Mylai, inespugnabile fortezza

Mylai, inespugnabile fortezza

Castelmola: un tempo fu l'acropoli di Tauromenium (Taormina) oggi il suo balcone naturale

Contenuti Sponsorizzati
Visualizza mappa itinerario

Alle falde del Monte Venere, a circa 450 m sul livello del mare, sorge Castelmola un piccolo comune alle spalle di Taormina, fondato dai Siculi nell'VIII sec. a.C. Arroccato su un costone roccioso dal quale domina l'intera vallata, il paese è una vera e propria fortezza naturale che, a causa della mancanza di strade di collegamento, anticamente era un luogo di difficile conquista e quindi rifugio sicuro.

Veduta di Castelmola (ME)

Castelmola ha un impianto estremamente irregolare fatto di casette basse e rustiche, vicoletti e stradine che gli conferiscono un aspetto tipicamente medioevale. Mentre un tempo qui sorgeva l'antica Mylai, l'acropoli di Tauromenium (Taormina) oggi Castelmola costituisce il suo balcone naturale, per il suo splendido paesaggio che spazia dal maestoso vulcano Etna, con i paesi aggrappati alle sue pendici, alla costa Ionica, al golfo di Giardini-Naxos, al Capo di Sant'Alessio, allo Stretto di Messina sino alle coste calabre.

La tortuosa strada che da Taormina porta a Castelmola
La tortuosa strada che da Taormina porta a Castelmola

Il centro è il luogo ideale per godersi un po' di relax magari gustando l'ormai famoso vino alla mandorla, prodotto con uve pregiate, essenze segrete, e mandorle siciliane. Il suo nome deriva dal castello normanno che sovrasta il centro abitato e dalla forma della rocca su cui si trova, vagamente somigliante ad una mola di pietra (la macina del mulino).

I resti del Castello di Castelmola - ph © José Luiz Bernardes Ribeiro
I resti del castello di Castelmola - Foto di © José Luiz Bernardes Ribeiro, CC BY-SA 4.0

Pillole di storia - Nell'VIII secolo a.C. circa, nella zona di 'Piano delle Ficare', i Siculi diedero vita ad un insediamento chiamato Mylai. Nel 392 a.C. Dionisio, tiranno di Siracusa, assediò Mylai riuscendo ad occuparla. Alla sua morte, la città viene governata da Andromaco che costruì il centro abitato, nuove fortificazioni e diverse cisterne e serbatoi.

Durante la Prima Guerra Punica, la città viene conquistata da Gerione di Siracusa, che la governò fino al 214, mentre dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente passò sotto l’influenza bizantina. Il primo agosto 902, i Saraceni di Hibraim, devastarono l’abitato tranne il castello, il solo a resistere all'attacco.

Nel 1078 Ruggero il Normanno espugnò la fortezza di Castelmola e costruì un nuovo centro abitato vicino al castello chiamato Mola e fece erigere la chiesetta della Ss. Annunziata, posta nei pressi dell’abitato.

Nei secoli successivi, il centro fu affidato ai nobili fedeli al re e appoggiò prima gli Svevi contro gli Angiò, poi nel 1282, durante i Vespri Siciliani, insorge contro gli Aragonesi contro gli Angioini.

Nel 1738 Mola entrò a far parte del regno delle Due Sicilie, e nel 1860, alla fuga dell’esercito borbonico inseguito dalle truppe garibaldine, votò l’annessione al Regno d’Italia. Nel 1928 Castelmola fu annesso al Comune di Taormina e nel 1947 riacquistò l’autonomia.

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Piazza Sant'Antonio

Piazza Sant'Antonio

Piazza SantAntonio
Vedi »
Duomo San Nicolò di Bari

Duomo San Nicolò di Bari

Duomo San Nicolò di Bari
Vedi »
Il sentiero della 'Porta del Saraceno'

Il sentiero della 'Porta del Saraceno'

Sentiero "Porta del Saraceno"
Vedi »
10 maggio 2019
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Mothia, terra dei Fenici
Mothia, terra dei Fenici
Mothia, terra dei Fenici
Fondata nell'VIII secolo a.C. fu una delle più floride colonie d'occidente
Archeologico
La Riserva di Isola Bella
La Riserva di Isola Bella
La Riserva di Isola Bella
Ai piedi di Taormina, la suggestiva e splendida "perla dello Jonio"
Paesaggistico
Ciane, il fiume dei papiri
Ciane, il fiume dei papiri
Ciane, il fiume dei papiri
Un avventuroso itinerario in barca o a piedi lungo il mitico fiume Ciane
Paesaggistico
Inyco, il leggendario regno di Kokalos
Inyco, il leggendario regno di Kokalos
Inyco, il leggendario regno di Kokalos
A Menfi, nell'Agrigentino, un ambiente unico e d'inestimabile bellezza
Paesaggistico
Ad Alia, le grotte della Gurfa
Ad Alia, le grotte della Gurfa
Ad Alia, le grotte della Gurfa
Monumento di architettura rupestre è la tomba a tholos più grande del Mediterraneo
Archeologico
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Akragas, "la più bella tra le città dei mortali", fu un fiorente centro culturale
Artistico/storico
Seguendo la via delle zolfare
Seguendo la via delle zolfare
Seguendo la via delle zolfare
Un viaggio indietro nel tempo, alla ricerca della vena gialla dello zolfo nisseno
Archeologico
Nella Valle del Belìce
Nella Valle del Belìce
Nella Valle del Belìce
Terra devastata dal tragico sisma del '68 e risorta dalle sue macerie più bella di prima
Paesaggistico
Cammino dei Santuari Madoniti
Cammino dei Santuari Madoniti
Cammino dei Santuari Madoniti
Collega tutti i Santuari madoniti attraverso i sentieri che anticamente percorrevano i pellegrini
Paesaggistico
La Riserva naturale di Monte Pellegrino
La Riserva naturale di Monte Pellegrino
La Riserva naturale di Monte Pellegrino
In una delle sue grotte furono trovate le ossa della Santuzza che sconfisse la peste
Paesaggistico
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Palermo è il posto più stupendo del mondo
Viaggio (troppo breve) tra alcune delle meraviglie di una delle capitali italiane della cultura
Artistico/storico
Da Valderice a Custonaci
Da Valderice a Custonaci
Da Valderice a Custonaci
Antiche ville, bagli rurali, chiese e torri immersi in una natura incantata
Paesaggistico
Blufi, il paese dell’olio e dei tulipani rossi
Blufi, il paese dell’olio e dei tulipani rossi
Blufi, il paese dell’olio e dei tulipani rossi
Davanti il Santuario della Madonna dell’olio, in Primavera si può osservare una "piccola porzione di Olanda"
Paesaggistico
La Via dei Frati. Camminare con il cuore...
La Via dei Frati. Camminare con il cuore...
La Via dei Frati. Camminare con il cuore...
166 km da Caltanissetta a Cefalù, attraverso le montagne e le campagne siciliane, seguendo le tracce dei frati di "cerca"
Agronomico/rurale
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate