Come render visiva la musica attraverso gli spartiti. Philip Corner a Palermo

Dipingera la musica, ascoltare la pittura. A Palermo il grande esponente di Fluxus

Contenuti Sponsorizzati
DI MARZIO SUPER DISTORTION DP100BK
ALZAVETRO ELETTRICO DACIA LOGAN POST. SX POLITECNICA 80
Colonne docce multifunzione MEDAFORM Fitness
TURONE PELLICOLE CARROZZERIA AUTO AGRIGENTO
Vetrate in alluminio  con ante scorrevoli

Philip Corner - Rendere visiva la musica attraverso gli spartiti
dal 29 ottobre al 20 novembre 
Galleria San Saverio - Ersu
Via Giovanni Di Cristina 39 -  Palermo

Si può suonare il "Carnevale di Arlecchino" di Juan Mirò? Oppure, si può dipingere un "contrappunto"?
La risposta è sì, e Philip Corner con la sua opera c'è lo dimostra.
Da oggi, sino al 20 novembre, a Palermo presso la Galleria Ersu del San Saverio, sarà possibile scoprirne l'alchimia.
L'evento consiste nell'esposizione di spartiti musicali con interventi grafici ed installazioni musicali dell'autore. Philip Corner, protagonista e promotore della corrente Fluxus insieme a John Cage, è stato artefice di una vera e propria rivoluzione in campo musicale. Corner rivela un attento lavoro di filtraggio del materiale sonoro, in direzione della purezza, dell'essenza, della pratica del vuoto, del bianco e del silenzio e si impegna mentalmente in un percorso di modulazioni progressive dalla profondità alla levità.
Nelle "sonate visive" le sagome di certi strumenti musicali sono segnate su fogli di normale carta da musica.
I contorni, in carboncino e gesso colorato, sono tracciati partendo da una raccolta di strumenti, che include dei piatti balinesi e tailandesi, così come i campanelli da telefono, il flauto coreano di bambù taegum e il pvonga oppure una tromba nepalese smontabile.

Philip Corner, è nato il 10 aprile del 1933 a New York; vive a Reggio Emilia. Philip Corner
Compie studi in calligrafia, nel sogno, nella crescita spirituale, nell'espansione della voce, nella consapevolezza del movimento, nella meditazione sciamanica.
E' compositore e esecutore come pianista trombonista, corpi vari e voce.
Esponente storico di Fluxus (1962-64), del Judson Dance theatre (1962-1965), Tone Roads (anni Sessanta), Gamelan Ensemble Son of Lion (1975-1992), Experimental Intermedia Foundation (1970-1980), Sounds Out Of Silent Spaces (anni Settanta).
Corner studiò con Otto Leuning, Henry Cowell e soprattutto con Olivier Messiaen.
Ascoltato negli anni come un compositore minimalista, pare più corretto definire la sua opera come elementarismo, data l'estrema concentrazione su materie musicali essenziali, semplici e - appunto - elementari. Questa fase relativamente recente e più matura nella vita musicale dell'autore rappresenta l'avvicinamento alle teorie aleatorie di John Cage. Ma non solo.
Ha insegnato presso la The New School for Social Research (1967-1970) e la Rutgers University (1972-1992).

29 ottobre 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
DI MARZIO SUPER DISTORTION DP100BK
ALZAVETRO ELETTRICO DACIA LOGAN POST. SX POLITECNICA 80
Colonne docce multifunzione MEDAFORM Fitness
TURONE PELLICOLE CARROZZERIA AUTO AGRIGENTO
Vetrate in alluminio  con ante scorrevoli
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

CARROZZERIA  ASSICURAZIONE AGRIGENTO
CARGLASS CASTELVETRANO
Carglass Siculiana

Carglass Siculiana

28/02/2019
COUNTRY FEST 2018
OSCURAMENTO VETRI AUDI A5 SPORTBACK: ANCORA PIU' SPECIALE!!

OSCURAMENTO VETRI AUDI A5 SPORTBACK: ANCORA PIU' SPECIALE!!

Offerta valida dal 25/08/2016 al 12/07/2017

Aziende consigliate