Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

''41'', una mostra a Roma che chiede: ''Perché Provenzano non è stato ancora arrestato?''

La latitanza e la non cattura della primula rossa di Corleone in una fotoistallazione presto a Palermo

Contenuti Sponsorizzati
Fascine fern  composto con foglie di cicas - Sconti per Fioristi e Aziende
Pick con pigne oro  tondo - Sconti per Fioristi e Aziende
Produzione Porte Interne artigianali
Prove di Carico Statiche su Pali di Fondazione
E’ uno dei misteri più inquietanti d’Italia la latitanza del boss dei boss Bernardo Provenzano. Mistero che si infittisce ogni qual volta si apprende la notizia di un’ennesima cattura di un importantissimo capo clan siciliano e si scopre che per l’ennesima volta non si tratta di lui. Mistero che diventa leggendario, quando il suo avvocato parla di lui come un uomo che non si trova di certo nascosto dentro un buco, e che vive le sue giornate tranquillamente, incontrandosi con la gente che può incontrarlo, nei bar centrali di Palermo. 

Bernardo Provenzano non si trova, e questo fatto diventa materia di ricerca artistica, come nella mostra "DIA un indagine in 26 diapositive'' da poco terminata, dei ragazzi dell’accademia di Belle Arti Abadir di Palermo, e come nella mostra di immagini, pittura e parole, inaugurata pochi giorni fa a Roma.
S'intitola ''41'', come gli anni di latitanza del capo della mafia siciliana. Una fotoinstallazione (inaugurata a Roma, nel Punto Einaudi di via Giulia 81), nell'ambito della rassegna di arti contemporanee ''Textures'', dove sarà visitabile fino al 17 marzo per poi fare tappa a Palermo.

Il fotografo Ruggero Di Maggio, i giornalisti Ernesto Oliva e Salvo Palazzolo hanno rielaborato le fotografie in bianco e nero scattate dai carabinieri del Ros il 31 ottobre 1995 al bivio di Mezzojuso della Palermo-Agrigento: ritraggono un gruppo di mafiosi che si era dato appuntamento per raggiungere Provenzano. Proprio uno di quei boss, Luigi Ilardo, aveva confidato al colonnello dei carabinieri Michele Riccio, la ragione dell'incontro: il congresso convocato da Provenzano, in un casolare poco distante dal bivio, per discutere le strategie del dopo stragi Falcone-Borsellino.

Provenzano era dunque vicinissimo all'arresto, ma quella mattina di ottobre il gruppo di mafiosi non fu seguito dai carabinieri, così come documentano le fotografie. Su questo episodio, la Procura di Palermo ha già aperto un'inchiesta. All'interno delle immagini, gli autori della mostra hanno collocato una serie di testi, soprattutto domande, sul giallo di Mezzojuso e sulla quarantennale latitanza della primula rossa di Corleone, troppo spesso costellata da complicità eccellenti con talpe istituzionali. La sequenza di parole e tratti di colore arricchisce di significato le fotografie, finisce per creare molteplici percorsi di ricerca, un grande ipertesto, attorno all'unica domanda: perché Bernardo Provenzano non è stato ancora arrestato.

10 marzo 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Fascine fern  composto con foglie di cicas - Sconti per Fioristi e Aziende
Pick con pigne oro  tondo - Sconti per Fioristi e Aziende
Produzione Porte Interne artigianali
Prove di Carico Statiche su Pali di Fondazione
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

OFFERTA CASCO J-R HANS OMP
I nostri primi Quarant'anni!!!
Mobile bagno azzurra

Mobile bagno azzurra

valida fino al 30/11/2021
Gift Card

Gift Card

Offerta valida
OFFERTA OLIO BARDAHL XTR C60 RACING 39.67 ( 10W60 - 20W60)

OFFERTA OLIO BARDAHL XTR C60 RACING 39.67 ( 10W60 - 20W60)

Offerta valida dal 01/10/2021 AL 31/12/2021

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE