Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
''Booq'' la bibliofficina di quartiere, a Palermo

"Booq" la bibliofficina di quartiere, a Palermo

Alla Kalsa è nato uno spazio pubblico cittadino gratuito di socialità e cultura

Contenuti Sponsorizzati
JULIA 253
Corsi di Canto
DYLAN DOG 395
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Si chiama "Booq", in un gioco di parola che rimanda all'inglese book, traduzione di libro. È stata inaugurata domenica scorsa, nell'ex convento delle Carmelitane Scalze di piazza Kalsa a Palermo.

È una "bibliofficina" di quartiere: un nuovo spazio pubblico cittadino gratuito di socialità e cultura dedicato alle famiglie, e in particolare ai bambini.

"Booq" la bibliofficina di quartiere

"Include una biblioteca e mediateca attiva nel contrasto alla povertà educativa, nell'educazione alla lettura e nella condivisione di pratiche e saperi ecologici che svolgerà, tra l'altro, un servizio di prestito di attrezzi e altri oggetti utili", affermano i promotori dell'iniziativa.

Booq è nata grazie al progetto "Dappertutto. Territori e comunità per inventare il futuro" di cui è capofila il Centro per lo sviluppo creativo Danilo Dolci. Amico Dolci, figlio del sociologo, è il presidente del progetto, nato dall'esperienza di lavoro sociale ed educativo dell'educatore morto a Trappeto il 30 dicembre 199, e si fonda sulle "pratiche di educazione nonviolenta e sulla metodologia della maieutica reciproca, volta a favorire lo sviluppo creativo nelle scuole e sul territorio, sostenendo processi di crescita".

"Con questo progetto ci proponiamo di contribuire al cambiamento reale del quartiere Tribunali-Castellammare, dove operiamo in maniera continuativa da oltre 10 anni", prosegue Dolci.

"Booq" la bibliofficina di quartiere

Fanno parte del patrimonio di Booq: la biblioteca diffusa, la mediateca interculturale Ideas Box dedicata alla popolazione migrante, donazione della Ong Bibliothèques Sans Frontières, il servizio di prestito di oggetti Zero, per la condivisione di attrezzi, oggetti, pratiche e saperi ecologici e lo scaffale ad alta leggibilità del progetto Voglio leggere. Il progetto, finanziato da Impresa Sociale Con i bambini, soggetto attuatore del "Fondo per il contrasto della Povertà Educativa Minorile", è realizzato in partenariato con le associazioni Addiopizzo, Booq, Clac, Handala, Per Esempio Onlus, Send, Ubuntu Centro Internazionale delle Culture, e con la partecipazione del Comune di Palermo e dell'Università degli Studi di Palermo - Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche e della Formazione.

- www.booqpa.org

29 settembre 2020
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
JULIA 253
Corsi di Canto
DYLAN DOG 395
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE