Sulla vetta di Monte San Calogero

Sulla vetta di Monte San Calogero

Un immenso panorama sui monti di Palermo, sui Nebrodi e su Monte Cammarata

Tra i comuni di Termini Imerese, Caccamo e Sciara, si erge maestoso il sistema montuso di Monte San Calogero, o Monte Euriaco, (da Euracus che in latino significa 'bella dorsale') un poderoso massiccio costituito da calcari e dolomie originatesi dal Mesozoico in poi, da strati silicei e dal cosiddetto flysh numidico (di natura sedimentaria). Ha una morfologia varia e complessa, spesso molto accidentata e caratterizzata da numerosi rilievi, con valloni profondi dove ha trovato il suo habitat naturale una florida e rigogliosa vegetazione.

Il massiccio si specchia, a settentrione, sulla costa tirrenica, mentre a sud-ovest presenta due dorsali, una orientale e l'altra occidentale, separate dalla depressione del piano di Santa Maria. Secondo la tradizione nelle sue rupi dimorò San Calogero e in uno dei suoi sassi lasciò l'impronta del suo piede nel cacciare i demoni che travagliavano il monte e i vicini bagni. Sulla cima il santo edificò una chiesa in onore di Maria Vergine, che ora è a lui dedicata. Secondo alcuni autori il Calogero di Termini Imerese è da identificare con San Teoctisto Abate, basiliano di Caccamo che vi dimorò nel IX secolo.
Arroccata su uno sperone roccioso alle pendici di Monte San Calogero, a circa 521 metri sul livello del mare, sorge appunto Caccamo, una graziosa cittadina dall'aspetto medioevale di circa 8.500 abitanti. Il nostro itinerario parte proprio da questa cittadina ricca d'arte e di storia, dominata dall'imponente Castello turrito e impreziosita da 32 chiese e conventi che ospitano le opere di artisti del calibro di Borremans, Gagini, Stomer, Wobreck e di altri artisti siciliani.

Giunti a Caccamo, percorriamo Via Regione Siciliana per poi svoltare per Via San Vito e proseguire dritti per circa 5 km, su asfalto sterrato sino a raggiungere contrada Santa Maria. Ci incamminiamo su una stradina asfaltata in salita, lasciandoci alle spalle un'antica abazia basiliana, quella di San Nicola Nemori (IX seclo d.C.). Proseguiamo per un centinaio di metri sino a giungere alla sterrata che attraversa tutta la 'Piana di Santa Maria'. Superando un paio di chiudende, si giunge ad un bivio dove finalmente possiamo lasciare l'automobile e iniziare l'escursione. Seguiamo le indicazioni sulla destra e percorriamo circa 300 metri a piedi su una strada sterrata e malridotta dall'erosione delle piogge. Durante il percorso possiamo ammirare, a valle, i campi di cereali con lo sfondo di Cozzo Grattaccio (838 m. s.l.m.) e Monte Stringi (799 m s.l.m.), mentre, a monte, macchie di perastri, roi e ginestre.

Iniziamo un percorso in discesa che ci condurrà ad un'altra chiudenda, oltre la quale si snoda la parte più bella dell'itinerario, immerso in una vegetazione mista, un pò agraria con campi coltivati e pascoli e un pò boschiva con alberi di leccio che coprono un sottobosco ricco di felci, muschi e simpatici ciclamini. Il cammino si fa sempre più faticoso e la salita sempre pù ripida, tanto che, ogni tanto, si fa necessaria qualche sosta che ci permette di soffermarci ad ammirare uno splendido panorama che si apre su tutta la piana di Santa Maria, sulla valle del fiume San Leonardo, sul massiccio di Monte Cane e sull'azzurro golfo di Termini Imerese. Riprendiamo il cammino su un sentiero ricoperto da ghiaia in ripida salita sino a giungere a circa 1000 m di altitudine, dove possiamo riposarci un po’ su un bel prato verde, adagiato in una suggestiva sella tra Monte dell'Uomo (1079 m.s.l.m.) ed un rilievo minore posto tra quest'ultimo e Rocca Fera (1059 m. s.l.m.). Dirigiamoci adesso a NE, verso Rocca Fera, per giungere dopo alcuni metri, alle rovine di un'antica cappella dedicata San Calogero, di cui restano solo pochi ruderi.

Proseguiamo lungo la recinzione e superiamo una chiudenda, continuando a camminare lungo un sentiero che gira intorno ad un basso cocuzzolo verdeggiante e a Rocca Fera e che poi sale rapidamente, con numerosi e ripidi tornanti, su un tracciato stretto che deve adattarsi alla presenza delle rocce affioranti. Il fondo del sentiero inoltre, in questo tratto è molto sdrucciolevole per la presenza di ghiaia, e bisogna stare molto attenti per evitare di scivolare e farsi male. Il sentiero fu realizzato anticamente dai monaci basiliani che, per volere del Santo Teotista, costruirono sulla montagna una chiesa inizialmente intitolata alla Madonna e poi allo stesso Santo. L'opera dei monaci non si fermò qui tanto che durante il cammino possiamo notare la presenza di piccole massicciate, costruite usando pietra locale, che dovevano servire a rendere più agevole la salita, soprattutto agli animali da soma. Dirigiamoci adesso verso la cima del monte, soffermandoci prima ad ammirare il paesaggio di centinaia di monoliti calcarei, alti in media due metri che costellano la supeficie delmassiccio, che scende ripida a sud est verso la valle del fiume Torto.

Dopo aver valicato la collina, ci dirigiamo a nord est appunto verso la Valle del fiume Torto, da dove un magnifico panorama si apre dinanzi ai nostri occhi per spaziare sino alle Madonie e ai paesini di Sciara, Cerda, Aliminusa e Montemaggiore Belsito, immersi nel verde dei querceti della riserva dei boschi di Favara e Granza. Continuiamo il cammino per un altro breve tratto in salita quando finalmente giungiamo alla cima del Monte San Calogero, a 1326 m s.l.m., dove possiamo ammirare il kalogheros, i resti di un edificio di modeste dimensioni, a pianta rettangolare, edificato secondo la tradizione di San Teotista. Da qui, quando c'è bel tempo, si possono scorgere in lontananza i monti di Palermo e verso est i Nebrodi, parte della costa tirrenica e le città che si affacciano al mare, Bagheria e Cefalù e Termini Imerese. A sud si scorge invece la sagoma di Monte Cammarata (1578 m s.l.m.) e le altre cime della Sicilia centrale, la cui visione ci ripaga abbondantemente della fatica spesa per arrivare sin qui. Ci riposiamo un po’ per poi ritornare indietro percorrendo al contrario lo stesso sentiero.

20 giugno 2016
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Il Parco dell'Etna
Il Parco dell'Etna
Il Parco dell'Etna
Boschi, crateri, grotte e colate laviche: il paesaggio del vulcano più grande d'Europa
Naturalistico
L'Etna e le sue grotte
L'Etna e le sue grotte
L'Etna e le sue grotte
Lassù, verso la Grotta del Gelo, il ghiacciaio perenne più meridionale d'Europa
Naturalistico
Villalba, nel cuore della Sicilia
Villalba, nel cuore della Sicilia
Villalba, nel cuore della Sicilia
Tutti i colori dell'entroterra siciliano, il più tradizionale e conosciuto
Paesaggistico
Un itinerario facile facile lungo la via delle saline
Un itinerario facile facile lungo la via delle saline
Un itinerario facile facile lungo la via delle saline
Una stimolante passeggiata per la riserva naturale delle saline di Trapani e Paceco
Paesaggistico
Le Saline di Trapani e Paceco
Le Saline di Trapani e Paceco
Le Saline di Trapani e Paceco
Un itinerario tra vasche, canali e mulini antichi in un luogo affascinante e suggestivo
Naturalistico
Riserva Naturale Foce del Fiume Belìce
Riserva Naturale Foce del Fiume Belìce
Riserva Naturale Foce del Fiume Belìce
Dune sabbiose che si spostano con il vento e colori ambrati da spazio desertico
Paesaggistico
Il Parco dei Nebrodi
Il Parco dei Nebrodi
Il Parco dei Nebrodi
I Nebrodi d'inverno tra boschi secolari, fiumi e laghi montani: un autentico paradiso
Naturalistico
Da Scopello a San Vito Lo Capo
Da Scopello a San Vito Lo Capo
Da Scopello a San Vito Lo Capo
Trekking nel sentiero costiero più battuto della Riserva Naturale dello Zingaro
Marino
I Forti dello Stretto, eccezionale patrimonio messinese
I Forti dello Stretto, eccezionale patrimonio  messinese
I Forti dello Stretto, eccezionale patrimonio messinese
Un itinerario attraverso le fortezze messinesi, da cui ammirare uno dei panorami più belli al mondo
Artistico/storico
Roccapalumba, Paese delle Stelle e... dei fichi d'India
Roccapalumba, Paese delle Stelle e... dei fichi d'India
Roccapalumba, Paese delle Stelle e... dei fichi d'India
Dal lontano passato all'infinito universo... un weekend di relax immersi nella natura
Paesaggistico
La Grotta di Santa Ninfa
La Grotta di Santa Ninfa
La Grotta di Santa Ninfa
Un ambiente suggestivo, di grande interesse speleologico e naturalistico
Naturalistico
Nella Valle del Belìce
Nella Valle del Belìce
Nella Valle del Belìce
Terra devastata dal tragico sisma del '68 e risorta dalle sue macerie più bella di prima
Paesaggistico
La Riserva Naturale Pino d'Aleppo
La Riserva Naturale Pino d'Aleppo
La Riserva Naturale Pino d'Aleppo
Sulle sponde del fiume Ippari l'ultimo insediamento di Pinus halepensis
Naturalistico
Il Bosco di Scorace, un oasi di pace
Il Bosco di Scorace, un oasi di pace
Il Bosco di Scorace, un oasi di pace
Weekend a Buseto Palizzolo tra colline, verdi vallate e deliziose costruzioni rurali
Agronomico/rurale
Vedi tutti gli itinerari

Aziende consigliate