Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

CIPRÌ&MARESCO - ''CARTE BLANCHE'' - Non Solo Jazz Catania 2007/08

Contenuti Sponsorizzati
CIPRÌ&MARESCO - ''CARTE BLANCHE''
Biografia Daniele Ciprì - Daniele Ciprì, nato a Palermo il 17 agosto del 1962, è figlio di un fotografo che aveva uno studio specializzato in matrimoni. ''... vengo da una famiglia di artigiani dove c'era bisogno di inventarsi continuamente un lavoro. Mio padre è stato uno degli ultimi riparatori di macchine fotografiche e cineprese, era un tecnico. Mi ha aiutato molto, mettendomi in mano una cosa che mi piaceva, la cinepresa, il cinema. Sono rimasto affascinato da questo mestiere, ho scelto di abbandonare gli studi, e non me ne sono mai pentito''.
Molto presto, quindi, inizia a lavorare come operatore in una cooperativa di servizi.
Biografia Franco Maresco - Franco Maresco, nato a Palermo nel 1958, giovanissimo comincia a lavorare in radio e tv private. In particolare, cura alcuni programmi di jazz e di cinema per Radio Palermo Centrale, che allora era un'emittente molto seguita. Nell'80 approda al cineclub Nuovo Brancaccio, attivo in una delle zone a più alta densità mafiosa della città. Nell'83 fonda la cooperativa di cinema e spettacoli Rosebud e nell'85 apre un negozio di videocassette, divenuto ben presto un punto d'incontro per gli appassionati di cinema.
Biografia Ciprì & Maresco - Franco e Daniele si conoscono e iniziano a collaborare nel 1986, realizzando micro-montaggi con frammenti di film ed altri brevi lavori in video che appaiono alla televisione locale Tvm. Nel 1990 i corti di Cinico Tv approdano a Fuori Orario di Enrico Ghezzi (Raitre) e si impongono quindi a livello nazionale; seguiranno Blob (nel '92, 49 puntate di ''Blob - Cinico TV'') e Avanzi.
Palermo vi è descritta come una città devastata, dal desolato paesaggio apocalittico. L'attraversano figure disperatamente grottesche - miserevoli e ripugnanti, sbracate e blasfeme, freaks di una marginalità postpasoliniana - immerse in situazioni assurde e scolpite in un bianco e nero da cinema classico, che restituisce loro una struggente dignità. Lo spirito ferocemente dissacrante, il gusto dello sberleffo e del paradosso sono il tratto costitutivo anche dei lavori successivi, dove riconosciamo ambientazioni, personaggi, citazioni filmiche.
Del 1995 è il loro primo lungometraggio ''Lo zio di Brooklyn'', film estremo e radicale, che mostra una Palermo periferica e desertificata, dove ''sembra che sia avvenuta la fine del mondo''.
Segue ''Totò che visse due volte'' (1998), film ferocemente iconoclasta, che provoca accese polemiche, anche per la censura che ne blocca la visione nelle sale. Nel 1999 esce ''Enzo, domani a Palermo!'', tragicomica video-biografia di Enzo Castagna, piccolo boss palermitano che controlla l'impiego delle comparse nel mondo dello spettacolo e del cinema in Sicilia.
Nel febbraio del 2002 debuttano in teatro alla Biennale di Venezia con ''Palermo può attendere'', in cui gli attori in scena (Luigi Maria Burruano, Mimmo Cuticchio, Gino Carista) interagiscono con paesaggi e attori (Franco Scaldati) che si muovono su tre schermi che si impongono come elementi della scenografia.
Nell'agosto 2003 presentano il Film ''Il ritorno di Cagliostro'' alla 60a Mostra del Cinema di Venezia in concorso "Controcorrente".
Il loro ultimo Film, ''Come inguaiammo il cinema italiano'', dedicato ai due grandi comici siciliani Franco Franchi e Ciccio Ingrassia è stato presentato con successo all'ultima edizione della Mostra Cinematografica di Venezia 2004.
Nel 2005 Ciprì e Maresco hanno realizzato due spettacoli ''Viva Palermo e Santa Rosalia'' con immagini, musica dal vivo con Salvatore Bonafede al piano, Enrico Rava alla tromba, ed in scena gli attori Franco Scaldati e Mimmo Cuticchio, lo spettacolo è stato rappresentato a Bologna in piazza Maggiore il 30 giugno, nel contesto del festival su cinema e letteratura, con notevole successo di pubblico e critica. L'altro spettacolo dal titolo ''Inventario Siculopalermitanesco'' è stato rappresentato al Festival Jazz di Roccella Jonica, immagini di repertorio e inedite commentante sempre dal vivo dal piano di Salvatore Bonafede, la tromba di Enrico Rava e dalla voce recitante di Franco Scaldati, il progetto originale commissionato dal festival è stato rappresentato il 24 agosto riscuotendo i più ampi consensi di pubblico, organizzatori e critica.
20 maggio 2008
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Cambia le porte e le paghi la metà

Cambia le porte e le paghi la metà

Offerta valida fino al 31/07/2021
Sconto in fattura del 50%

Sconto in fattura del 50%

Offerta valida fino al 30/12/2021
Nuovi arrivi Goofi Salvadanaio!!!!
MARMI E LAPIDI
Gift Card

Gift Card

Offerta valida

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE