Itinerari e percorsi - L’itinerario che stiamo per illustrarvi è il classico itinerario adatto agli appassionati di trekking o di mountain bike. Si tratta, infatti, di un percorso affascinante e molto divertente che si snoda sui Monti Iblei attraverso un paesaggio vario e molto apprezzato dai bikers che lo considerano un'ottima palestra di allenamento adatto anche a chi fa agonismo. Partendo dalla città di Ibla si possono seguire due percorsi diversi.
Il primo è adatto per chi ama arrampicarsi per i tornanti che portano all'ingresso della strada sterrata. Uscendo da Ragusa Ibla si imbocca la S.P. per Giarratana e si prosegue, fino alla stazione ferroviaria. Subito dopo la stazione, prima del passaggio a livello, si imbocca la traversa sulla sinistra e si risale. Qui la strada è molto ripida, ma dopo circa due chilometri di collina si apre davanti lo scenario mozzafiato della valle; arrivati all'incrocio si svolta a sinistra e si scende per circa 500 metri, per trovare sulla destra la strada sterrata che porta al cancello demaniale.
Il secondo percorso è più adatto ai bikers puri, amanti dell'off road e dei single track. Si esce sempre da Ragusa Ibla ed invece di arrivare fino alla stazione si svolta a sinistra, proprio appena finisce il ponte sul torrente San Leonardo. Dopo aver percorso la 'trazzera' che costeggia il corso d'acqua per un chilometro circa si svolta a destra alla prima traversa e si incontra un selciato (zona lastricata con silice e ciottoli). Percorrendolo tutto, pochi metri più avanti si arriva ai piedi di una scalinata che può essere risalita o aggirata svoltando ancora a destra per il sentiero transennato con una catena. Esso, dopo un pò di salita, riporterà alla fine della scalinata da dove percorrendo un altro sentiero si finisce sulla strada asfaltata. Da qui può iniziare l'itinerario conoscitivo della parte alta della Cava.

Se invece voleste percorrere la mulattiera che scende fino alle sorgenti della Cava della Misericordia sarebbe meglio farsi accompagnare dalle guide del 'Green Bike' (fondato da amanti della mountain bike, con diversi anni di esperienza off road), la cui attività comprende il settore escursionistico, adesso chiamato anche freeride.

Info: www.greenbikerg.com

------------------------------------------------

Alcune delle immagini presenti su Guidasicilia.it possono provenire da risorse di Internet. Vogliamo assicurare la nostra assoluta buonafede, e qualora il loro utilizzo violasse diritti d'autore, vi invitiamo a contattarci (qui), provvederemo prontamente a rimuoverle.

23 giugno 2016
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
scegli il tour di Sicilia che preferisci
CUOIO  KAMUI BLACK MEDIUM DIAM. 14 MM
San Giacomo, Patrono di Caltagirone
Presepe dei Cappuccini
STECCA DA POOL MODELLO GD 52 2 PZ.
Ti potrebbe interessare anche
A Levanzo, tra Cala Minnola e Capo Grosso
A Levanzo, tra Cala Minnola e Capo Grosso
A Levanzo, tra Cala Minnola e Capo Grosso
Dove i Romani sconfissero i Cartaginesi ponendo fine alla I Guerra Punica
Marino
Persi nel blu di Favignana
Persi nel blu di Favignana
Persi nel blu di Favignana
I punti di immersione più belli della grande farfalla delle Egadi
Marino
Sempre più persi nel blu di Favignana
Sempre più persi nel blu di Favignana
Sempre più persi nel blu di Favignana
I punti di immersione più belli della grande farfalla delle Egadi
Marino
Stromboli, il regno di Efesto
Stromboli, il regno di Efesto
Stromboli, il regno di Efesto
La natura e i fondali aspri e selvaggi dell'isola dove 'Iddu' è signore e padrone
Marino
Alicudi, l'isola dai mille gradini
Alicudi, l'isola dai mille gradini
Alicudi, l'isola dai mille gradini
Viaggio in un mondo selvaggio e incantato dove non ci sono auto e neppure strade
Marino
Marettimo, una montagna in mezzo al Mediterraneo
Marettimo, una montagna in mezzo al Mediterraneo
Marettimo, una montagna in mezzo al Mediterraneo
Ricchi fondali, grotte e panorami mozzafiato nella Itaca dello scrittore Samuel Butler
Paesaggistico
Ustica, Perla nera del Mediterraneo
Ustica, Perla nera del Mediterraneo
Ustica, Perla nera del Mediterraneo
Nell'intenso blu del mare di Ustica, dove nuota indisturbato il barracuda
Marino
Panarea, l'isola dei vip
Panarea, l'isola dei vip
Panarea, l'isola dei vip
Meta preferita del jet set internazionale dove potrete trascorrere una vacanza da sogno
Marino
Linosa, nera e selvaggia
Linosa, nera e selvaggia
Linosa, nera e selvaggia
Isola di origine vulcanica, nelle sue spiagge nidifica la tartaruga Caretta Caretta
Marino
Lampione, l'isola degli squali
Lampione, l'isola degli squali
Lampione, l'isola degli squali
Non un'isola ma un masso che sarebbe sfuggito dalle mani di un Ciclope
Marino
Viaggio alle Eolie, dimora del dio dei venti
Viaggio alle Eolie, dimora del dio dei venti
Viaggio alle Eolie, dimora del dio dei venti
Vulcano, Lipari, Panarea e Filicudi: 4 modi per vivere una vacanza nell'arcipelago delle Eolie
Paesaggistico
La Riserva della Foce del Fiume Platani
La Riserva della Foce del Fiume Platani
La Riserva della Foce del Fiume Platani
Importante luogo di sosta per l'avifauna migratrice proveniente dalle coste africane
Naturalistico
Stromboli, vulcano di Dio
Stromboli, vulcano di Dio
Stromboli, vulcano di Dio
Un viaggio dentro l'aspra natura di Stromboli dove 'Iddu' è signore e padrone
Naturalistico
Straordinaria, leggendaria isola di Vulcano
Straordinaria, leggendaria isola di Vulcano
Straordinaria, leggendaria isola di Vulcano
Nata dal fuoco delle viscere profonde del mare, unica e affascinate isola delle Eolie
Marino
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE