L'antico Presepe di Caltagirone

L'antico Presepe di Caltagirone

L'antica e preziosa arte di fare ''figureddi'' dei mastri artigiani di Caltagirone

La tradizione del presepe in Sicilia ha origini molto antiche. Risale infatti, al XVI secolo la prima produzione di personaggi della Sacra Famiglia, realizzati ad opera di mastri artigiani (pasturari e santari). Ispirandosi all'opera dei grandi maestri napoletani e palermitani, gli artigiani di Caltagirone iniziarono a produrre figuredde sempre più ricche di particolari nella forma e nel colore. Caltagirone, da sempre, è stato uno dei centri più importanti nella creazione di queste figurine, che generalmente erano realizzate in creta. La città infatti, sin dall'antichità aveva basato la sua economia sulla lavorazione dell'argilla, tanto da diventare uno dei più importanti centri di produzione in Italia. Purtroppo il terribile terremoto che sconvolse la Sicilia l'11 Gennaio 1693 rase al suolo buona parte della città cancellando per sempre i primi esempi di quest'arte, testimonianza di una tradizione religiosa diffusa in tutte le classi sociali.
Oggi sappiamo soltanto che i "Santari" ed i "Pasturari" modellavano e coloravano le figure della Natività su commissione di chiese e conventi. L'antica tradizione ceramista del luogo influì molto su questa nuova produzione imprimendole subito caratteristiche tutte particolari e rendendola inconfondibile.

Furono create figurine popolari prodotte in serie che conquistarono le classi più umili e per opera degli artigiani più capaci, si produssero figure a tutto tondo modellate a mano, vere e proprie statuine. Committenti furono Chiese, conventi, corporazioni religiose ma anche le classi agiate. Intorno al XVIII secolo, all'interno dell'aristocrazia, si diffuse la moda di commissionare presepi sempre più preziosi ed elaborati. In questo modo si cominciò a completare le tradizionali rappresentazioni della Sacra Famiglia, con personaggi della cultura contadina: a nanna cu li puddicini (la vecchia con i pulcini), lu ricuttaru (il ricottaio), lu furnaru (il fornaio), lu pasturellu (vezzeggiativo di pastorello), la lavannara (la lavandaia), ecc.

Sempre al '700 risale l'opera di artigiani che si dedicarono alla realizzazione delle sculture per i presepi e tra questi artisti meritano di essere menzionati A. Branciforte, G. Vaccaio, A. Margioglio e i fratelli Giuseppe e Giacomo Bongiovanni. In particolare si distinse il minore dei due Giacomo producendo statuine da presepe in terracotta policroma rifacendosi alla tradizione secolare, imprimendogli però una nuova dignità artistica. Giuseppe e Giacomo avevano una sorella che sposò Sebastiano Vaccaro e dalla loro unione nacquero cinque figli. Tra questi artisticamente spiccò Giuseppe che si legò allo zio e alla sua bottega firmandosi Bongiovanni Vaccaro.

L'ultimo produttore di presepi fu Padre Benedetto Papale dei minimi di S. Francesco che seppe incantare Caltagirone ed i forestieri ad ogni festa del Santo Patrono con i suoi splendidi disegni con cui si ornava e si  illuminava la celebre Scala. La Confraternita della Chiesa di S. Maria di Betlemme di Modica gli commissionò un presepe grandioso. In quell'occasione Papale costruì un presepe monumentale animato con splendidi pastori dei Bongiovanni-Vaccaro e del giovanissimo allievo Giacomo Azzolina. Sessanta figure, immerse in un paesaggio che evoca le contrade modicane, costituirono l'esempio più alto di quest'arte in Sicilia, dove si realizza la sintesi tra l'arte plastica dei figurinai più importanti del tempo ed il più geniale costruttore di presepi. Benedetto Papale, oltre ad essere costruttore fu anche "pasturaro" e la sua produzione era vanto di collezioni pubbliche e private. La fine del secolo vide altri abili artigiani varcare i confini locali. Tra questi ricordiamo Salvatore Morretta e suo figlio, Gaetano Blandini, Vella e Giacomo Iudici. Pochi nomi comunque, rispetto alla variegata produzione dell'800, hanno chiuso il secolo salvandosi dall'oblio. Nel Museo delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma si possono ancora oggi ammirare le opere acquistate dall'etnologo L. Loria nel 1907.
Ogni anno, a Caltagirone, si ripropone la mostra del Presepe Monumentale nella cripta del Monastero dei Cappuccini e, tra l'altro, il presepe della Meraviglia lungo la monumentale scala di Santa Maria del Monte.

- www.ipresepidicaltagirone.it

28 novembre 2016
Condividi:
curve per cordoli   9x25x20
Tubo in cemento Ø cm 80

Tubo in cemento Ø cm 80

Blocchi di cemento
proposto da Tubicem s.r.l.
Nastro Animato Pinetti  da 25 metri  blu
Spezzoni-buste per rosa in cellofan 65 X 100 cm  in 2 modelli
Blocco in Calcestruzzo Tradizionale  25 x 20 x 50
Top in acciao inox ETNAINOX srl
Fiocco Nascita Mongolfiera Large Rosa
Ti potrebbe interessare anche
Acireale, dai mitici Ciclopi alla ricchezza barocca
Acireale, dai mitici Ciclopi alla ricchezza barocca
Acireale, dai mitici Ciclopi alla ricchezza barocca
Una passeggiata nel centro della città più volte distrutta dai terremoti e ricostruita sempre più bella
Artistico/storico
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Vittoria: Città del Liberty e del Cerasuolo
Tra Neoclassicismo, Art Nouveau, ottimo vino e il mare limpido e pescoso di Scoglitti
Artistico/storico
Gratteri: tesoro di storia e cultura
Gratteri: tesoro di storia e cultura
Gratteri: tesoro di storia e cultura
Nella Madrice vecchia un reliquario custodirebbe quattro spine della corona di Cristo
Artistico/storico
Nel cuore rurale della Sicilia
Nel cuore rurale della Sicilia
Nel cuore rurale della Sicilia
Un piccolo viaggio al confine delle province di Palermo e Caltanissetta, tra campi e pascoli
Agronomico/rurale
I Musei delle Terre di Cerere
I Musei delle Terre di Cerere
I Musei delle Terre di Cerere
Tutti i musei di una magica terra, dove il mito si confonde con la storia
Agronomico/rurale
Campobello di Licata, Città d'Arte
Campobello di Licata, Città d'Arte
Campobello di Licata, Città d'Arte
Dalla selva oscura sino all'Empireo, un viaggio dantesco nella splendida Valle delle pietre dipinte
Artistico/storico
Il Castello di Roccavaldina
Il Castello di Roccavaldina
Il Castello di Roccavaldina
Un weekend nella cittadina del Messinese fondata da un tribuno romano
Artistico/storico
Isnello, piccolo gioiello tra i monti
Isnello, piccolo gioiello tra i monti
Isnello, piccolo gioiello tra i monti
Un weekend nel comune montano in provincia di Palermo, tra cultura e tesori artistici
Artistico/storico
Trapani, città dei due mari
Trapani, città dei due mari
Trapani, città dei due mari
Si narra che il promontorio di Drepanon si formò dalla falce di Cerere caduta in mare
Artistico/storico
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Luogo ideale per un fine settimana da dedicare alla cultura e alla tradizione siciliana
Artistico/storico
Ferla, il borgo della "via sacra"
Ferla, il borgo della ''via sacra''
Ferla, il borgo della "via sacra"
Dal cuore rupestre e antichissimo, dopo il grande terremoto del 1693, rinacque con le esuberanti forme del Barocco
Artistico/storico
Da Mazara a Castelvetrano
Da Mazara a Castelvetrano
Da Mazara a Castelvetrano
Un itinerario tra storia e architettura, alla ricerca dell'anima araba e normanna
Artistico/storico
Un week end a Castelvetrano
Un week end a Castelvetrano
Un week end a Castelvetrano
Una vacanza culturale ed enogastronomica dedicata a tutte le buone forchette
Artistico/storico
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Nel cuore dell'isola, l'urbs inexpugnabilis fondata dallo schiavo siriano Euno
Artistico/storico
Palma di Montechiaro, la città del Gattopardo
Palma di Montechiaro, la città del Gattopardo
Palma di Montechiaro, la città del Gattopardo
Da questi luoghi trasse ispirazione Giuseppe Tomasi di Lampedusa per scrivere il suo capolavoro
Artistico/storico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate