Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

35.000 cittadini turchi chiedono all’Italia di riprendersi i rifiuti tossici

Sono 3.000 i bidoni di rifiuti tossici italiani, che dall’80 vengono gettati nel Mar Nero

Contenuti Sponsorizzati
BOSS GA-FC GAFC

BOSS GA-FC GAFC

99,00 €
Alimentatore kit Video 2 Fili Comelit 1209
Lombosciatalgia
IDRATAZIONE E NUTRIMENTO VISO
Una petizione firmata da 35.000 cittadini turchi e 156 associazioni e comitati locali è stata consegnata da Greenpeace al Sottosegretario all’Ambiente della Turchia, con la richiesta del rientro in Italia dei rifiuti tossici italiani inviati in Turchia e della bonifica dei siti contaminati.
I due governi hanno istituito una Commissione intergovernativa e una delegazione del ministero dell’Ambiente turco incontrerà dopodomani a Roma rappresentanti del ministero dell’Ambiente italiano, per la prima volta, per porre fine a questo scandalo.

Sono circa 3.000 i bidoni di rifiuti tossici italiani, inviati in Turchia e gettati nel mar Nero alla fine degli anni '80. Solo 367 barili sono stati trovati sulle spiagge del nord della Turchia e buona parte del carico rimane tuttora sui fondali del mar Nero, causando un serio danno ambientale e di salute pubblica. I rifiuti sono ancora stoccati nei due depositi turchi, a Sinop e Samsun nonostante le evidenze della loro origine italiana.
''Il ministro Matteoli si è smentito. Si era impegnato a riportare i rifiuti in Italia durante un incontro avvenuto con Greenpeace nel gennaio 2002, ma successivamente ha cambiato avviso, sostenendo che l’unico impegno del Ministero è quello di assistere la Turchia nello smaltimento dei rifiuti nel Paese. Questa ipotesi non è accettabile per le comunità locali che convivono con i nostri rifiuti da 16 anni e non sono alla ricerca di un ulteriore inquinamento, ma piuttosto di una piena assunzione di responsabilità'', ha detto Vittoria Polidori, campagna inquinamento di Greenpeace Italia.

Greenpeace si batte da anni per la soluzione di questo problema e lo scorso novembre, a Catania, alla tredicesima Conferenza delle Parti della Convenzione per la protezione del mar Mediterraneo, è stata rinnovata la richiesta al ministro dell’Ambiente, Altero Matteoli.
A rappresentare il problema, di fronte ai delegati delle Parti Contraenti della Convenzione, sono state due vittime dell’inquinamento in Turchia, le signore Hale Ozen, da Sinop e Nuriye Kazaner, da Izmit.

Fonte: Aise

24 gennaio 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
BOSS GA-FC GAFC

BOSS GA-FC GAFC

99,00 €
Alimentatore kit Video 2 Fili Comelit 1209
Lombosciatalgia
IDRATAZIONE E NUTRIMENTO VISO
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

MASTER TRAINING LAURA LANZA ACADEMY 2021
DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COVID 19
PREZZO OFFERTA € 17,50

PREZZO OFFERTA € 17,50

valida fino al 30/11/2021
OFFERTA CASCO J-R HANS OMP
VISMARA BENESSERE LETTINO LUMIA  2021

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE