La Grotta di Santa Ninfa

La Grotta di Santa Ninfa

Un ambiente suggestivo, di grande interesse speleologico e naturalistico

Contenuti Sponsorizzati
Villa Patti
Caltagirone città della ceramica
CUOIO  KAMUI BLACK CLEAR HARD DIAM. 14 MM
Itinerari della Fede
CUOIO ELK MASTER DIAM. 12 MM
Chamaerops in vaso
Visualizza mappa itinerario
  • Agriturismo nella provincia di Trapani - CLICCA QUI

La Riserva Naturale Integrale "Grotta di Santa Ninfa", affidata in gestione a Legambiente, è stata istituita nel 1996 per la protezione e la valorizzazione di un suggestivo ambiente carsico, di elevato interesse speleologico, geomorfologico e naturalistico.

Panoramica sulla conca del biviere - Santa Ninfa
Panoramica sulla conca del biviere - ph. www.geositidisicilia.it

L'area della riserva, ricadente nei territori comunali di Santa Ninfa e di Gibellina, in provincia di Trapani, si trova su un altopiano di natura gessosa, caratterizzato dalla presenza di numerose cavità sotterranee.

La riserva naturale comprende la grotta di maggiore estensione ed interesse (zona A di protezione integrale) e parte del suo bacino di alimentazione, esteso per circa 150 ettari e denominato Biviere (zona B di preriserva).

LA GROTTA

La Grotta di Santa Ninfa

La grotta è costituita da una cavità prevalentemente orizzontale, estesa per circa 1400 m, che rappresenta un ambiente di grande interesse speleologico per la presenza di un complesso sistema di meandri e gallerie, un tempo completamente invasi dall'acqua; il ramo superiore fossile é ormai asciutto, mentre in quello inferiore scorre ancora il corso d'acqua proveniente dal Biviere.

Particolare del corso d'acqua sotterraneo all'interno della Grotta di Santa Ninfa
Particolare del corso d'acqua sotterraneo all'interno della Grotta di Santa Ninfa - ph. www.geositidisicilia.it

La cavità termina in uno stretto sifone, non percorribile dall'uomo, che il torrente attraversa per riemergere a valle dell'ingresso della grotta, dando origine alla risorgenza.
La grotta è caratterizzata da splendide concrezioni, come cortine, stalattiti, infiorescenze parietali, pisoliti (perle di grotta).
L'elevato valore naturalistico della grotta di Santa Ninfa è legato inoltre alla presenza di una interessante fauna cavernicola, adattata a vivere in assenza di luce e in ambienti con elevato tasso di umidità.

GLI ITINERARI

La necropoli di Monte Finestrelle

La necropoli - Nell'area di riserva è inoltre presente una necropoli di origine protostorica, costituita da una trentina di nicchie scavate nei gessi di Monte Finestrelle, testimonianza della fiorente civiltà degli Elimi che dominava l'intero comprensorio.

Nelle vicinanze dell'area protetta si trova il Castello di Rampinzeri, antico feudo risalente al 1600, in cui è possibile ammirare l'antico frantoio e i resti di una cappella in stile neogotico.

Karren su roccia gessosa - ph. www.geositidisicilia.it
Karren su roccia gessosa - ph. www.geositidisicilia.it

Il Biviere: paesaggio e forme carsiche - Il paesaggio naturale dei gessi di Santa Ninfa, modellato nel corso del tempo dalle precipitazioni atmosferiche, é caratterizzato dalla presenza di fenomeni carsici sia sotterranei (grotte) che superficiali (doline, inghiottitoi, valli cieche); sugli affioramenti gessosi é possibile ammirare suggestive formazioni, costituite da solchi (karren) e vaschette di corrosione, che hanno modificato l'aspetto originario delle rocce.

Karren su roccia gessosa - ph. www.geositidisicilia.it
Foto www.geositidisicilia.it

Il torrente del Biviere - Alimenta la grotta e nasce su terreni argillosi alle pendici di M. Finestrelle (sito di una necropoli paleocristiana), scorre in una piccola forra in corrispondenza dell'affioramento gessoso e termina il suo corso superficiale in una grande valle cieca occupata da vigneti. Nelle ripide pareti di gesso che chiudono la valle é situato l'inghiottitoio, un imbuto naturale in cui si gettano le acque formando il piccolo fiume sotterraneo che attraversa la grotta.

Un esemplare di Discoglosso

Il Biviere: flora e fauna - Nell'area del Biviere, un tempo ricoperta in gran parte da boschi mediterranei, oggi dominano i coltivi e i rimboschimenti. Tuttavia sulle aree collinari e sulle pareti gessose sopravvivono ancora lembi di macchia mediterranea; nei valloni è presente una rigogliosa vegetazione ripariale.

La fauna comprende il riccio, l'endemico toporagno di Sicilia, il coniglio, l'istrice, la donnola, la volpe. Fra gli uccelli sono ben rappresentati la poiana e il piccolo gheppio, l'usignolo, la ghiandaia. E' di grande interesse fra gli anfibi la presenza del discoglosso, simile ad una rana e vivente solo nel Mediterraneo occidentale.

LA VISITA

Castello di Rampinzeri a Santa Ninfa

La riserva ha la sua sede nel Castello di Rampinzeri, a Santa Ninfa (TP), aperta tutti i giorni per l'accoglienza dei visitatori. La sede dispone di una sala video e di una biblioteca naturalistica, in cui è possibile consultare e visionare materiale didattico e divulgativo sulla riserva e su tematiche ambientali.

Concrezioni gessose all'interno della Grotta di Santa Ninfa
Concrezioni gessose all’interno della Grotta di Santa Ninfa - ph. www.geositidisicilia.it

L'ente gestore della riserva organizza visite guidate sia in grotta che nel territorio, attraverso i sentieri che permettono di scoprire gli aspetti più interessanti dell'area protetta (gli affioramenti di gesso e le forma carsiche, l'invaso Biviere, la grande conca in cui è situato l'inghiottitoio, la necropoli, il bosco). La prenotazione delle visite è obbligatoria, il servizio è gratuito.

Tutte le informazioni le trovate cliccando su: Legambiente Grotta di Santa Ninfa

29 novembre 2017
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Villa Patti
Caltagirone città della ceramica
CUOIO  KAMUI BLACK CLEAR HARD DIAM. 14 MM
Itinerari della Fede
CUOIO ELK MASTER DIAM. 12 MM
Chamaerops in vaso
Ti potrebbe interessare anche
Attraverso la Valle d'Agrò
Attraverso la Valle d'Agrò
Attraverso la Valle d'Agrò
Un viaggio attraverso monti, costeggiando fiumi, per arrivare fino al mare più blu della Sicilia
Architettonico
Gambe in spalla, si va nell'Agrigentino
Gambe in spalla, si va nell'Agrigentino
Gambe in spalla, si va nell'Agrigentino
Un itinerario da fare "a piedi" in alcuni dei luoghi più belli della provincia agrigentina
Paesaggistico
Sulle tracce del Fenicottero rosa, simbolo di fascino ed eleganza
Sulle tracce del Fenicottero rosa, simbolo di fascino ed eleganza
Sulle tracce del Fenicottero rosa, simbolo di fascino ed eleganza
I luoghi in Sicilia dove poter incontrare e osservare, pieni di meraviglia, l’elegante volatile rosa
Naturalistico
Trekking sui monti Sicani
Trekking sui monti Sicani
Trekking sui monti Sicani
A piedi per una zona ricca di interessi naturalistici, paesaggistici e archeologici
Naturalistico
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Oasi verdi dove trascorrere una giornata in totale rilassatezza
Naturalistico
Il Parco dei Nebrodi
Il Parco dei Nebrodi
Il Parco dei Nebrodi
I Nebrodi d'inverno tra boschi secolari, fiumi e laghi montani: un autentico paradiso
Naturalistico
Sicilia rapace!
Sicilia rapace!
Sicilia rapace!
Un viaggio nei luoghi d'elezione di tre rari uccelli rapaci: l'Aquila di Bonelli, il Capovaccaio, il Falco Lanario
Naturalistico
Favignana, la grande farfalla
Favignana, la grande farfalla
Favignana, la grande farfalla
Il mare limpido, le deliziose calette, i colori e i profumi della macchia mediterranea
Marino
Il Parco delle Madonie
Il Parco delle Madonie
Il Parco delle Madonie
Torrenti, foreste, valli nascoste e preziosi borghi: questo e tanto altro offrono le Madonie
Agronomico/rurale
Lampione, l'isola degli squali
Lampione, l'isola degli squali
Lampione, l'isola degli squali
Non un'isola ma un masso che sarebbe sfuggito dalle mani di un Ciclope
Marino
Linosa, nera e selvaggia
Linosa, nera e selvaggia
Linosa, nera e selvaggia
Isola di origine vulcanica, nelle sue spiagge nidifica la tartaruga Caretta Caretta
Marino
Polizzi Generosa, accogliente tesoro arroccato sulle Madonie
Polizzi Generosa, accogliente tesoro arroccato sulle Madonie
Polizzi Generosa, accogliente tesoro arroccato sulle Madonie
L'appellativo "Generosa" le venne dato da Federico II, impressionato dall'ottima accoglienza ricevuta dagli abitanti
Paesaggistico
Vedi tutti gli itinerari
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Un'estate esclusiva

Un'estate esclusiva

luglio 2018
COUNTRY FEST 2018

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE