L'Etna e le sue grotte

L'Etna e le sue grotte

Lassù, verso la Grotta del Gelo, il ghiacciaio perenne più meridionale d'Europa

A ovest della costa orientale della Sicilia, nel territorio della provincia di Catania, si erge l'Etna, il vulcano più alto d'Europa e uno dei maggiori del mondo. Formatosi circa 500 mila anni fa, il Mungibeddu (Mons Gebel come lo chiamavano gli Arabi) non solo è ancora in piena attività ma è anche un gigante in piena crescita, con i suoi 3350 metri s.l.m.

L'Etna presenta quattro bocche sommitali eruttive (Bocca Nuova, Centrale, Sud Est, Nord Est) e numerosi crateri laterali o bocche avventizie sparse sui fianchi del cratere, fino a quote di poche centinaia di metri sul livello del mare. Grazie alle sue frequenti e pericolose eruzioni, nei secoli, il paesaggio del vulcano ha subito veri e propri sconvolgimenti e più volte sono state minacciate le comunità umane insediate nei centri abitati cresciuti alle sue falde.

E' pur vero che le colate hanno contribuito notevolmente a rendere fertile il terreno, dove si è sviluppata una vegetazione lussureggiante, costituita da folti boschi di lecci, querce, castagni e pinete che conservano diverse specie botaniche endemiche, anche rare, e dove hanno trovato il loro habitat numerose speci animali. Per tutelare lo straordinario patrimonio naturale nel marzo 1987 è stato istituito il Parco dell'Etna, un angolo di paradiso dove si alternano boschi, crateri, grotte e colate laviche.
Tra le tante bellezze naturali che lo contraddistinguono, spettacolari sono proprio le grotte di origine vulcanica. La maggior parte di esse sono infatti, cavità di scorrimento lavico formatesi in seguito all'ingrottamento della lava. Una caratteristica di queste cavità sono le stalattiti da rifusione (dette anche 'Denti di Cane'), formatesi dalla sublimazione dei gas della colata e i rotoli di lava ai lati della stessa grotta di scorrimento. La più famosa è sicuramente la Grotta del Gelo, dove si trova il ghiacciaio perenne più meridionale d'Europa. Quest'ultima, insieme alle grotte di Serracozzo e dei Ladroni, è accessibile anche agli escursionisti dilettanti. Si sconsiglia invece, di avventurarsi, senza guida e apposita attrezzatura speleologica, nelle altre cavità perchè potrebbe essere molto pericoloso.
L'abbigliamento consigliato per il trekking è: una giacca a vento e scarpe da trekking o da ginnastica, per la grotta bisogna usare sempre il casco protettivo per la testa e i guanti. Il pranzo è rigorosamente a sacco, con sufficiente scorta d’acqua.

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Grotta dei Ladroni

Grotta dei Ladroni

Grotta dei Ladroni
Vedi »
Grotta di Serracozzo

Grotta di Serracozzo

Grotta Serracozzo
Vedi »
Grotta del Gelo

Grotta del Gelo

Grotta del Gelo
Vedi »
Grotta degli Archi

Grotta degli Archi

Grotta degli Archi
Vedi »
Grotta dei Lamponi

Grotta dei Lamponi

Grotta dei Lamponi
Vedi »
Grotta di Aci

Grotta di Aci

Grotta di Aci
Vedi »
Grotta del Santo

Grotta del Santo

Adrano
Vedi »
Grotte dei Tre Livelli e di Cassone

Grotte dei Tre Livelli e di Cassone

Grotta dei Tre Livelli
Vedi »
29 novembre 2017
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Stromboli, vulcano di Dio
Stromboli, vulcano di Dio
Stromboli, vulcano di Dio
Un viaggio dentro l'aspra natura di Stromboli dove 'Iddu' è signore e padrone
Naturalistico
Un weekend immersi nella natura di Enna
Un weekend immersi nella natura di Enna
Un weekend immersi nella natura di Enna
Scegliete voi i percorsi straripanti di benessere, in mountain-bike o a piedi
Paesaggistico
Cercatori lungo la via dell'ambra
Cercatori lungo la via dell'ambra
Cercatori lungo la via dell'ambra
Un itinerario avventuroso, cercando la simetite nella foce del fiume Simeto
Naturalistico
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Oasi verdi dove trascorrere una giornata in totale rilassatezza
Naturalistico
Un itinerario dal Parco dell'Etna alle stelle
Un itinerario dal Parco dell'Etna alle stelle
Un itinerario dal Parco dell'Etna alle stelle
Dal pianoro di Monte Vetore, passando per il Giardino botanico "Nuova Gussonea" e arrivare infine dove si osservano le stelle
Naturalistico
Nella Riserva Orientata Serre di Ciminna
Nella Riserva Orientata Serre di Ciminna
Nella Riserva Orientata Serre di Ciminna
Attreversando un patrimonio naturale formatosi circa 6 milioni di anni fa
Naturalistico
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Visita nell'unica Casa delle Farfalle del Centro-Sud dove sono ospitate le farfalle più belle del mondo
Naturalistico
In cammino lungo la Magna Via Francigena
In cammino lungo la Magna Via Francigena
In cammino lungo la Magna Via Francigena
Un itinerario di 160 km tra Agrigento e Palermo, ripercorrendo le rotte dei pellegrini
Agronomico/rurale
La Riserva Naturale Orientata di Monte Altesina
La Riserva Naturale Orientata di Monte Altesina
La Riserva Naturale Orientata di Monte Altesina
Paradiso naturale che custodisce uno degli ultimi lembi di lecceta mediterranea
Naturalistico
Cammino dei Santuari Madoniti
Cammino dei Santuari Madoniti
Cammino dei Santuari Madoniti
Collega tutti i Santuari madoniti attraverso i sentieri che anticamente percorrevano i pellegrini
Paesaggistico
Lo spettacolo della natura nell'inverno delle Madonie
Lo spettacolo della natura nell'inverno delle Madonie
Lo spettacolo della natura nell'inverno delle Madonie
Gli agrifogli di Piano Pomo. Un itinerario alla scoperta della rara Ilex aquifolium gigante
Naturalistico
La Riserva della Foce del Fiume Platani
La Riserva della Foce del Fiume Platani
La Riserva della Foce del Fiume Platani
Importante luogo di sosta per l'avifauna migratrice proveniente dalle coste africane
Naturalistico
Gambe in spalla, si va nell'Agrigentino
Gambe in spalla, si va nell'Agrigentino
Gambe in spalla, si va nell'Agrigentino
Un itinerario da fare "a piedi" in alcuni dei luoghi più belli della provincia agrigentina
Paesaggistico
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Grotte marine, zubbi, animali e fiori rari, colori e paesaggi di un angolo di paradiso
Naturalistico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate