Mazara del Vallo, regina dei mari

Mazara del Vallo, regina dei mari

Il suggestivo centro, il Casbah, dall'impianto urbanistico islamico che ricorda le medine

Mazara del Vallo sorge su un antico sito fenicio posto lungo la costa occidentale della Sicilia, tra Capo Boeo e Capo San Marco, sulla sponda sinistra della foce del fiume Màzaro e ad una distanza di circa 200 km dalle coste della Tunisia.

Si tratta di un grosso centro di circa 51.424 abitanti, il cui centro storico, un tempo era racchiuso dentro le mura normanne, con le numerose chiese monumentali e un suggestivo quartiere a impianto urbanistico islamico tipico delle medine, chiamato Casbah.

La città è stata un centro commerciale greco ma ha conosciuto il suo massimo splendore sotto la dominazione araba e successivamente normanna. Nel tempo, grazie alla sua posizione geografica, qui si sono mescolati popoli diversi come i Fenici, i Greci, i Cartaginesi, i Romani, i Bizantini, i Vandali, i Goti, gli Arabi, i Normanni, gli Svevi, gli Angioini, gli Aragonesi, i Borboni e infine una buona percentuale di Africani che ancora oggi vi abitano.

Sono circa 3000 gli immigrati, provenienti in larga misura dal Maghreb, che vivono in città da oltre 25 anni, impiegandosi nelle attività agricole, pescherecce e artigianali. L'economia si basa principalmente sulla pesca, l'agricoltura, l'industria cantieristica e alimentare.

Pillole di storia - Mazara, sorgendo sulla foce del fiume Màzaro, gode di una posizione geografica strategica, e per questo motivo per secoli ha conosciuto diverse dominazioni. La zona è stata abitata già dal XIII sec. a.C. come dimostrano alcuni reperti risalenti al Paleolitico superiore.

L'antica cittadella, che si chiamava Roccazzo, era poco distante dalla città e costituisce una delle più grandi necropoli scoperte in Sicilia. Nell'VIII sec. a.C. i fenici vi costruirono un'importante emporio mercantile e lo chiamarono Mazar, cioè 'rocca' che costituiva anche il confine naturale tra i greci selinuntini e i fenici moziesi.

Inizialmente divenne avamposto di Selinunte, mentre nel 406 a.C. si schierò dalla parte di Segesta che con l'aiuto dei Cartaginesi si impose su Selinunte. Nel 392 a.C. passò sotto il dominio di Siracusa, ma nel 378 fu riconquistata dai Cartaginesi che vi rimasero fino al 210 a.C.

In seguito alla prima guerra punica il territorio mazarese venne amministrato dai romani, occupato dai Vandali, dai Goti e nel 535 d.C. dai Bizantini. Nell'827 la conquista della Sicilia da parte degli Arabi iniziò da Capo Granitola nel territorio di Mazara del Vallo. Gli arabi divisero la Sicilia in tre circoscrizioni: Val di MazaraVal Demone e Val di Noto e grazie all'avvento di nuove culture come limoni e aranci e alle nuove tecniche d'irrigazione diedero un buon impulso all'agricoltura.

Anche l'attività portuale tornò agli antichi fasti per la ripresa degli scambi commerciali con i paesi africani e spagnoli. Mazara inoltre, divenne un importante centro di studi islamici per l'insegnamento della letteratura, della poesia, del diritto e delle religione.

Con l'occupazione dei Normanni (1072) fu istituita la Diocesi di Mazara del Vallo. Alla morte di Federico II di Svevia (1250) la città passò in mano agli Angioini e successivamente agli spagnoli Aragona ( dal 1282 al 1409) che parteciparono alla decadenza politica, economica e demografica del territorio. In virtù della Pace di Utrecht nel 1713 passò ai Savoia per 5  anni, poi 16 anni sotto il dominio austriaco ed infine nel regno delle due Sicilie sotto il dominio di Carlo di Borbone.

Durante il dominio borbonico sorsero numerosi stabilimenti per la lavorazione del pesce e dell'uva. Mazara oggi è il porto peschereccio più importante d'Italia e il secondo in Europa.

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Museo del Satiro Danzante

Museo del Satiro Danzante

Museo del Satiro
Vedi »
Chiesa di San Nicolò Regale

Chiesa di San Nicolò Regale

San Nicolò Regale
Vedi »
Piazza Plebiscito

Piazza Plebiscito

Piazza Plebiscito
Vedi »
Piazza della Repubblica

Piazza della Repubblica

Piazza della Repubblica
Vedi »
Piazza Mokarta

Piazza Mokarta

Piazza Mokarta
Vedi »
27 ottobre 2016
Condividi:
Primo Maggio - Festa dei Lavoratori

Primo Maggio - Festa dei Lavoratori

Locali e ritrovi
proposto da Villa D'Andrea
30,00 €
Il pranzo del 25 Aprile

Il pranzo del 25 Aprile

Locali e ritrovi
proposto da Villa D'Andrea
25,00 €
La Pasqua e La Pasquetta

La Pasqua e La Pasquetta

Locali e ritrovi
proposto da Villa D'Andrea
35,00 €
Top in acciao inox ETNAINOX srl
FORNO UNOX UNOX

FORNO UNOX UNOX

Ristorazione
proposto da Samod SRL
FORNO RATIONAL SelfCookingCenter 5 SENSE RATIONAL 5 SENSE
FORNI A LEGNA E A GAS

FORNI A LEGNA E A GAS

Ristorazione
proposto da Samod SRL
LAVAGGIO

LAVAGGIO

Ristorazione
proposto da Samod SRL
Ti potrebbe interessare anche
Sulle orme del Gattopardo
Sulle orme del Gattopardo
Sulle orme del Gattopardo
I luoghi che ispirarono Giuseppe Tomasi di Lampedusa e Luchino Visconti
Artistico/storico
La leggenda del Castello di Donnafugata
La leggenda del Castello di Donnafugata
La leggenda del Castello di Donnafugata
Qui venne imprigionata la principessa Bianca di Navarra dal perfido conte Bernardo Cabrera
Artistico/storico
Messina, che contese a Palermo il ruolo di capitale siciliana
Messina, che contese a Palermo il ruolo di capitale siciliana
Messina, che contese a Palermo il ruolo di capitale siciliana
Distrutta quasi per intero dal terremoto del 1908, il Comune dello Stretto è oggi una città moderna e piena di potenzialità
Artistico/storico
La Tonnara di Scopello
La Tonnara di Scopello
La Tonnara di Scopello
Splendida natura e pregevole archeologia industriale in un luogo pregno di storia
Architettonico
Il Castello Maniace
Il Castello Maniace
Il Castello Maniace
Baluardo difensivo o moschea islamica? L'enigma del più antico fra i castelli svevi di Sicilia
Artistico/storico
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Viaggio (troppo breve) tra alcune delle meraviglie della Capitale italiana della Cultura 2018
Artistico/storico
La Sicilia Patrimonio dell'Umanità
La Sicilia Patrimonio dell'Umanità
La Sicilia Patrimonio dell'Umanità
Viaggio attraverso i sette siti siciliani che l'Unesco ha inserito nella World Heritage List
Artistico/storico
Ragusa Ibla, tesoro del mondo intero
Ragusa Ibla, tesoro del mondo intero
Ragusa Ibla, tesoro del mondo intero
Tanto bella, tanto preziosa da essere stata nominata Patrimonio dell'Umanità
Artistico/storico
Palazzolo Acreide, patrimonio di tutta l’Umanità
Palazzolo Acreide, patrimonio di tutta l’Umanità
Palazzolo Acreide, patrimonio di tutta l’Umanità
Crocevia di civiltà e catalogo di ere millenarie, dal 2002 l’Unesco l’ha insignita del titolo di tesoro Barocco
Architettonico
Noto, gioiello del barocco siciliano
Noto, gioiello del barocco siciliano
Noto, gioiello del barocco siciliano
Dopo il tragico terremoto del 1693 la città fu ricostruita secondo il gusto barocco
Architettonico
Modica, Città delle cento Chiese
Modica, Città delle cento Chiese
Modica, Città delle cento Chiese
Pittoresche stradine, palazzi e chiese barocche nella città "Patrimonio dell'Umanità"
Artistico/storico
Catania, rinata dalle sue ceneri come l'Araba Fenice
Catania, rinata dalle sue ceneri come l'Araba Fenice
Catania, rinata dalle sue ceneri come l'Araba Fenice
Città barocca, patrimonio dell'Umanità, in eterno equilibrio con le forze della natura
Artistico/storico
Caltagirone, città della ceramica
Caltagirone, città della ceramica
Caltagirone, città della ceramica
Simbolo della città la suggestiva scala di Santa Maria del Monte, fatta di lava e maiolica
Architettonico
Le Città tardo barocche del Val di Noto
Le Città tardo barocche del Val di Noto
Le Città tardo barocche del Val di Noto
Un tour tra l’arte e la bellezza del Barocco siciliano, riconosciuto dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità
Artistico/storico
Da Mazara a Castelvetrano
Da Mazara a Castelvetrano
Da Mazara a Castelvetrano
Un itinerario tra storia e architettura, alla ricerca dell'anima araba e normanna
Artistico/storico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate