L'antico Presepe di Scicli

L'antico Presepe di Scicli

Nella Chiesa di S. Bartolomeo il presepe ligneo che ha resistito al terremoto del 1693

Uno dei più antichi presepi siciliani è un presepe ligneo conservato nella Chiesa di San Bartolomeo, (edificata nel '400) a Scicli. Risale infatti, al 1576 e fu commissionato ad uno scultore del quale purtroppo non si conosce l'identità. Per l'esatteza furono commissionati dei pastori che avrebbero dovuto essere posti all'interno della Chiesa di San Bartolomeo. Dell'autore, come già detto, si sa poco. Si può affermare con certezza soltanto che il presepe è di fattura napoletana. L'influenza del presepe napoletano su quello siciliano è indiscussa, soprattutto per gli stretti rapporti che esistevano tra i due Regni del meridione, anche se l'arte di rappresentare la nascita del Bambin Gesù nell'Isola si  è evoluta in maniera del tutto originale. Il presepe ligneo purtroppo, venne danneggiato gravemente da un terremoto che nel 1693 distrusse buona parte del paese. Inoltre subì, nel corso dei secoli, varie ristrutturazioni e restauri. Al centro della scena compare la Natività, mentre gli altri personaggi, contadini e pastori, fanno da contorno. Delle statue, in origine 65 , ne sono rimaste oggi soltanto 29. Attualmente si possono ammirare alcune statue in legno dipinto alte circa un metro e mezzo. Oltre a custodire il più antico presepe di Sicilia, ogni anno, a Scicli si mette in scena un presepe vivente molto suggestivo. Si svolge in un luogo particolare e affascinante, una collina detta di Chiafura dove si trova l'antico agglomerato trogloditico con abitazioni rupestri e sepolcri di un epoca in cui Scicli era ubicata sulla collina di San Matteo, adiacente l'attuale città. La collina e le grotte vengono illuminate in modo da rispettare le condizioni naturali del luogo e vari personaggi animano l'ambiente con scene bucoliche e pastorali.

Chiesa di San Bartolomeo - La Chiesa di San Bartolomeo risale ai primi anni del XV secolo e fu l'unica a resistere al pauroso sisma del 1693. Le decorazioni interne furono realizzate  in un periodo che va dalla prima metà del '700 sino al 1864. La facciata è di stile barocco-neoclassico, sorretto da possenti colonne, fu progettato dall'architetto siracusano Salvatore D'Alì all'inizio del XIX secolo. L'interno è strutturato in un' unica navata decorata con stucchi, dorature e affreschi (che rappresentano San Bartolomeo di Francesco Pascucci e  l'Immacolata fra Santi del Cassarino e la Deposizione del Preti). Ci sono inoltre dipinti su tela tra cui da ricordare: il Martirio di San Bartolomeo di Francesco Pascucci, l'Immacolata fra Santi del Cassarino e la Deposizione del Preti (1613-1699). Opera d'arte inimitabile è sicuramente il Presepe ligneo di cui oggi restano solo 29 statue. Completano la chiesa la Statua dell'Immacolata e la Sacra Cassa, un'urna contenente reliquie e incisa da rappresentazioni della vita di San Bartolomeo.

9 dicembre 2016
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Tyndaris, tra storia e leggenda
Tyndaris, tra storia e leggenda
Tyndaris, tra storia e leggenda
Un importante santuario mariano, un parco archeologico e i laghetti di Marinello
Archeologico
In cammino lungo la Magna Via Francigena
In cammino lungo la Magna Via Francigena
In cammino lungo la Magna Via Francigena
Un itinerario di 160 km tra Agrigento e Palermo, ripercorrendo le rotte dei pellegrini
Agronomico/rurale
La Settimana Santa di Enna
La Settimana Santa di Enna
La Settimana Santa di Enna
Sette giorni di antiche tradizioni in uno dei momenti più suggestivi per visitare Enna
Religioso
Catania e la sua Sant'Agata
Catania e la sua Sant'Agata
Catania e la sua Sant'Agata
Culto, devozione, folklore nella festa più attesa dai catanesi. Una festa unica al mondo
Religioso
Cammino dei Santuari Madoniti
Cammino dei Santuari Madoniti
Cammino dei Santuari Madoniti
Collega tutti i Santuari madoniti attraverso i sentieri che anticamente percorrevano i pellegrini
Paesaggistico
Pasqua in Sicilia
Pasqua in Sicilia
Pasqua in Sicilia
I Segni e i Simboli popolari nelle rappresentazione pasquali in terra siciliana
Religioso
Un viaggio tra i presepi siciliani
Un viaggio tra i presepi siciliani
Un viaggio tra i presepi siciliani
Da Custonaci a Sutera, passando per Caltagirone e Gangi rivive il villaggio di Betlemme
Religioso
Il settecentesco Presepe di Acireale
Il settecentesco Presepe di Acireale
Il settecentesco Presepe di Acireale
Indietro nel tempo, quando le donne indossavano gli scialli e portavano "le trusce"
Religioso
Il Presepe vivente di Agira
Il Presepe vivente di Agira
Il Presepe vivente di Agira
In un antico castello saraceno, in scena il "presepe più originale d'Italia"
Religioso
Il Presepe vivente di Monterosso Almo
Il Presepe vivente di Monterosso Almo
Il Presepe vivente di Monterosso Almo
Centinaia di figuranti mettono in scena un presepe ambientato negli anni '50
Religioso
Il cammino di Santa Rosalia
Il cammino di Santa Rosalia
Il cammino di Santa Rosalia
La grotta di Santo Stefano Quisquina e quella di Monte Pellegrino, i due luoghi certi dove visse la Santuzza
Religioso
Itinerarium Rosaliae
Itinerarium Rosaliae
Itinerarium Rosaliae
Sulle orme della 'Santuzza', un cammino a metà tra un trekking e un pellegrinaggio
Paesaggistico
Il Presepe vivente di Castanea
Il Presepe vivente di Castanea
Il Presepe vivente di Castanea
Un itinerario attraverso i vecchi mestieri e al tempo stesso un percorso di fede
Religioso
Il Presepe vivente di Sutera
Il Presepe vivente di Sutera
Il Presepe vivente di Sutera
Nel Rabato, il magico quartiere arabo di Sutere, rivive l'antico villaggio di Betlemme
Religioso
Periodo natalizio a Licata, tra novene e Pastorale
Periodo natalizio a Licata, tra novene e Pastorale
Periodo natalizio a Licata, tra novene e Pastorale
Zampogne, canti dialettali e la rappresentazione della Pastorale nella tradizione licatese
Religioso
Il Presepe vivente di Custonaci
Il Presepe vivente di Custonaci
Il Presepe vivente di Custonaci
La nascita di Gesù nello splendido teatro naturale della grotta Mangiapane
Religioso
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate