Nella mitica Valle dei Templi

Nella mitica Valle dei Templi

Akragas, "la più bella tra le città dei mortali", fu un fiorente centro culturale

Contenuti Sponsorizzati
Visualizza mappa itinerario

L'antica città di Agrigento, opera di Pierre-Henri de Valenciennes

La Valle dei Templi di Agrigento rappresenta la massima espressione della civiltà greca classica in Sicilia. Sorge sul fianco di una collina che degrada dolcemente verso il mare, incorniciata dal letto dei fiumi Akragas e Hipsas.

La Valle dei Templi

Immersa nell'incanto di un paesaggio caratterizzato da mandorli che già a gennaio si coprono di una nuvola di candidi fiori bianchi e profumati, la Valle degli Dei o Akragas venne fondata nel 580 a.C. da coloni provenienti dalla vicina Gela guidati da Aristinoo e Pistilo. Insieme a Gela e alla potentissima Siracusa, Akragas costituì per secoli un grosso ostacolo alle ambizioni cartaginesi sulla Sicilia.

Lo splendore architettonico dell'antica città era ben noto già nel mondo di allora, tant'è che il filosofo Empedocle scriveva: ''gli abitanti costruivano come se non dovessero morire mai''. Infatti ben sette Templi dedicati ad altrettante divinità si ergevano lungo il perimetro della città, dando un'idea d' imponenza e maestosità soprattutto ai naviganti che approdavano nelle vicine coste.

Una ricostruzione di come doveva essere Agrigento, la Valle degli Dei o Akragas,  ai tempi della sua fondazione - ph archeolibri.com
Ricostruzione della Valle dei Templi, Agrigento - ph archeolibri.com

Akragas fu citata da scrittori del calibro di Virgilio nell'Eneide, e dal poeta Pindaro che per la sua magnificenza la definì ''la più bella tra le città dei mortali, l'amica del fasto, la sede di Persefone''. L'antica Akragas, nel V secolo a.C., era un fiorente centro culturale, patria del filosofo Empedocle, frequentata da Pindaro e Simonide.

Ricostruzione della Valle dei Templi

In epoca romana la Valle dei Templi fu visitata da Cicerone, alla ricerca di prove che incastrassero l'ex governatore della Sicilia Verre (73-71 a.C.) accusato di avere imposto tributi eccessivi ai coloni, e, come detto, fu descritta da Virgilio nell'Eneide.

La Valle dei Templi dipinta da Jakob Philipp Hackert
La Valle dei Templi dipinta da Jakob Philipp Hackert

Dal medioevo fino ai nostri giorni, ha richiamato e ispirato diversi filosofi, scrittori, poeti e pittori. Solo per citare i più noti: Ludovico Ariosto, Goethe, Maupassant, Alexandre Dumas, Anatole France, Murilo Mendes, Lawrence Durrell, Francesco Lojacono, Nicolas de Stael, Salvatore Quasimodo, Luigi Pirandello.

Un treno storico attraversa la Valle dei Templi

Dichiarata nel 1998 dall'Unesco Patrimonio Mondiale dell'Umanità conserva ancora in ottimo stato antichi templi costruiti in tufo arenario conchiglifero, dal colore giallo intenso, che alla luce del tramonto diventa rosa o acquista il tono caldo dell'ambra.

Ricostruzione del tempio di Zeus

Lo stile utilizzato è quello dorico con sei colonne sul lato frontale, tranne nel Tempio di Zeus Olimpio che presentava sette semicolonne incassate in un muro che chiudevano tutto l'edificio. I templi furono orientati verso est in maniera tale da permettere al sole nascente, fonte di ogni forma di vita, di illuminare le statue delle divinità poste all'interno della cella d'ingresso.

Gli edifici furono denominati con nomi greci, tutti quasi allineati ed eretti durante il V secolo a.C. a testimonianza della prosperità della città. Incendiati dai Cartaginesi nel 406 a.C., furono restaurati dai Romani intorno al I sec. a.C. rispettando l'originale stile dorico.

Il Tempio della Concordia

Oggi l'unico che rimane intatto è il Tempio della Concordia, mentre gli altri crollarono in seguito a diverse scosse sismiche o alla furia devastatrice dei cristiani avallati da un editto dell'imperatore d'Oriente Teodosio (IV sec.). Durante il Medioevo i materiali di costruzione furono smontati ed utilizzati per costruire altri edifici. Ad esempio il Templio di Zeus Olimpo, chiamato per questo motivo Cava dei Giganti, fornì materiale per la Chiesa di San Nicola e per il braccio settecentesco del molo di Porto Empedocle...

Dove mangiare nella province di Agrigento -

Dove dormire nella province di Agrigento -

Le tappe del nostro itinerario

Itinerario

Tempio di Giove

Tempio di Giove

Tempio di Giove
Vedi »
Tempio dei Dioscuri

Tempio dei Dioscuri

Tempio di Castore e Polluce
Vedi »
Tempio di Ercole

Tempio di Ercole

Tempio di Eracle
Vedi »
Tempio di Giunone

Tempio di Giunone

Tempio di Giunone
Vedi »
Tempio della Concordia

Tempio della Concordia

Tempio della Concordia
Vedi »
Tempio di Esculapio

Tempio di Esculapio

Tempio di Esculapio
Vedi »
16 luglio 2019
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Il borgo medievale, tra i Nebrodi e i Peloritani, che gli arabi chiamarono Nouah, "giardino, orto fiorito"
Artistico/storico
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Incastonato tra l'Etna e la Valle dell'Alcantara un piccolo borgo immerso nel verde
Artistico/storico
Gangi, perla delle Madonie
Gangi, perla delle Madonie
Gangi, perla delle Madonie
L'Arte e la Cultura nel luogo che ha dato i natali allo Zoppo di Gangi e al Quattrocchi
Artistico/storico
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
Secondo la leggenda tramandataci da Dionigi d’Alicarnasso... Nel villaggio sul monte Rotondo, lezioni di storia dell'arte
Artistico/storico
La bella Siracusa
La bella Siracusa
La bella Siracusa
"Avete spesso sentito dire che Siracusa è la più grande città greca e la più bella"
Artistico/storico
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Nel cuore dell'isola, l'urbs inexpugnabilis fondata dallo schiavo siriano Euno
Artistico/storico
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Luogo ideale per un fine settimana da dedicare alla cultura e alla tradizione siciliana
Artistico/storico
Attraverso la Valle d'Agrò
Attraverso la Valle d'Agrò
Attraverso la Valle d'Agrò
Un viaggio attraverso monti, costeggiando fiumi, per arrivare fino al mare più blu della Sicilia
Architettonico
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Dalle necropoli preistoriche al quartiere ebraico, alla scoperta di secoli di storia racchiusi in un piccolo borgo
Artistico/storico
Gibellina, museo a cielo aperto
Gibellina, museo a cielo aperto
Gibellina, museo a cielo aperto
Rinata come una fenice... Più che una città un fenomeno artistico e antropologico
Artistico/storico
Caltabellotta, Città della Pace
Caltabellotta, Città della Pace
Caltabellotta, Città della Pace
Qui Carlo II d'Angiò e Federico III d'Aragona posero fine alla Guerra dei Vespri siciliani
Artistico/storico
Alla scoperta di Erice
Alla scoperta di Erice
Alla scoperta di Erice
Eryx, meravigliosa cittadina fenicia e greca, protetta dalla dea Venere
Artistico/storico
Breve viaggio nella preziosa Castroreale
Breve viaggio nella preziosa Castroreale
Breve viaggio nella preziosa Castroreale
Le chiese, il Museo Civico, la Pinacoteca: solo alcuni dei tesori da visitare
Artistico/storico
Le tre "anime" di Sutera
Le tre ''anime'' di Sutera
Le tre "anime" di Sutera
Piccolo e incantevole luogo, tra i Borghi più belli d'Italia, vi presentiamo le tre facce di Sutera
Artistico/storico
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE