Monte Soro, la cima più alta dei Nebrodi

Monte Soro, la cima più alta dei Nebrodi

Dove antiche piante di faggio conferiscono al paesaggio un aspetto suggestivo

Nel cuore del Parco dei Nebrodi, nel territorio dei comuni di Alcara Li Fusi e Cesarò, è adagiata la Riserva Naturale Orientata di Monte Soro, che con i suoi 1847 metri costituisce in assoluto la cima più elevata dei Nebrodi. Si tratta di una vasta area di circa 4.000 metri, di cui 3.000 sono costituiti da bosco e pricipalmente da meravigliose piante di faggio che conferiscono al paesaggio un aspetto suggestivo e spettacolare. Le pendici di Monte Soro difatti, sono ricoperte da fitte faggete, che a volte lasciano il posto a querceti in cui predomina il cerro.

Istituita il 29 marzo 1985 allo scopo di tutelare e conservare l'ecosistema forestale della faggeta, l'area protetta è sicuramente una delle aree naturali più belle della Sicilia. Dalla vetta del verdissimo Monte si può godere un panorama immenso che si apre a settentrione verso la costa tirrenica e le isole Eolie, ad est verso la Serra del Re che occlude la vista ai Peloritani, a sud-est verso l'imponente sagoma dell'Etna, a sud verso la catena montuosa dei Monti Erei e ad ovest verso quella delle Madonie. La vetta inoltre, è sede di una caserma dei Carabinieri che piantonano il parco delle antenne ripetitrici per la Tv via etere Rai il cui segnale copre, grazie all'altezza in cui sono poste, una vasta area. Purtroppo è anche vero che le antenne impediscono la totale fruizione dell'area dato che sono protette da un recinto a più piani il cui accesso è proibito.

Flora - Un grande interesse naturale riveste la presenza del faggio, specie forestale tipica del centro Europa, che è giunto qui in periodi successivi alle glaciazioni quando in Sicilia c'era un clima decisamente più fresco e umido di quello attuale. Il sottobosco è caratterizzato da alberelli ed arbusti tipici delle zone montane come l'agrifoglio, la laureola, la beretta del prete o fusaria, l'acero palmare, le rose selvatiche, il biancospino, rovi e tante altre ancora. La pianta più rappresentativa dell'ambiente è sicuramente il tasso, un elegante conifera di cui sono presenti in quest'area esemplari di grandi dimensioni. Questo albero è soprannominato anche 'albero della morte' per la presenza, in varie parti della pianta, di sostanze velenose che un tempo venivano usate addirittura per realizzare dardi avvelenati.
Nella zona erbacea della faggeta troviamo la primula comune, la stellina odorosa, il ciclamino napoletano, il cinquefoglia, l'agrimonia delle faggete, la melica comune, il paleo silvestre, l'erna lucciola di Sieber. La riserva ospita inoltre, una rara orchidea di colore giallo-bluastro chiamata nido d'uccello per le sue radici aggrovigliate.

Fauna - La riserva offre al visitatore la possibilità di un inaspettato incontro con il gatto selvatico o la scattante martora. L'area ospita diversi piccoli mammiferi come il riccio, il topo selvatico, il ghiro e il pipistrello del Savi. Numerosa la presenza di uccelli nidificanti come il colombaccio, la tortora, il cuculo, l'allocco, l'upupa, il picchio rosso, lo scricciolo e ancora il pettirosso, il merlo, il codibugnoloe  la cinciallegra. Fra le fronde di questi alberi hanno trovato il loro habitat anche il picchio rosso muratore, il rampichino, i corvidi ghiandaia, gazza, cornacchia grigia, il fringuello, lo zigolo nero e lo zigolo muciatto. [www.parcodeinebrodi.it]

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Monte Soro

Monte Soro

Monte Soro
Vedi »
Lago Biviere

Lago Biviere

Lago Biviere
Vedi »
Lago Mulazzo

Lago Mulazzo

Lago Maullazzo
Vedi »
16 giugno 2016
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Sicilia rapace!
Sicilia rapace!
Sicilia rapace!
Un viaggio nei luoghi d'elezione di tre rari uccelli rapaci: l'Aquila di Bonelli, il Capovaccaio, il Falco Lanario
Naturalistico
Lungo l'Antica Trasversale Sicula
Lungo l'Antica Trasversale Sicula
Lungo l'Antica Trasversale Sicula
Da una punta all’altra della Sicilia... trasversalmente, si va sulle orme degli antichi eroi
Artistico/storico
Trekking sui monti Sicani
Trekking sui monti Sicani
Trekking sui monti Sicani
A piedi per una zona ricca di interessi naturalistici, paesaggistici e archeologici
Naturalistico
Nella Riserva Orientata Serre di Ciminna
Nella Riserva Orientata Serre di Ciminna
Nella Riserva Orientata Serre di Ciminna
Attraversando un patrimonio naturale formatosi circa 6 milioni di anni fa
Naturalistico
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Visita nell'unica Casa delle Farfalle del Centro-Sud dove sono ospitate le farfalle più belle del mondo
Naturalistico
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
Per conoscere le forme carsiche superficiali sul gesso detritico e su quello alabastrino
Naturalistico
Immersi nella natura della provincia di Enna
Immersi nella natura della provincia di Enna
Immersi nella natura della provincia di Enna
Scegliete voi i percorsi straripanti di benessere, in mountain-bike o a piedi
Paesaggistico
Il Parco dei Nebrodi
Il Parco dei Nebrodi
Il Parco dei Nebrodi
I Nebrodi d'inverno tra boschi secolari, fiumi e laghi montani: un autentico paradiso
Naturalistico
Un paradiso tropicale nel cuore di Palermo
Un paradiso tropicale nel cuore di Palermo
Un paradiso tropicale nel cuore di Palermo
Accanto alla splendida Villa Giulia, un autentico museo naturale a cielo aperto
Naturalistico
Monte Cammarata e Monte Gemini
Monte Cammarata e Monte Gemini
Monte Cammarata e Monte Gemini
Lungo i sentieri che attraversano il bosco sino alla cima più alta dei Monti Sicani
Naturalistico
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borboni
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borboni
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borboni
In questo luogo incantato Re Ferdinando IV fissò la sua dimora dopo la fuga da Napoli
Naturalistico
Il Castagno dei Cento Cavalli
Il Castagno dei Cento Cavalli
Il Castagno dei Cento Cavalli
Ai piedi dell’Etna, subito fuori il comune di Sant’Alfio, un vero e prodigioso spettacolo della Natura
Paesaggistico
Il Parco forestale Calaforno
Il Parco forestale Calaforno
Il Parco forestale Calaforno
Custodisce cavità sotterranee uniche nel panorama archeologico del Mediterraneo
Naturalistico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate