''Prima o poi qualche aereo...''

Il deputato nazionale dell'Udc, Saverio Romano, risolleva il problema del wind shear, grave minaccia per il Falcone-Borsellino

Contenuti Sponsorizzati
SCHLAGWERK TA12 BORSA CAJON
MECCANISMO ALZ.EL.ANT.DX 4P.TOYOTA RAV 4 00>05 ROLCAR
Leader finestra Sidel Infissi in legno
Stencil adesivo murale ghirigori

Che l'Aeroporto Falcone- Borsellino di Palermo, quello che fino a qualche decennio fa si chiamava Punta Raisi, fosse un aeroporto pericoloso, con livelli di sicurezza insufficienti, sbagliato dal punto di vista della posizione, lo si sa da quando esiste.
Dai piloti, ai controllori, dal passeggero quotidiano a quello che "se prende l'aereo è una gran festa", la vista del montagnone (montagna Longa) che si staglia proprio davanti le piste di atterraggio e subito alle spalle tutto quel mare, hanno da sempre fatto un certo effetto... "Prima o poi qualche aereo...".

Da qualche tempo l'aeroporto palermitano è ritornato agli onori della cronaca, per un fatto che potremmo definiresimulazione virtuale di atterraggio al Falcone-Borsellino senz'altro paradigmatico. Qualcuno, per l'ennesima volta, ha ricordato quali gravi pericoli corrono le migliaia di passeggeri che ogni giorno spiccano il volo dalla città "tutto porto".
Infatti se qualcuno dice che l'aeroporto Falcone-Borsellino e fra gli aeroporti più rischio per via del famigerato effetto wind shear (variazione di direzione o di intensità del vento, in grado di provocare situazioni di grave pericolo durante le fasi di decollo o di atterraggio di un aeromobile) non ha fatto altro che ripetere qualcosa che da decenni, periodicamente qualcuno fa ricordare.
Nell'aeroporto palermitano la strumentazione per rilevare e contrastare questo pericolosissimo effetto meteorologico si chiama "bravura dei piloti", perché una vera e propria strumentazione non esiste.

Questa volta a "risollevare" il problema è stato il deputato nazionale dell'Udc, Saverio Romano in un'interrogazione parlamentare. Il deputato ha chiesto di dotare lo scalo palermitano di un sistema di monitoraggio di tutte le cause che generano il fenomeno. "E' una richiesta - ha detto Romano - che punta a garantire la sicurezza dei voli e la conformità dell'aeroporto di Palermo agli standard internazionale".
La risposta ministeriale ha però deluso il parlamentare: "La replica fornita non è per nulla convincente perché se da un lato viene confermata la necessità di garantire la sicurezza dei voli, sostenendo in pieno la pericolosità del fenomeno wind shear, d'altro canto si rimanda la risoluzione del problema a tempi lunghi, all'incirca il 2006. Tutto ciò può significare, per le migliaia di persone che da oggi fino al 2006 usufruiranno dell'aeroporto, alzare la percentuale di rischio per l'incolumità della vita dei passeggeri".

wind shearIl radar per individuare il pericoloso fenomeno costa poco meno di 940 mila euro e il Ministero delle Infrastrutture, in risposta ad una precedente interpellanza, indica quale data per la messa in esercizio del sistema il dicembre del 2006.
L'amministratore delegato della Gesap (l'azienda che gestisce l'aeroporto), Giacomo Terranova  tenta di tranquillizzare gli animi: "Le considerazioni dell'onorevole Romano si basano su una nota del ministero già superata. L'orientamento sui tempi e i modi per affrontare il fenomeno è nel frattempo cambiato. Delle novità daremo notizia nel corso di una conferenza stampa il prossimo 8 giugno".
Insomma, non si parlerebbe più del dicembre del 2006 quale data per l'installazione del sistema di monitoraggio del wind shear.

Il fenomeno è particolarmente inquietante perché di difficile individuazione, a causarlo, infatti, sono molteplici fattori. I suoi effetti si avvertono nei primi ad una altezza dal suolo che varia dai 200 a i 250 metri. Le stazioni wind shear hanno lo scopo di rilevare i parametri metereologici quali direzione e velocità del vento e temperature dell'aria. Per il momento l'aeroporto di Palermo è privo di tali sistemi ma, secondo quanto ha assicurato Terranova,  il Ministero si è reso conto della necessità di agire con celerità.


Stralcio di un servizio televisivo tratto dalla puntata di Report,
del 18/03/2004 - Rai 3

1 giugno 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
SCHLAGWERK TA12 BORSA CAJON
MECCANISMO ALZ.EL.ANT.DX 4P.TOYOTA RAV 4 00>05 ROLCAR
Leader finestra Sidel Infissi in legno
Stencil adesivo murale ghirigori
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

TURONE OSCURAMENTO VETRI GELA DELIA SAN CATALDO

TURONE OSCURAMENTO VETRI GELA DELIA SAN CATALDO

Offerta valida dal 29/11/2016 al 29/07/2017
Vetro auto Castrofilippo
DASYLIRION LONGISSIMUM OFFERTA € 25.00

DASYLIRION LONGISSIMUM OFFERTA € 25.00

31/01/2019 AL 15/03/2019
PELLICOLE OSCURANTI AGRIGENTO: mostra la tua classe
Sostituzione parabrezza Porto Empedocle

Aziende consigliate