Marsala, dalla preistoria ai romani...

Marsala, dalla preistoria ai romani...

Al museo archeologico allestito nelle antiche cantine del Baglio Anselmi

I tesori archeologici custoditi presso il Museo Archeologico regionale di Marsala coprono un ampissimo periodo storico, dalla preistoria ai romani, e raccontano, con chiarezza degli scritti esplicativi e ricchezza di testimonianze, la storia della città lilibea.
Il museo si trova all'interno del Baglio Anselmi, un antico stabilimento vinicolo, che si trova all'interno del Parco archeologico di Lilibeo, sul lungomare Boeo e da solo vale una visita a Marsala.
Nei gradevoli spazi museali sono stati sistemati i materiali preistorici provenienti dal comprensorio di Marsala e di Mazara del Vallo.

Tra i pezzi più interessanti uno strigile (strumento ricurvo e fornito di manico, usato nell'antichità per detergere il corpo dopo il bagno o anche dopo le gare ginniche), una cesoia di ferro, uno specchio di bronzo del III secolo a.C. e due steli puniche del IV - III secolo a.C. Degni di nota i corredi funerari, tra cui una edicola a forma di tempietto e i piccoli monumenti funerari in tufo con decorazione policroma.
Sono anche visibili importanti brani di pavimenti a tessere in marmo a tessere a mosaico databili tra il V ed il III secolo d.C e provenienti dall'antico centro abitativo del Lilibeo.
Ma i reperti più significativi sono sicuramente i resti della Nave romana di Marausa e la statua marmorea raffigurante una Venere Callipigia.


ph. sarah_c_murray - www.flickr.com, CC BY 2.0

La Nave romana di Marausa è il relitto di una nave oneraria romana del III secolo d.C. recuperato nel 2011 a 150 metri dalla costa di Trapani. Si tratta di una nave da carico ben conservata, lunga circa 27 metri e larga 9 metri, ed è il più grande relitto dell'epoca mai tirato fuori nei nostri mari, affondato nei bassi fondali durante la manovra di ingresso nel fiume Birgi, che allora era una via navigabile. Il carico era costituito da anfore africane cilindriche.

La statua marmorea raffigurante Venere Callipigia (ossia "dalle belle natiche") fu rinvenuta il 14 gennaio 2005 durante i lavori di scavo archeologico nell'area di pertinenza della Chiesa di San Giovanni Battista al Boeo. Databile alla seconda metà del II sec., la statua è acefala e manchevole della metà del braccio destro, che copriva pudicamente il seno, di più della metà del braccio sinistro, che reggeva l'himation, di metà circa della gamba destra e di parte della gamba sinistra. L'opera, scolpita in un unico blocco di marmo cristallino, molto probabilmente di provenienza greca, è di bellissima fattura: la rotondità dei seni e del fondoschiena scoperto dall'himation, voluttuoso e morbido, evocano il significato mitologico di Afrodite, simbolo dell'istinto e della forza vitale della fecondità e della generazione.

- Museo Archeologico Regionale "Lilibeo" di Marsala

21 dicembre 2016
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
La secca di Capo Graziano a Filicudi
La secca di Capo Graziano a Filicudi
La secca di Capo Graziano a Filicudi
Un itinerario nell'area archeologica sottomarina più bella delle Eolie
Archeologico
La Stonehenge siciliana
La Stonehenge siciliana
La Stonehenge siciliana
Viaggio misterico tra le "sacre e magiche" rocce di Montalbano Elicona
Archeologico
Il borgo rupestre di Sperlinga
Il borgo rupestre di Sperlinga
Il borgo rupestre di Sperlinga
''Ciò che piacque ai siciliani, venne negato dalla sola Sperlinga''
Artistico/storico
L'area Archeologica di Eraclea Minoa
L'area Archeologica di Eraclea Minoa
L'area Archeologica di Eraclea Minoa
Qui il Re Minosse raggiunse Dedalo, rifugiatosi in Sicilia, per ucciderlo
Archeologico
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Akragas, "la più bella tra le città dei mortali", fu un fiorente centro culturale
Artistico/storico
Morgantina, piccola Pompei
Morgantina, piccola Pompei
Morgantina, piccola Pompei
La Dea, gli Acroliti, il Tesoro e "Barbablù" finalmente insieme al Museo di Aidone
Archeologico
Mothia, terra dei Fenici
Mothia, terra dei Fenici
Mothia, terra dei Fenici
Fondata nell'VIII secolo a.C. fu una delle più floride colonie d'occidente
Archeologico
L'Area Archeologica delle Cave di Cusa
L'Area Archeologica delle Cave di Cusa
L'Area Archeologica delle Cave di Cusa
Dove si estrasse parte del materiale per edificare i grandi templi di Selinunte
Archeologico
Selinunte, la città tra i due fiumi
Selinunte, la città tra i due fiumi
Selinunte, la città tra i due fiumi
Un interessante viaggio nel Parco Archeologico più esteso d'Europa
Archeologico
Il Parco Archeologico di Segesta
Il Parco Archeologico di Segesta
Il Parco Archeologico di Segesta
La città fondata dai profughi scampati alla guerra di Troia, guidati dal mitico eroe Enea
Archeologico
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Viaggio (troppo breve) tra alcune delle meraviglie della Capitale italiana della Cultura 2018
Artistico/storico
Seguendo la via delle zolfare
Seguendo la via delle zolfare
Seguendo la via delle zolfare
Un viaggio indietro nel tempo, alla ricerca della vena gialla dello zolfo nisseno
Archeologico
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Dalle necropoli preistoriche al quartiere ebraico, alla scoperta di secoli di storia racchiusi in un piccolo borgo
Artistico/storico
Lungo la costa Sud occidentale, da Sciacca a Trapani
Lungo la costa Sud occidentale, da Sciacca a Trapani
Lungo la costa Sud occidentale, da Sciacca a Trapani
Un itinerario, tra terra e mare, seguendo il confine SudOvest della Trinacria in cerca di storia, arte e mare
Archeologico
Tyndaris, tra storia e leggenda
Tyndaris, tra storia e leggenda
Tyndaris, tra storia e leggenda
Un importante santuario mariano, un parco archeologico e i laghetti di Marinello
Archeologico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate