FAHRENHEIT 9/11

Il film più esplosivo e discusso dell'anno, in arrivo nelle sale cinematografiche di tutta Italia

Noi vi segnaliamo...
FAHRENHEIT 9/11
di Michael Moore


Ecce Moore! Più catastrofico di Roland (Emmerich), più militante di Walter (Salles), più implacabile di Clint, dopo le censure disneyane, i trionfi cannensi, la rottura imminente Miramax, la travagliata uscita Usa... la più chiacchierata cine-novela dell'anno arriva anche nel bel paese, placato dal rientro degli ostaggi. Troppo tardi? O troppo presto rispetto alle elezioni Usa? Certo che se questa è benzina sul fuoco, ci deve essere anche la fiamma.
Moore spara alto (o basso, dipende dai punti di vista). Bush: bugiardo e incompetente è il responsabile dell'escalation di odio e terrorismo contro gli Stati Uniti. La guerra in Afghanistan e in Iraq è stata dichiarata da una cricca di affaristi mascherati da politici. Insomma, una questione familiare, che dopo due generazioni di amicizia e di affari tra i clan Bush e bin Laden adesso vedrebbe W. Bush Jr. e Osama bin Laden nemici mortali.

Distribuzione Bim
Durata 110'
Regia Michael Moore
Con Michael Moore, George W. Bush
Genere Documentario

La critica
"Di fronte a 'Fahrenheit 9/11', che imposta una tematica esorbitante dai confini della critica cinematografica, vorrei limitarmi a giudicarlo come film. Si tratta di un pamphlet mirato senza mezzi termini a silurare la rielezione di Bush. Due ore traboccanti di scoperte, denunce e magari colpi bassi. Il povero George è presentato come un figlio di papà dal dubbio passato militare, socio in sfortunate imprese petrolifere con la famiglia di Bin Laden, eletto grazie a un broglio in Florida, insediato fra i fischi, sempre in ferie nei primi tempi della presidenza e dopo l'11 settembre creatore e propagatore di un culto della paura per giustificare il suo attacco in forze contro l'Iraq accusato senza prove di preparare armi letali. Moore denuncia che il cosiddetto Patriot Act, limitativo delle libertà individuali, è stato votato dal Senato senza leggerlo, deplora che la carne da cannone per la guerra Oltremare provenga dalla circonvenzione della povera gente, provoca i senatori chiedendogli di mandare in guerra i loro figli e ci fa sapere che, mentre i reduci e i mutilati sono trattati malissimo, intorno al conflitto si è creata una grossa rete di affari. 'Spero che quel cretino non venga più eletto' si legge nell'ultima lettera di un caduto. In un film così ci sono aggressività e demagogia, ma ci sono parecchie cose su cui riflettere; e c'è, soprattutto, un uso sapiente della macchina cinema. Per cui si potrebbe dire, rovesciando Machiavelli, che per Michael Moore il mezzo giustifica il fine."
(Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 18 maggio 2004)

"La posta è immensa, le accuse gravissime. C'è da provare che Bush e il suo staff sapevano o potevano sapere molte cose ben prima dell'11 settembre; che la guerra in Iraq è stata pianificata a freddo; che l'America vive nel terrore per un calcolo politico. Ideologia, dietrologia, diranno i detrattori. Ma Moore, da vero bulldozer, fa nomi e cifre, collega fatti, intervista testimoni chiave. E se non ottiene prove giudiziarie, assesta all'immagine del presidente-affarista un colpo mortale. Trovando perfino il modo di strappare risate. (…) Naturalmente, l'autore di 'Bowling a Columbine' è sempre lui, e accanto all'inchiesta imbastisce una serie di provocazioni esilaranti malgrado lo sfondo tragico. Come quando spigola fra gli spot dei prodotti lanciati sul mercato Usa dopo l'11 settembre. Oppure gira per Washington col megafono per diffondere il famigerato Patriot Act , visto che i politici lo hanno approvato ma non letto. E per finire chiede ai deputati che vanno al lavoro perché non mandano i figli a difendere la patria in Iraq, distribuendo anche dépliant dei marines. L'ultima parte del film, che comprende anche una puntata in Iraq, è la più scivolosa e già datata. Ma non dimenticheremo facilmente quei carristi-ragazzini che raccontano come scelgono le canzoni da mettere in cuffia prima di andare all'attacco. Né l'ultima raffica di cifre, i soldati reclutati nelle zone più povere degli Usa, gli autisti della 'Halliburton' di stanza in Iraq (la ditta già di Dick Cheney) che guadagnano il triplo dei militari, Bush che come ciliegina tenta di tagliare stipendi e sussidi ai soldati e alle loro famiglie. 'God Bless America' insomma, Dio benedica l'America. Ne ha proprio bisogno."
(Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 18 maggio 2004)

PALMA D'ORO AL 57MO FESTIVAL DI CANNES (2004)

www.michaelmoore.com

24 agosto 2004
Condividi:
AGLIANICO N.

AGLIANICO N.

Piante da interno
Piante grasse Succulente Assortite in vaso
SHURE BLX24E SM58 SPEDIZIONE INCLUSA

SHURE BLX24E SM58 SPEDIZIONE INCLUSA

Amplificatori per strumenti musicali
339,00 €
Tubi e piastre in bakelite

Tubi e piastre in bakelite

Bricchette di carbone
5,00 €
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

Mobile con asse da stiro integrato
Listello 5x20 primavera

Listello 5x20 primavera

Arredamenti ed architettura d'interni
TURONE RIPRISTINO VOLANTE CONSUMATO: FIAT IDEA PRIMA E DOPO

TURONE RIPRISTINO VOLANTE CONSUMATO: FIAT IDEA PRIMA E DOPO

Carrozzerie autoveicoli industriali e speciali
CARGLASS CASTRONOVO DI SICILIA

CARGLASS CASTRONOVO DI SICILIA

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
CARGLASS REALMONTE

CARGLASS REALMONTE

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione

Aziende consigliate