''Fiumara d'Arte: La via della bellezza''. Viaggio verso la Sicilia con Rachid Boudjedra

Lo scrittore algerino nelle città della ceramica

Continua il "Viaggio in Sicilia… verso Librino", continua inesorabile, perché è bene che un viaggio lo si cocluda una volta iniziato. Si susseguono le tappe del cammino ideato da Antonio Presti, cominciato a gennaio da Paco Taibo II a Gela (CL) e che in questi giorni viene proseguito da Rachid Boudjedra.
Lo scrittore algerino affronta il viaggio "Fiumara d'Arte: La via della bellezza", per conoscere luoghi, paesaggi, pietre, manufatti, suoni, parole, storie, pensieri, idee che hanno contribuito a formare l'identità di un popolo e di una città. Per conoscere gli uomini e le donne, e per capirne le contraddizioni, gli amori, le idee, le speranze, le paure. Per imparare ad ascoltare e ascoltarsi, per vedere e rivedersi negli occhi e con gli occhi degli altri.

"Viaggio in Sicilia… verso Librino" dal 10 al 14 marzo porta Rachid Boudjedra nelle città della ceramica: Caltagirone (CT) e Santo Stefano di Camastra (ME), due comuni che dalla terra hanno ricevuto un frutto prezioso come l'argilla. «E' così intenso l'effetto che tutti i colori, dal verde degli alberi e delle piante ai toni gialli, rossicci e bruni del terreno, producono sull'occhio - scrive Boudjedra della Sicilia - che anche una screziatura dei fiori e delle vesti si fonde nella generale armonia e ci restituisce alla memoria i colori dell'Isola».

Rachid Boudjedra è nato nel 1941 a Ain Beda (Algeria). Segue gli studi a Tunisi, ma é costretto ad interromperli quando scoppia la guerra di Algeria per partecipare alla guerra di indipendenza. Attivo politicamente come rappresentante a Madrid del Fronte di Liberazione Nazionale Algerino durante gli anni della lotta contro il colonialismo, si è laureato in filosofia ad Algeri e alla Sorbona di Parigi. Diventa insegnante di liceo e si trasferisce in Francia, dove vive per alcuni anni. Ha insegnato nell'Africa del Nord, in Europa e in America. Dovette lasciare definitivamente l'Algeria per la sua ferma opposizione agli integralisti islamici. Ha iniziato la sua attività narrativa nel 1969 con il romanzo 'Il ripudiò. Sin da allora accese polemiche accompagnano la sua più che ventennale attività di scrittore, critico, saggista e polemista. Intellettuale impegnato su più fronti e sempre pronto ad affrontare temi di dissacrante provocazione, Boudjedra si è imposto sulla scena della letteratura contemporanea come uno degli scrittori del Maghreb più impegnati socialmente e politicamente.
 
La prossima tappa di "Viaggio in Sicilia… verso Librino", dal 22 al 27 marzo con Hernan Rivera Letelier e "La provincia di Enna : viaggio nelle miniere"

12 marzo 2004
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie