''Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design''

"Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design"

#Anteprima I-design. Public lecture con Giusi Diana. Spazio Cre.Zi.Plus Cantieri culturali alla Zisa, Palermo

Laura Baldassari e Alberto Biagetti - Foto: Delfino Sisto Legnani

"Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design" è il titolo della public lecture con Giusi Diana, critica e storica dell'arte, che si terrà giovedì 20 settembre, alle 17,30, nello Spazio Cre.Zi.Plus ai Cantieri Culturali alla Zisa (via Paolo Gili, 4) Palermo. L'ingresso è libero.

Atelier Biagetti, "Body Building", 2015, installation view, lampadario "Anelli", arazzo in pelle "Yoga", seduta gonfiabile "Palla", arazzo in pelle "Yoga" nero, seduta "Cavallina nera" - Foto: Delfino Sisto Legnani

Si tratta del primo di una serie di appuntamenti #Anteprima di I-design in programma dal 26 ottobre al 4 novembre. Per Palermo capitale Italiana della cultura e Manifesta 12, la più longeva manifestazione del Sud Italia dedicata al design e curata da Daniela Brignone, ha deciso di ampliare la settimana di programmazione con tappe di avvicinamento. Vere e proprie finestre sul design con incontri, lezioni e mostre su questo mondo affascinante che unisce arte e creatività e ne fa un modo di vivere contemporaneo.

La conferenza dedicata ad Atelier Biagetti - il duo milanese formato dall'artista Laura Baldassari e dal designer Alberto Biagetti - apre la serie che sarà presentata in conferenza stampa ad ottobre.

Atelier Biagetti, "Body Building", 2015, installation view, ingresso della mostra con "Cavallina argento" - Foto: Delfino Sisto Legnani

Il titolo della conferenza fa riferimento a "Sex, Money and Body Building", una trilogia in tre atti sulle ossessioni contemporanee di Atelier Biagetti. Il primo progetto della serie, che fonde design, installazione artistica e performance, curato da Maria Cristina Didero, è stato Body Building del 2015, in cui la riflessione sui miti e le ossessioni della nostra società partiva dall'indagine del culto della forma fisica. I patinati e ironici oggetti della collezione, inseriti al centro di performance live, erano ispirati all'iconografia del mondo della palestra e del wellness, con un cortocircuito concettuale tra idea di sforzo fisico e di puro godimento estetico.

Atelier Biagetti, "No Sex", 2016, Installation view con sedute "Soffietta #1" e "Soffietta #2", specchio "Deja-vu", lampada "Cocorito" - Foto: Delfino Sisto Legnani

Proseguendo l'indagine a partire dal corpo, il secondo episodio è stato "No Sex" del 2016, dove al centro c'è l'ossessione per il sesso e la sua assenza ritenuta patologica, tra negazione e continua allusione. In questo caso, gli oggetti asettici di una Pleasure-house hanno fatto dell'erotismo elusivo il loro punto di forza; mentre nel 2017 "God" ha messo in scena la terza onnipresente ossessione del nostro tempo, quella per il denaro e, conseguentemente, per il potere.

Atelier Biagetti, "GOD", 2017 Immagine della performance - Foto: Alberto Zanetti

Come spiega Giusi Diana, si tratta di "una narrativa immersiva, costruita per scene, figure e oggetti in cui design, performance e installazione danno vita a una contaminazione tra linguaggi che riscrive il rapporto tra funzione ed estetica".

Atelier Biagetti - Laura Baldassari e Alberto Biagetti

Atelier Biagetti - Lui designer, lei artista, insieme sono Atelier Biagetti ovvero Alberto Biagetti e Laura Badassari. Il loro lavoro include installazioni, oggetti e performance che sono stati presentati in istituzioni pubbliche e spazi privati, tra cui musei e gallerie: Triennale di Milano, Art Basel Design Miami Beach, Secondome Roma, Galleria Riccardo Crespi Milano, Galerie Italienne Paris, Roehrs & Boetsch Zurich, Hostler Burrows New York.

Giusi Diana, storica dell'arte e giornalista, ha curato mostre di artisti italiani e internazionali, con una particolare attenzione alla giovane scena indipendente italiana

Giusi Diana - Storica dell'arte e giornalista, ha curato mostre di artisti italiani e internazionali, con una particolare attenzione alla giovane scena indipendente italiana e a progetti di sound art, arte pubblica e relazionale. Tra i suoi progetti più recenti Alessandro Librio, Il suono dei fiumi, un'installazione sonora urbana curata nel 2017 a Palermo e Evgeny Antufiev. When art became part of the landscape. Chapter I al Museo Archeologico Salinas di Palermo evento collaterale di Manifesta 12. Tra le istituzioni pubbliche e private con cui ha collaborato: Museo Bilotti Aranciera di Villa Borghese; Riso Museo d'Arte Contemporanea della Sicilia; Museo Archeologico A. Salinas, Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, Fondazione Orestiadi di Gibellina, Fondazione Fiumara d'Arte, Fam Fabbriche Chiaramontane. È corrispondente de Il Giornale dell'Arte, The Art Newspaper (Londra) Le Journal des Arts (Parigi), e di Arte Mondadori, Cairo Editore.

18 settembre 2018
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie