Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
Nel regno del Grifone

Nel regno del Grifone

Una visita ad Alcara Li Fusi, piccolo borgo alle pendici delle Rocche Crasto, habitat del "vuturùni"

Contenuti Sponsorizzati
SILOS PER NOCCIOLINO SANSA
PORTAINNESTI
Visualizza mappa itinerario
  • Dove pernottare nella provincia di Messina - CLICCA QUI
  • Dove mangiare nella provincia di Messina - CLICCA QUI

Sul versante occidentale della Sicilia, nell’entroterra dei Monti Nebrodi, adagiato su di un colle roccioso alle pendici della dolomitica catena montuosa delle Rocche del Crasto - nella vallata del torrente Rosmarino - ed incastonato in uno scenario paesaggistico molto suggestivo, a 400 m.s.l.m., sorge Alcara Li Fusi.

Di origine antichissima, una leggenda riportata dagli eruditi dei secoli scorsi, ma senza alcun riferimento nella tradizione popolare, narra della fondazione del paese da parte di Patrone, un greco della città di Turio, in Magna Grecia (detto dunque Turiano) al seguito di Enea, che l'avrebbe raggiunta dopo essere sbarcato sulla costa con alcuni compagni.

Ugualmente senza alcuna evidenza storica l'identificazione di Alcara con la città greco-bizantina di Demenna che comunque potrebbe ragionevolmente essere localizzata nell'area dei Nebrodi compresa tra San Marco d'Alunzio, Alcara e Longi.

Fuor di dubbio, invece, il fatto che Alcara Li Fusi è stata ed è tornata ad essere regno dei "vuturùna", così vengono chiamati i Grifoni nel dialetto siciliano.

Questi avvoltoi infatti erano scomparsi da questi luoghi negli anni '60, a causa dell’utilizzo dei bocconi avvelenati destinati alle volpi. Alla fine degli anni ’90 è iniziato il progetto di reintroduzione che ha permesso ad oggi l’insediamento stabile di ben 50 esemplari nell’area delle Rocche del Crasto.

Il "ritorno" dei vuturùna ad Alcara Li Fusi ha riacceso l’interesse verso questo piccolo gioiello dei Nebrodi, divenuto meta per gli amanti delll'Ecoturismo e del turismo esperenziale.
L’itinerario che vi proponiamo parte dall’alto, proprio dal sentiero dei Grifoni per poi planare verso la cittadina…

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

L'area del Grifone

L'area del Grifone

Area del Grifone
Vedi »
Grotta del Lauro

Grotta del Lauro

Grotta del Lauro
Vedi »
Chiesa del Rosario

Chiesa del Rosario

Chiesa del Rosario
Vedi »
Convento delle Vergini Benedettine

Convento delle Vergini Benedettine

Convento delle Benedettine
Vedi »
Chiesa di S. Pantaleone Martire

Chiesa di S. Pantaleone Martire

Chiesa di S. Pantaleone
Vedi »
Chiesa Madre Maria SS. Assunta

Chiesa Madre Maria SS. Assunta

Chiesa Madre
Vedi »
Castel Turio

Castel Turio

Castel Turio
Vedi »
Fontana Abate

Fontana Abate

Fontana Abate
Vedi »
15 maggio 2018
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
SILOS PER NOCCIOLINO SANSA
PORTAINNESTI
Ti potrebbe interessare anche
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Monte Catalfano, polmone verde di Bagheria
Grotte marine, zubbi, animali e fiori rari, colori e paesaggi di un angolo di paradiso
Naturalistico
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
La Riserva Naturale Integrale di Contrada Scaleri
Per conoscere le forme carsiche superficiali sul gesso detritico e su quello alabastrino
Naturalistico
Cefalà Diana tra storia e natura
Cefalà Diana tra storia e natura
Cefalà Diana tra storia e natura
Dai bagni arabi al castello normanno, fino alla Riserva di Cefalà Diana e Pizzo Chiarastella
Architettonico
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
Il bosco di Ficuzza, antica dimora dei Borbone
In questo luogo incantato Re Ferdinando IV fissò la sua dimora dopo la fuga da Napoli
Naturalistico
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Il Parco Monte Serra, dove vivono le farfalle
Visita nell'unica Casa delle Farfalle del Centro-Sud dove sono ospitate le farfalle più belle del mondo
Naturalistico
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
I Nebrodi raccontati da Fulco Pratesi
Tra laghi di fiori azzurri, il rosso della pietra e il grigio dei faggi
Naturalistico
La Riserva naturale di Monte Bonifato
La Riserva naturale di Monte Bonifato
La Riserva naturale di Monte Bonifato
Il rimboschimento iniziato negli anni '50 è riuscito a far rinascere l'originario bosco
Naturalistico
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro
Una lunga e rinfrancante passeggiata nella seconda area verde più grande di Sicilia
Naturalistico
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
La Riserva Naturale Orientata Rossomanno Grottascura Bellia
Altipiani sabbiosi ricoperti di conifere in uno dei più grandi polmoni verdi della Sicilia
Naturalistico
La Sughereta di Niscemi
La Sughereta di Niscemi
La Sughereta di Niscemi
Il più importante relitto di foresta primaria a sughera e leccio della Sicilia
Paesaggistico
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Sui Nebrodi, le Rocche del Crasto
Dentro la grotta del Lauro, meraviglia della natura tra stalattiti e stalagmiti
Naturalistico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE