A Monte Catalfano nascerà il primo centro di educazione ambientale del Meridione

I terreni requisiti al boss Leonardo Greco verranno riconsegnati alla città per creare un parco naturalistico

Contenuti Sponsorizzati
Pannello Sopravasca Connect V1 Ideal Standard
Frizione motozappa 31 BENASSI RL340
Cuore Doppio Aperto Idro cm. 57 x 38  conf. 2 pezzi
L'area boschiva di Monte Catalfano (Bagheria) diventerà il primo centro di educazione ambientale del Mezzogiorno. L'ex discarica Comunale e i terreni requisiti al boss Leonardo Greco verranno così riconsegnati alla città  per creare un parco naturalistico.
Del progetto si parlava da alcuni anni ma solo di recente, è stato dato un nuovo e decisivo impulso per la sua realizzazione. ''I lavori cominceranno entro questa primavera, - ha detto il sindaco di Bagheria Giuseppe Fricano - appena si concluderà lo studio dell'Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente''.

Il progetto, già finanziato, sarà realizzato con i fondi della Provincia di Palermo. Il centro rientra in un progetto di ampio respiro che prevede la realizzazione di un parco di oltre 400 ettari, con aree attrezzate, giochi per bambini e percorsi nel bosco. Il sito riconosciuto d'interesse comunitario sicuramente attirerà molti turisti diventando così, centro di manifestazioni  ed eventi promossi dal Comune. Dopo la sistemazione delle cave di pietra  è in progetto la costruzione di impianti sportivi. Nel parco si svolgeranno attività didattiche sull'educazione ambientale, curate dell'Orto Botanico di Palermo e da Legambiente. Collaboreranno inoltre, alla gestione delle attività il Cerpa (Centro Europeo di Ricerca e promozione dell'accessibilità) e l'Ibar (Istituto per la Bioarchitettura per la divulgazione in sito dei principi della bioarchitettura).

L'intento del sindaco Fricano e dell'Amministrazione Comunale è quello di "valorizzare la cultura ecologica e l'educazione ambientale in una ex discarica che per anni ha rappresentato un simbolo per le ecomafie". La costruzione che ospiterà le attività sarà posizionata su un area marginale del parco, avrà una superficie di circa 500 metri quadrati e verrà realizzata con materiali riciclabili e prodotti con bassa emissione di sostanze nocive. La struttura utilizzerà l'energia solare per la climatizzazione degli ambienti, per l’illuminazione, per le apparecchiature elettriche e per il riscaldamento dell’acqua.

Il Centro inoltre, sarà autonomo nello smaltimento dei rifiuti prodotti e sarà gestito da due amministrazioni comunali: Bagheria e Santa Flavia, visto che ricade nei territori di entrambi i comuni. Un ruolo di rilievo sarà svolto dall'Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste attraverso il Corpo Forestale e dalla Provincia Regionale di Palermo per la promozione turistica.
Il costo dell'intero progetto ammonta a circa 4 milioni di euro.

19 marzo 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Pannello Sopravasca Connect V1 Ideal Standard
Frizione motozappa 31 BENASSI RL340
Cuore Doppio Aperto Idro cm. 57 x 38  conf. 2 pezzi
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

CARGLASS POGGIOREALE
BANCO SALUMI

BANCO SALUMI

30 GIORNI MESE MARZO
CARGLASS RAFFADALI: cerca il centro vetro auto a te più vicino!
Wedding Open Day sposi Palazzo Artale Tumminello, Palermo
CARROZZERIA  ASSICURAZIONE AGRIGENTO

Aziende consigliate