Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Dalla commemorazione alla protesta

A Lampedusa, all'indomani della giornata della memoria per le vittime del naufragio del 3 ottobre, gli abitanti manifestano contro il sindaco

Contenuti Sponsorizzati

Ieri la commemorazione delle 368 vittime del naufragio avvenuto il 3 ottobre di un anno, oggi le proteste. Era stato annunciato come uno "sciopero generale" di tutti gli abitanti di Lampedusa, in realtà si è trasformato in un sit-in poco partecipato nella piazza principale del paese.
Una protesta contro l'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giusi Nicolini, e la decisione di riaprire il Centro di prima accoglienza per i migranti. Sui cartelli esposti in piazza slogan come "Vogliamo vivere di turismo, no clandestini", "Centro uguale a terrorismo, morti in mare, malattie, mafia", e ancora "Non siamo italiani di serie B".
Il "Masaniello" della protesta è Totò Martello, ex sindaco, albergatore e presidente del Consorzio dei pescatori di Lampedusa che ieri aveva dato vita a una "contro manifestazione", con il lancio in mare di una corona di fiori qualche ora prima della cerimonia ufficiale con le autorità.

"In questa stagione - spiega - abbiamo avuto un calo del 40% della presenze alberghiere. All'appello mancano qualcosa come 28 mila turisti". Martello contesta poi le iniziative organizzate per l'anniversario della strage, bollando come una "inutile passerella" la presenza sull'isola del presidente del parlamento europeo Martin Schulz, della presidente della Camera Laura Boldrini e del ministro degli Esteri Federica Mogherini.
Un altro motivo di protesta riguarda l'annunciata costruzione sull'isola di cinque radar "che metteranno in serie pericolo la nostra salute e il futuro dei nostri figli". Infine i manifestanti attaccano il sindaco Nicolini per la convenzione con il magnate americano George Soros, che sta finanziando una serie di iniziative sull'isola, a cominciare dal Festival Sabir che si sta svolgendo in questi giorni proprio in occasione dell'anniversario della tragedia di un anno fa. "Vogliamo capire - dice Martello - quali sono i reali interessi di Soros e il perché di un accordo che è stato siglato senza che il consiglio comunale venisse informato".

"Accuse false, qualunquistiche e strumentali". Così il sindaco Nicolini definisce la protesta che si è svolta oggi in paese contro l'amministrazione comunale, replicando punto per punto ai promotori della manifestazione "guidata da ex sindaci che sono stati sconfitti alle elezioni, per nascondere le loro responsabilità ventennali".
Nicolini contesta innanzi tutto che il Centro di prima accoglienza venga riaperto: "Non è mai stato chiuso - spiega - perché è stato utilizzato come presidio d'emergenza in caso di nuovi arrivi sull'isola che quest'anno, grazie all'operazione Mare Nostrum, sono stati solo 3 mila. È vero invece che sono stati ristrutturati i due padiglioni incendiati nel 2011, aumentando la capienza da 250 a 388 posti letto. A meno che non si preferisca far dormire i migranti che approdano sull'isola per strada".
Il sindaco liquida anche come una "invenzione" la paventata costruzione di cinque nuovi radar sull'isola: "C'è solo una progetto per riammodernare i due impianti dell'aeronautica militare e della Marina, presenti fin dal 1986, ai tempi in cui Gheddafi lanciò due missili contro l'isola. Abbiamo già chiesto di acquisire la valutazione di impatto ambientale e il parere preventivo dell'Arpa per conoscere l'effetto di un eventuale aumento delle radiazioni elettromagnetiche sulla popolazione".

Per quanto riguarda il dibattito svoltosi ieri, alla presenza delle massime autorità italiane ed europee, Nicolini risponde seccamente ai contestatori: "Quando le istituzioni ignoravano Lampedusa dicevano di essere stati abbandonati, adesso che sull'isola sono venuti il presidente del parlamento europeo, la presidente della Camera e quella del parlamento portoghese, due ministri e il presidente della Regione ci accusano di voler fare una 'passerella'. La verità è che hanno avuto coraggio a venire e a confrontarsi con i problemi dell'isola, nonostante le contestazioni strumentali di chi vuole che nulla cambi".
Il sindaco replica anche alle accuse circa accordi "segreti" con il magnate Soros: "Non lo conosco, abbiamo solo siglato una convenzione con una sua Onlus, Open society, che intende realizzare, attraverso un professionista, una serie di progetti per Lampedusa come i Mondiali giovanili di Vela del 2018".

[Informazioni tratte da ANSA, Lasiciliaweb.it]

- Lampedusa ricorda il terribile naufragio (Guidasicilia.it, 03/10/14)

4 ottobre 2014
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

FONTANA TIPO PIETRA LAVICA A PARETE

FONTANA TIPO PIETRA LAVICA A PARETE

Offerta valida dal 04/02/2021 al 03/08/2021
PREBIT - GUAINA 4 MM IN POLIESTERE "NERISSIMA TOP" -10°, PIEGAMENTO A FREDDO
IGIENIZZAZIONE ABITACOLO: LA PROTEZIONE IN AUTO
Artigiani in villa

Artigiani in villa

dal 5 Luglio al 5 Settembre 2021
TURONE SOCCORSO STRADALE AGRIGENTO- CARROATTREZZI AGRIGENTO

TURONE SOCCORSO STRADALE AGRIGENTO- CARROATTREZZI AGRIGENTO

Offerta valida dal 14/04/2016 al 12/04/2017

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE