Frana sulla Statale 120: tavolo tecnico con ANAS, Protezione Civile, sindaci e rappresentanti del Comitato cittadino ''SS120''

Martedì pomeriggio si è svolto un tavolo tecnico presso la Direzione Generale Anas di Via De Gasperi a Palermo, per accelerare gli interventi sul vasto movimento franoso, che dallo scorso 12 Febbraio, ha interrotto il traffico lungo la SS 120 "dall’Etna alle Madonie" che collega tre province siciliane.
Attorno ad un tavolo si sono seduti il direttore generale Anas Sicilia, Ugo Di Bernardo, i rappresentanti del comitato cittadino denominato "SS120" guidato dalla professoressa Benedetta Milletarì, i sindaci di Gangi, Giuseppe Ferrarello, di Sperlinga Giuseppe Matarazzo, di Nicosia, Antonello Catania, di Geraci Siculo, Bartolo Vienna, di San Mauro Castelverde, Mauro Cascio, il consigliere provinciale Vincenzo Randazzo, il presidente del consiglio comunale di Gangi, Francesco Paolo Migliazzo, oltre a tecnici ed esperti.
Durante l’incontro sono stati esaminati perizie fotografiche e tecniche mentre a presidiare davanti la sede dell’Anas, sono arrivati con pullman e auto, circa duecento cittadini.

L’Anas sul ripristino della Statale 120 si è impegnata ad avere pronto entro il gennaio del 2010 il progetto esecutivo che permetterà di bandire la gara. Secondo le stime tecniche per ripristinare la viabilità occorrerà una spesa di circa nove dieci milioni di euro.
In attesa del completamento dei lavori, che dureranno diversi mesi, i sindaci e il comitato cittadino hanno chiesto interventi urgenti lungo la bretella di fortuna che collega la SS120 con contrada Soprano e Comunello, necessari per evitare la paralisi della circolazione stradale durante la stagione invernale. L'Anas ha dato la disponibilità di un milione e duecento mila euro per mettere in sicurezza la bretella, ma occorrerà del tempo per bandire la gara.
"Bisogna intervenire il prima possibile – ha detto il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarelloanche perché le ultime piogge e l’arrivo della stagione invernale potrebbero creare ulteriori disagi alle popolazioni, sono numerosi i pendolari che ogni giorno si recano a Nicosia. Per questo abbiamo chiesto l’intervento della Protezione Civile che con procedure d’urgenza può effettuare il prima possibile i lavori. Purtroppo è sorto un problema tecnico - continua Ferrarello - l’Anas non può trasferire i fondi direttamente alla protezione civile e per questo si è rimandato ad un secondo tavolo tecnico che si terrà entro la fine di novembre a Gangi. In quell’occasione si cercherà di trovare una soluzione, anche quella di realizzare una strada alternativa che possa permettere il transito anche dei mezzi pesanti. L’Anas che è stata molto disponibile, ha anche promesso che si occuperà della manutenzione della bretella provvisoria, dobbiamo comunque rimanere vigili e attenti affinché si intervenga il prima possibile. Devo ringraziare - ha concluso il sindaco di Gangi - i numerosi cittadini che ci hanno sostenuto in questi giorni”.

19 novembre 2009
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

PROMO ETNALAND

PROMO ETNALAND

Ricevimenti e banchetti - sale e servizi
CARGLASS CASTROFILIPPO

CARGLASS CASTROFILIPPO

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione
CARGLASS MONTEVAGO

CARGLASS MONTEVAGO

Vetri e cristalli per veicoli - riparazione e sostituzione

Aziende consigliate