Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Arrestato l'avvocato dei Lo Piccolo

In carcere anche un procuratore di calcio che ha lavorato per il Palermo Calcio

Contenuti Sponsorizzati

Un avvocato e un procuratore di calcio, ritenuti vicini ai boss Salvatore e Sandro Lo Piccolo, sono stati arrestati oggi dalla Guardia di finanza a Palermo.
In carcere sono finiti l'avvocato Marcello Trapani, 39 anni, legale della famiglia Lo Piccolo, accusato di associazione mafiosa, e Giovanni Pecoraro, 47 anni, che ha anche lavorato per la società del Palermo, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa ed estorsion aggravata. Sei le persone iscritte nel registro degli indagati nell'ambito dell'indagine coordinata dal procuratore aggiunto Alfredo Morvillo e dai pm Gaetano Paci, Domenico Gozzo, Francesco Del Bene e Anna Maria Picozzi.

Gli inquirenti hanno accertato che l'avvocato Trapani "era legato a diversi componenti della famiglia mafiosa dei Lo Piccolo, da un rapporto di natura professionale e, soprattutto da un rapporto di natura extraprofessionale, che ha progressivamente assunto rilevanza penale sempre più marcata". L'avvocato Trapani, che è anche procuratore sportivo di alcuni giovani calciatori del Palermo, avrebbe fatto "da tramite" tra i due capimafia, arrestati nel novembre scorso, e alcuni imprenditori. In particolare, i Lo Piccolo avevano interessi economici nel Veneto, a Chioggia. Con l'appoggio di alcuni imprenditori veneti, ma anche di un militare della Guardia di Finanza, tutti indagati, i due boss avrebbero tentato di mettere le mani sulle opere di riqualificazione del porto di Chioggia. Un investimento pari a 8 mln di euro circa.
Questa mattina, subito dopo gli arresti sono state effettuate diverse perquisizioni dalle fiamme gialle in alcuni uffici in Veneto.

L'avvocato Trapani è inoltre accusato di avere acquistato un giubbotto antiproiettile per conto dei Lo Piccolo mentre questi erano latitanti. Non solo. Lo stesso penalista avrebbe fatto avere ai boss mafiosi materiale giudiziario che riguardava proprio le inchieste sulle cosche palermitane e si sarebbe anche impegnato a "intestarsi fittiziamente" un appartamento. Dalle intercettazioni, non solo ambientali ma anche video, effettuate nello studio del penalista, è emerso anche che durante gli incontri tra il figlio minore di Lo Piccolo, Calogero, e il legale, i due si scambiavano dei cosiddetti 'pizzini' in modo da tentare di evitare le intercettazioni. Gli stessi sono stati poi recuperati dagli investigatori tra i rifiuti.

Nell'ambito dell'inchiesta che ha portato all'arresto di Trapani si è fatta luce anche sull'intimidazione all'ex direttore sportivo del Palermo Rino Foschi al quale, nel Natale 2006, venne recapitata una testa d'agnello mozzata. Andrea Bonaccorso, un pentito di mafia, autore del gesto, ha raccontato ai magistrati che i mandanti erano i Lo Piccolo. I boss avrebbero voluto partecipare alla spartizione di alcuni appalti commissionati dal presidente rosanero Maurizio Zamparini. Appalti che, però, non riguardavano il Palermo ma affari personali del presidente. Gli stessi investigatori, nel provvedimento d'arresto, hanno sottolineato che Zamparini "non si è mai piegato alle intimidazioni". Al contrario, il presidente friulano avrebbe anche allontanato delle persone dalla società sportiva per evitare interferenze con Cosa nostra.

Giovanni Pecoraro sarà interrogato dal gip, Silvana Saguto, domani. Marcello Trapani, trasferito nel carcere di Rebibbia a Roma, sarà interrogato dal gip venerdì. Domani pomeriggio il Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Palermo sospenderà Trapani. Secondo l'ordinamento forense nel caso di arresto la sospensione è obbligatoria. Il provvedimento sarà assunto a tempo indeterminato; nulla è previsto nell'ordinamento di fronte alla revoca degli arresti. "Ma noi siamo stati piuttosto duri anche in presenza di revoca mantenendo la sospensione, in questo caso è il Consiglio a decidere - ha detto il segretario del Consiglio dell'Ordine di Palermo, Francesco Greco -. E' probabile che, dato la gravità del reato contestato, manterremo la linea della fermezza"

[Informazioni tratte da Adnkronos/Ing, La Siciliaweb.it, Corriere.it]

24 settembre 2008
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

MAKE UP POSTAZIONI

MAKE UP POSTAZIONI

31/12/2022
Cambia le porte e le paghi la metà

Cambia le porte e le paghi la metà

Offerta valida fino al 31/07/2021
I nostri primi Quarant'anni!!!

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE