Ai Cantieri Culturali della Zisa la conferenza stampa di fine riprese del film Il delitto Mattarella

Ai Cantieri Culturali della Zisa la conferenza stampa di fine riprese del film Il delitto Mattarella

Il film, per la regia di Aurelio Grimaldi, hanno coinvolto un ricco cast e una troupe interamente siciliana

Contenuti Sponsorizzati
Teche  espositori in vetro
CARELLO
ARREDO PANIFICI

Si svolgerà domani, martedì 9 aprile, nella Sala Perriera dei Cantieri Culturali della Zisa di Palermo, la conferenza stampa di fine riprese del film "Il Delitto Mattarella" per la regia di Aurelio Grimaldi, co-prodotto da Cine 1 Italia con mezzi propri e in qualità di investitore esterno dalla società Edilizia Acrobatica Spa e da Arancia Cinema (con il supporto della Sicilia Film Commission e Sensi Contemporanei).

Riprese del film di Aurelio Grimaldi "Il delitto Mattarella"

Le riprese iniziate il 4 marzo, hanno coinvolto un ricco cast siciliano, composto da Claudio Castrogiovanni, Domenico Ciaramitaro, David Coco, Fabio Costanzo, Vincenzo Crivello, Francesco Di Leva, Donatella Finocchiaro, Lollo Franco, Sergio Friscia, Ivan Giambirtone, Leo Gullotta, Guia Jelo, Francesco La Mantia, Vittorio Magazzè, Tuccio Musumeci, Toni Sperandeo, Andrea Tidona. Un vero e proprio tributo alla memoria di Piersanti Mattarella da parte degli attori siciliani coinvolti nel progetto che si avvale, a sua volta, di una troupe interamente siciliana.

Il regista Aurelio Grimaldi

Aurelio Grimaldi da anni raccoglie materiali sul "caso Mattarella". Dopo l'elezione del fratello Sergio al Quirinale ha scritto una sceneggiatura densa di fatti e documenti, con l'intento di combattere l'oblio in cui è caduta la vicenda. Tra i personaggi le prime due cariche dello Stato, Sergio Mattarella e l'allora Presidente del Senato Pietro Grasso, che quel 6 gennaio 1980 era un giovane PM di turno e quindi titolare di inizio indagini sull'omicidio.

Riprese del film di Aurelio Grimaldi "Il delitto Mattarella"

Circondati da politici poi pluricondannati (Ciancimino), uccisi dalla mafia per non aver rispettato i patti (Lima), suicidi per sensi di colpa (Nicoletti), condannati ma prescritti (Andreotti) e boss mafiosi come Stefano Bontade e poi Totò Riina, che ne prese il posto col  sangue, dando inizio al predominio dei Corleonesi.
"Piersanti Mattarella - sottolinea Grimaldi - è una figura ingiustamente dimenticata. A Roma e Milano non esiste nemmeno una via a lui dedicata. La discrezione della impeccabile famiglia e del fratello Presidente della Repubblica sono senza pari".

Alla conferenza stampa interverranno: Nello Musumeci (Presidente della Regione Sicilia); Gianfranco Micciché (Presidente Assemblea Regionale Siciliana); Luigi Miceli (Sindaco di Tusa); Nicolò Nicolosi (Sindaco di Corleone); Nicola Rizzo (Sindaco di Castellammare del Golfo); Pete Maggi (Produttore Cine1); il regista Aurelio Grimaldi; Alessandro Rais (Sicilia Film Commission).

8 aprile 2019
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Teche  espositori in vetro
CARELLO
ARREDO PANIFICI
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Aziende consigliate