Nel blu del mare di Pantelleria

Nel blu del mare di Pantelleria

Da Cava Levante fino all'Arco dell'Elefante, nell'isola dell'alberello Unesco

Contenuti Sponsorizzati
Visualizza mappa itinerario

Nel Canale di Sicilia, a circa 110 km dalla costa italiana e a 70 da quella tunisina, emerge Pantelleria, la 'Figlia del vento' (Bent-el Rhia), come la chiamavano le prime popolazioni arabe che qui abitavano.

L'isola, che è in assoluto la più grande della isole minori siciliane, è ciò che resta di un grosso cratere vulcanico, circondato da altri 24 crateri più piccoli. L'attività vulcanica che un tempo era notevole oggi resiste, in forma secondaria, attraverso diverse sorgenti termali, saune naturali e vapori che fuoriescono dalle rocce e possono essere utilizzate dai turisti in modo assolutamente gratuito.

Con le sue rocce nere, le distese boschive, le calette protette da strapiombi quasi inaccessibili, Pantelleria è insomma il rifugio ideale per una vacanza tranquilla all'insegna del relax, del mare e del sole. Si tratta di un luogo incantato, aspro e selvaggio, dove il verde rigoglioso delle viti e degli ulivi si perde nel blu cobalto del mare e dove il soffio continuo dello scirocco e del maestrale scandisce il quotidiano e il lavoro dell'uomo.

Alle coste frastagliate di roccia lavica scavata dalle onde, si contrappone la zona interna coperta da vigneti da cui si ricavano il rinomato Passito o il Moscato di Pantelleria, da fichi d'india e da coltivazioni di capperi dall'aroma intenso e penetrante.

Pantelleria è percorsa da una ragnatela di sentieri che conducono alle 11 contrade in cui è divisa. Il paesaggio è caratterizzato dai dammusi, case in pietra lavica dalle cupole bianche e dagli intonaci chiari che presentano una struttura spesso ad archi per preservare gli interni dalla calura dei mesi estivi.

Lago di Venere, Pantelleria

Un modo per godersi il mare di Pantelleria è quello di noleggiare un piccolo gommone o una barca e tuffarsi in prossimità della costa. Il mare limpido ed incontaminato presenta meravigliosi fondali policromatici ricchi di gorgonie, del famoso e raro corallo nero e di una grande varietà di pesci. Sempre con la barca si può fare il periplo dell'isola che vi consentirà di ammirare le splendide coste, le grotte marine, i faraglioni e le insenature dalle forme più insolite.

Chi ama le immersioni può rivolgersi ad uno dei diving presenti sull'isola e poi scegliere uno dei seguenti itinerari subacquei che vi proponiamo...

Cat. A: immersione entro 18 mt
Cat. B: immersione 18/39 mt
Cat. C: immersione oltre i 40 mt

Itinerario

Punta Spadillo

Punta Spadillo

Punta Spadillo
Vedi »
Cala Gadir

Cala Gadir

Cala Gadir
Vedi »
Punta Tracino

Punta Tracino

Punta Tracino
Vedi »
Arco dell'Elefante

Arco dell'Elefante

Arco dellElefante
Vedi »
Cala Levante

Cala Levante

Cala Levante
Vedi »
Martingana

Martingana

Martingana
Vedi »
Secca di Campobello

Secca di Campobello

Secca di Campobello
Vedi »
Punta Li Marsi

Punta Li Marsi

Punta Li Marsi
Vedi »
Cala Tramontana

Cala Tramontana

Cala Tramontana
Vedi »
Punta Rubasacchi

Punta Rubasacchi

Punta Rubasacchi
Vedi »
Secca di Nikà

Secca di Nikà

Secca di Nikà
Vedi »
6 giugno 2016
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Sulle tracce del Fenicottero rosa, simbolo di fascino ed eleganza
Sulle tracce del Fenicottero rosa, simbolo di fascino ed eleganza
Sulle tracce del Fenicottero rosa, simbolo di fascino ed eleganza
I luoghi in Sicilia dove poter incontrare e osservare, pieni di meraviglia, l’elegante volatile rosa
Naturalistico
Nella Valle del Belìce
Nella Valle del Belìce
Nella Valle del Belìce
Terra devastata dal tragico sisma del '68 e risorta dalle sue macerie più bella di prima
Paesaggistico
Trekking sui monti Sicani
Trekking sui monti Sicani
Trekking sui monti Sicani
A piedi per una zona ricca di interessi naturalistici, paesaggistici e archeologici
Naturalistico
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Le aree attrezzate dell'agrigentino
Oasi verdi dove trascorrere una giornata in totale rilassatezza
Naturalistico
Il Parco dei Nebrodi
Il Parco dei Nebrodi
Il Parco dei Nebrodi
I Nebrodi d'inverno tra boschi secolari, fiumi e laghi montani: un autentico paradiso
Naturalistico
Sicilia rapace!
Sicilia rapace!
Sicilia rapace!
Un viaggio nei luoghi d'elezione di tre rari uccelli rapaci: l'Aquila di Bonelli, il Capovaccaio, il Falco Lanario
Naturalistico
La Grotta di Santa Ninfa
La Grotta di Santa Ninfa
La Grotta di Santa Ninfa
Un ambiente suggestivo, di grande interesse speleologico e naturalistico
Naturalistico
Favignana, la grande farfalla
Favignana, la grande farfalla
Favignana, la grande farfalla
Il mare limpido, le deliziose calette, i colori e i profumi della macchia mediterranea
Marino
Da Valderice a Custonaci
Da Valderice a Custonaci
Da Valderice a Custonaci
Antiche ville, bagli rurali, chiese e torri immersi in una natura incantata
Paesaggistico
Blufi, il paese dell’olio e dei tulipani rossi
Blufi, il paese dell’olio e dei tulipani rossi
Blufi, il paese dell’olio e dei tulipani rossi
Davanti il Santuario della Madonna dell’olio, in Primavera si può osservare una "piccola porzione di Olanda"
Paesaggistico
Il Parco delle Madonie
Il Parco delle Madonie
Il Parco delle Madonie
Torrenti, foreste, valli nascoste e preziosi borghi: questo e tanto altro offrono le Madonie
Agronomico/rurale
Il Bosco di Scorace, un oasi di pace
Il Bosco di Scorace, un oasi di pace
Il Bosco di Scorace, un oasi di pace
Weekend a Buseto Palizzolo tra colline, verdi vallate e deliziose costruzioni rurali
Agronomico/rurale
Lampione, l'isola degli squali
Lampione, l'isola degli squali
Lampione, l'isola degli squali
Non un'isola ma un masso che sarebbe sfuggito dalle mani di un Ciclope
Marino
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE