Villa Cattolica, sede del ''Museo Renato Guttuso''

Villa Cattolica, sede del "Museo Renato Guttuso"

Austera villa settecentesca, è l'unica di Bagheria ad avere una stanza dello scirocco

Contenuti Sponsorizzati
Visualizza mappa itinerario

Vogliamo qui presentarvi una delle ville settecentesche di Bagheria, gioielli dell'architettura siciliana, che hanno reso celebre nel mondo questo Comune poco distante da Palermo, città natale di diversi personaggi di assoluto rilievo nel campo delle arti e della cultura.
Di uno di questi importanti personaggi, il pittore Renato Guttuso, Villa Cattolica è diventata l'intima dimora...

Vista aerea di Villa Cattolica

Sulla Strada Statale 113, in prossimità dell'ingresso a Bagheria, in un incantevole zona circondata dal verde sorge austera Villa Cattolica, fatta costruire nel 1736 da Francesco Bonanno, principe di Cattolica e pretore di Palermo.

Il principe Bonanno, voleva per la sua residenza estiva, un luogo dal quale potesse dominare tutto il territorio bagherese, probabilmente per tenere sotto controllo le dimore degli altri principi che avevano scelto la piana di Bagheria come luogo di villeggiatura. Villa Cattolica si affacciava sulla via Consolare, l'unica che da Palermo portava a Messina.

L'ingresso principale di Villa Cattolica

Non si conosce il nome dell'architetto che la progettò ma è noto il nome del capo mastro che la costruì, Giuseppe Pirrello, il quale fece collocare una targa sopra il portone principale che recita: "Mastru Giuseppi Pirrello vassallo del Principe di Cattolica".

Il palazzo è ancora legato al modello di costruzione medievale, con mura merlate, anche se rivela un certo movimento di ispirazione barocca, poiché il massiciio blocco della costruzione si presenta scavato in due curve opposte: una sulla facciata principale e l'altra sulla parte posteriore.

Un particolare dello scalone a duplice rampa di Villa Cattolica

In una delle due esedre si trova lo scalone a duplice rampa che conduce al piano nobile. Le rampe doppie e simmetriche confluiscono, con movimento elegante, dopo un primo pianerottolo a quello conclusivo appoggiandosi morbidamente ai muri dell'esedra. Dello calone manca la balaustra originaria sostituita da una semplice ringhiera di ferro.
Lo scalone fu costruito con materiale povero, come la pietra calcarea delle montagne di Aspra e il ferro, mentre per altre ville, come Villa Palagonia, venne utilizzato il marmo.

Pavimentazione esterna di Villa Cattolica

L'imponente portale del prospetto principale ed altri dettagli architettonici, hanno carattere cinquecentesco - come il portale rivolto al mare - e le mensole del balcone soprastante di stile barocco. Un tocco di colore alla grigia e austera villa, lo diede Gioacchino Scaduto che  acquistò il palazzo a fine '800 e lo fece restaurare facendo sostituire quasi tutti i pavimenti originali in preziosa maiolica di Valenza, ormai usurati dal tempo, con altri in maiolica più scadenti e più semplici nei motivi. A Gioacchino Scaduto è attribuita la realizzazione di alcuni affreschi nel salone principale del piano nobile.

L'ingresso al Museo Guttuso, a Villa Cattolica

Nella parte superiore del fronte, sopra il balcone centrale, è situato lo stemma di Giuseppe Bonanni e Filangeri principe di Cattolica; qui è anche incisa la data in cui venne edificato il palazzo. L'ingresso al piano nobile immette in un grande salone che fa da disimpegno a tutti gli altri ambienti di questo piano.

Villa Cattolica

Nel primo piano è stata sistemata la pinacoteca comunale dedicata al pittore Renato Guttuso. Nel corso del tempo la villa fu utilizzata per i fini più differenti: come lazzaretto durante un'epidemia di colera che si diffuse nel territorio di Bagheria, poi come distaccamento militare borbonico. Nei primi del '900 nelle dipendenze a destra del palazzo venne impiantato uno stabilimento industriale per la conservazione dei prodotti alimentari che diede lavoro per molti anni a centinaia di famiglie.

Una delle sale del Museo Guttuso

Accanto al cancello d'ingresso sorge la chiesetta di palazzo, un tempo aperta al pubblico culto, oggi adibita a sala espositiva. Villa Cattolica inoltre, ha una caratteristica particolare: è l'unica villa settecentesca del territorio bagherese a possedere una 'stanza dello scirocco'. Si tratta di una stanza realizzata nel sottosuolo, a pochi metri dalla villa stessa, scavata nel tufo e utilizzata come rifugio durante le giornate in cui tirava il vento di scirocco.

Il Museo Guttuso

Una sala del Museo Guttuso a Villa Cattolica

Villa Cattolica ospita la Pinacoteca comunale dedicata a Renato Guttuso, il noto pittore bagherese nato a Bagheria il 26 dicembre del 1911 e morto a Roma il 18 gennaio del 1987. Le spoglie del maestro riposano all'interno dell'arca monumentale situata nel giardino dietro la villa, realizzata con marmi brasiliani celesti dallo scultore e amico di Guttuso, Giacomo Manzù. Il luogo in cui è stata collocata l'arca non è casuale, il pittore infatti,  prima di morire espresse il desiderio di essere sepolto in un posto da dove si potesse vedere il mare. Il retro della villa era quindi il posto ideale perché da li si apre lo splendido scenario del golfo di Palermo e del mare azzurro.

Il monumento funebre che Giacomo Manzù ha dedicato a Renato Guttuso

Le sale della pinacoteca di Villa Cattolica sono 13: tutto il piano nobile è dedicato all'esposizione delle opere di Guttuso, nelle altre sale si possono ammirare le tele di Onofrio Tomaselli, Domenico Quattrociocchi, le sculture di Giuseppe Pellitteri e le opere di altri artisti che hanno avuto un dialogo artistico con il celebre maestro. Sono centinaia le opere esposte tra cui le circa 100 opere donate nel 1973 da Guttuso al Comune di Bagheria.

La sezione del Museo Guttuso dedicato ai manifesti cinematografici
Foto tratta dal sito www.reportageonway.com

Inoltre, il Museo ospita una sezione dedicata ai manifesti cinematografici d'epoca. La sezione nasce dalla donazione dell'ottantenne Filippo Lo Medico, che fino all'84 ha gestito con i fratelli Giovanni e Vincenzo, sale cinematografiche storiche come il cinema "Littorio", inaugurato nel 1927, l'arena "Imperia" e il "Nazionale".

- Comune di Bagheria - Museo Guttuso

28 novembre 2019
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Prizzi, lo smeraldo dei Sicani
Prizzi, lo smeraldo dei Sicani
Prizzi, lo smeraldo dei Sicani
Autentico museo a cielo aperto che di giorno sembra un nido d'aquile e di notte un presepe
Artistico/storico
Aidone, balcone di Sicilia
Aidone, balcone di Sicilia
Aidone, balcone di Sicilia
Dall'Etna ai Nebrodi, dalla Piana di Catania al Mar Ionio, sino a Siracusa
Artistico/storico
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Piazza Armerina, la Città dei Quartieri
Nel cuore della Sicilia, la città medievale, rinascimentale e barocca, famosa per i suoi mosaici romani
Artistico/storico
La Villa Romana del Casale
La Villa Romana del Casale
La Villa Romana del Casale
Gli splendidi mosaici, Patrimonio dell'Umanità, attirano ogni anno migliaia di visitatori
Artistico/storico
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Nella mitica Valle dei Templi
Akragas, "la più bella tra le città dei mortali", fu un fiorente centro culturale
Artistico/storico
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Novara di Sicilia, il borgo di pietra
Il borgo medievale, tra i Nebrodi e i Peloritani, che gli arabi chiamarono Nouah, "giardino, orto fiorito"
Artistico/storico
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Castiglione di Sicilia, il paese presepe
Incastonato tra l'Etna e la Valle dell'Alcantara un piccolo borgo immerso nel verde
Artistico/storico
Gangi, perla delle Madonie
Gangi, perla delle Madonie
Gangi, perla delle Madonie
L'Arte e la Cultura nel luogo che ha dato i natali allo Zoppo di Gangi e al Quattrocchi
Artistico/storico
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
San Marco d'Alunzio, il borgo di marmo rosso
Secondo la leggenda tramandataci da Dionigi d’Alicarnasso... Nel villaggio sul monte Rotondo, lezioni di storia dell'arte
Artistico/storico
La bella Siracusa
La bella Siracusa
La bella Siracusa
"Avete spesso sentito dire che Siracusa è la più grande città greca e la più bella"
Artistico/storico
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Enna, l'ombelico della Sicilia
Nel cuore dell'isola, l'urbs inexpugnabilis fondata dallo schiavo siriano Euno
Artistico/storico
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Castelbuono, il Medioevo in Sicilia
Luogo ideale per un fine settimana da dedicare alla cultura e alla tradizione siciliana
Artistico/storico
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Calascibetta, arroccata sulla cima del monte Xibet
Dalle necropoli preistoriche al quartiere ebraico, alla scoperta di secoli di storia racchiusi in un piccolo borgo
Artistico/storico
Vedi tutti gli itinerari
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

PROMOZIONE BUSINESS

PROMOZIONE BUSINESS

Offerta valida dal 19/09/2019 al 01/04/2020

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE