Arrestato a Milano Ugo Martello, ''il Professore''

L'uomo, referente delle cosche palermitane, è stato protagonista della storia di 40 anni di mafia a Milano

E' stato arrestato questa mattina, nella sua abitazione in zona Porta Venezia a Milano, Ugo Martello , detto "il Professore" e considerato uno dei principali referenti di Cosa Nostra a Milano. Ad arrestarlo gli uomini della Direzione Investigativa Antimafia.
Le manette sono scattate stamane, intorno alle 7:30. L'uomo stava facendo colazione insieme alla moglie quando è stato sorpreso dagli uomini della Dia.
L'uomo, di 69 anni, nato a Ustica, è stato protagonista della storia di 40 anni di mafia a Milano. Considerato uno dei soggetti stabilmente inserito nelle organizzazioni criminali di stampo mafioso - il suo nome compare nelle maggiori inchieste sulla criminalità organizzata dal capoluogo lombardo -, è accusato di estorsione aggravata dall'utilizzo del metodo mafioso nei confronti di un noto imprenditore bergamasco da cui ha cercato in passato di avere 1 mln e mezzo di euro.
Un episodio descritto nelle carte indagini dell'operazione denominata 'Metallica' condotta dalla Dia di Milano e coordinata dal sostituto procuratore Celestina Gravina, indagini che già nel luglio 2008 hanno portato all'arresto di altri noti esponenti della criminalità mafiosa operante a Milano, tra cui Giuseppe Onorato e Luigi Bonanno. Nei confronti di Martello, già oggetto di condanne per associazione mafiosa (una condanna a 15 anni di carcere è stata irrogata a Martello nell'udienza del 18 dicembre scorso a conclusione del rito abbreviato), era stata emessa ieri un'ordinanza di custodia cautelare dal gup di Milano Giuseppe Gennari.
Nel motivare l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per Ugo Martello, il Gip Gennari spiega che "non vi sono ragioni per ritenere intervenuta, in questi ultimi tempi, una rescissione di quei rapporti mafiosi che hanno permesso la commissione dei reati" da parte di Martello. Il Gip nell'ordinanza parla anche di una "elevata attitudine criminale" di Martello "per nulla scalfita da lunghi anni di militanza" nelle cosche mafiose palermitane.

"L'arresto di Ugo Martello, esponente milanese della mafia palermitana, è un altro colpo significativo contro la mafia". E' il commento del ministro dell'Interno, Roberto Maroni, che ne ha parlato a Milano a margine di un convegno sulle riforme. "Ugo Martello - ha spiegato - è un esponente della mafia palermitana a Milano, un referente importante da oltre 40 anni, ed è stato arrestato questa mattina nella sua abitazione milanese". [Informazioni tratte da Adnkronos/Ing, AGI]

Ugo Martello: "il Professore" della mafia - Ugo Vittorio Benito Martello è nato a Ustica (Pa) il 24 febbraio del 1940, dal padre Giuseppe Martello e dalla madre Marianna Ciulla. Detto "il Professore", ha utilizzato diversi pseudonimi come Eugenio Apicella, Tanino o dottor Filippi. E’ il quarto di cinque fratelli: Rosa, Francesco, Biagio, e l’ultimogenito Mario. Sposato (la moglie è insegnante), ha tre figli (due maschi e una femmina). Ugo Martello non ha la patente, ha la licenza media e di professione risulta commerciante, anche se non svolge nessuna attività. I suoi primi guai con la giustizia risalgono al 9 ottobre 1965 quando viene denunciato irreperibile per concorso in rapina e tentato omicidio, e porto d’armi. Fatti avvenuti a Palermo. Da quel momento Martello diventa latitante e si trasferisce a Milano dove secondo le forze dell’ordine: "operava sotto falso nome come anello di congiunzione tra i gruppi mafiosi già esistenti in questo capoluogo e quelli palermitani ed a loro volta collegati a organizzazioni criminali sempre facenti parte a Cosa Nostra operanti oltreoceano".
Il 3 febbraio 1967 viene condannato dalla Corte d’assise di Palermo a 14 anni per rapina e tentato omicidio, poi divenuti 16 in appello il 13 maggio del 1967. La sentenza veniva poi annullata dalla Cassazione che rinviava il procedimento alla Corte d’assise d’appello che il primo giugno del 1982 assolveva Martello per insufficienza di prove. Il 13 aprile del 1981 Ugo Martello è tra le 101 persone denunciate dalla Criminalpol alla Procura di Milano per associazione per delinquere di stampo mafioso. Insieme a lui Alfredo e Giuseppe Bono, Tommaso Buscetta, Salvatore Enea, Vittorio Mangano, Federico D’Agata, Luigi Monti, Gaetano Fidanzati e i fratelli Carlo, Antonino e Giuseppe e Gerlando Alberti detto 'u paccarè. Il 3 marzo del 1982 Ugo Martello viene arrestato a Milano sotto le mentite spoglie di Eugenio Apicella. Il 26 maggio del 1982 viene colpito da un mandato di cattura del Tribunale di Milano per associazione mafiosa e traffico  di droga insieme a Rosario Spatola, Giovanni, Giuseppe e Alfonso Gambino, Rosario Inzerillo, Emanuele, Domenico e Antonio Adamita. Il 14 febbraio 1983 è tra i destinatari del mandato di cattura nell’ambito del blitz di San Valentino. Con lui Alberti, Buscetta, Bono, Monti, Virgilio, Gangi e Fidanzati. Il 5 giugno 1984 nei suoi confronti viene emesso un mandato di cattura del Tribunale di Milano per associazione mafiosa. Secondo le accuse Martello, pienamente inserito all’interno di Cosa Nostra, gestiva uno dei più importanti traffici Italia-Usa di eroina insieme alle famiglie Bonanno, Bono e Inzerillo.
Il 9 settembre 1984 è colpito da un nuovo mandato di cattura firmato dal Tribunale di Palermo nel procedimento "Abbate + 365", sempre per associazione mafiosa. Il 7 novembre viene scarcerato per decorrenza dei termini. Il 23 maggio 1986 viene invece condannato a 14 anni di reclusione dal Tribunale di Milano. Il 10 dicembre 1990 la Corte d’assise d’appello di Palermo lo condanna a 5 anni e 4 mesi per associazione mafiosa. Nella sentenza si legge che "Martello è inserito nella famiglia di Bolognetta capeggiata da Giuseppe Bono". Il 7 gennaio 1991 viene sottoposto alla libertà vigilata per tre anni: da quel momento lavora presso lo studio di un commercialista di via Manzoni. Pochi mesi dopo viene di nuovo arrestato dalla squadra Mobile di Milano, per scontare la pena a 3 anni e 4 mesi di reclusione. Il 16 aprile del 1992 si costituisce a San Vittore perché colpito da un ordine di esecuzione pene della Procura di Palermo per 5 anni e 4 mesi per associazione mafiosa. Il 18 giugno del 1993 viene scarcerato con obbligo di soggiorno a Milano per tre anni. Il 21 febbario 1995 viene colpito da un’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito di un’inchiesta della Direzione investigativa antimafia. Nell’inchiesta emerge che il pentito Francesco Marino Mannoia, ha definito Ugo Martello come appartenente alla famiglia di Bolognetta, mentre i fratelli Biagio e Mario a quella di San Giuseppe Jato. Mario Di Matteo invece parla anche di legami diretti tra Martello e Giovanni Brusca. Il 7 marzo 2001 viene colpito da un ordine di esecuzione pene della Procura di Milano per 17 anni e 4 mesi di carcere sempre per traffico di droga e associazione mafiosa. Il 7 ottobre del 2003 viene scarcerato dal carcere di Opera dopo un provvedimento di unificazione delle pene. Il 25 febbraio 2004 viene sottoposto alla libertà vigilata per tre anni con l’obbligo di restare in casa dalle 22 alle 7 e di presentarsi una volta a settimana (il venerdì tra le 9 e le 10) al commissariato di Città Studi di Milano. In questo periodo lavora come volontario all'ospedale Fatebenefratelli di Milano con un'associazione onlus per l'assistenza dei parenti dei malati. L'8 luglio del 2008 viene indagato a piede libero nell’ambito dell’inchiesta "Metallica" della Dia per estorsione. Il 28 aprile 2009 viene coinvolto nell’inchiesta Milano-Palermo per traffico di droga insieme a Luigi Bonanno e Salvatore Cangelosi, il cognato di Gaetano Fidanzati. Nel dicembre 2008 la condanna a 15 anni per estorsione nell'ambito dell'inchiesta "Metallica". [Informazioni tratte da MilanoMafia.com]

23 dicembre 2009
Condividi:
Bus e Ingresso per Etnaland - PROMO

Bus e Ingresso per Etnaland - PROMO

Parchi divertimento ed acquatici
39,00 €
ADATTATORE AUTORADIO BMW SERIE 1 E 3 ESTERO MECATRON
ADATTATORE AUTORADIO RENAULT CLIO 2012> MECATRON
SIRENA RICAMBIO ALLARMI GEMINI MODULARI  GEMINI
MODULO ALZAVETRI ELETTRICI GEMINI 2 VETRI  GEMINI

MODULO ALZAVETRI ELETTRICI GEMINI 2 VETRI GEMINI

Antifurti per auto
40,80 € 60,00 €
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

CARGLASS CIANCIANA

CARGLASS CIANCIANA

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
CARGLASS LUCCA SICULA CARGLASS VILLAFRANCA SICULA

CARGLASS LUCCA SICULA CARGLASS VILLAFRANCA SICULA

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
DOCTORGLASS AGRIGENTO

DOCTORGLASS AGRIGENTO

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
Gita  di una giornata a San Vito Lo Capo € 12,00
STEFANO ANSELMO  da LAURA LANZA ACADEMY

STEFANO ANSELMO da LAURA LANZA ACADEMY

Centri di estetica, cosmesi, benessere e servizi

Aziende consigliate