Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Galera per i giornalisti

Ddl diffamazione: salta l'accordo e dall’Aula del Senato si reintroduce il carcere per i giornalisti in caso di diffamazione

Contenuti Sponsorizzati

Ieri, a scrutinio segreto il Senato ha approvato un emendamento della Lega appoggiato anche da Api che reintroduce il carcere per i giornalisti in caso di diffamazione a mezzo stampa.
A favore si sono espressi 131 senatori, contrari 94, 20 astenuti. Di fatto è saltato l'accordo politico che aveva portato ad una condivisione del testo Berselli. Il Pd ha subito chiesto la sospensione dei lavori.

Il sottosegretario alla Giustizia Antonino Lullo ha riferito che sull'emendamento della Lega, il governo aveva in un primo momento chiesto il rinvio, poi, quando l'invito non è stato accolto, il parere è diventato contrario.
Il presidente del Senato Renato Schifani, al quale tutti i gruppi tranne la Lega avevano chiesto una sospensione dei lavori sul ddl diffamazione, per una "riflessione" si è detto d'accordo, vista la "significatività" del voto a favore dell'emendamento sul carcere per i giornalisti. Della prosecuzione dell'iter si occuperà, quindi, la conferenza dei capigruppo che Schifani ha convocato per oggi, anche in vista della definizione dei lavori della prossima settimana.
Il ddl sulla diffamazione rischia di finire "su un binario morto", ha detto il relatore Filippo Berselli (Pdl), parlando con i giornalisti a palazzo Madama dopo il clamoroso ripristino del carcere (come pena di un anno, alternativa alla sanzione pecuniaria di 50mila euro) per i giornalisti condannati per diffamazione. "Era impensabile - ha proseguito - un esito del genere, visto l'accordo politico che si era raggiunto tra Pdl e Pd, ma evidentemente in aula, con il voto segreto, c'è stato un 'voto di pancia', un voto contro la stampa". "Non so sinceramente cosa potrà decidere domani la conferenza dei capigruppo. Certo - ha concluso - mi sembra difficile un ennesimo rinvio in commissione del provvedimento. In realtà, alla fine, dopo questo voto, l'esito più probabile è che la normativa attualmente in vigore non verrà proprio modificata".

Per il presidente dei senatori dell'Udc, Gianpiero D'Alia, "il voto del Senato che reintroduce il carcere per i giornalisti è un segnale di vendetta che disonora il Parlamento" . "Il voto segreto - ha aggiunto - è un chiaro segnale di debolezza di un'aula che assesta un colpo micidiale alla sua credibilità".
Il segretario di Rifondazione comunista Paolo Ferrero ha avvertito: "E' a serio rischio la libertà di stampa". "E' un bavaglio preventivo che minaccia soprattutto i tantissimi giornalisti precari, giovani e meno giovani, che svolgono inchieste e cercano di fare il loro lavoro a schiena dritta - ha osservato -. La legge va riscritta: con il carcere per i giornalisti si chiude il cerchio di chi vuole un'informazione a senso unico".
Mentre il portavoce dell'associazione Articolo21, Giuseppe Giulietti, promette battaglia: "Di fronte al voto segreto, con il quale una maggioranza del rancore ha confermato il carcere per i giornalisti, non ci sono commenti da fare ma solo iniziare una lunga e rigorosa lotta per affossare questo testo ed impedirne l'approvazione definitiva". "Articolo21 - ha spiegato Giulietti - ritiene ormai necessario procedere alla immediata convocazione di una manifestazione nazionale contro la legge-bavaglio, anzi contro la legge-manette".
Duro il sindacato dei giornalisti: "I malpancisti forcaioli - spiega l'Fnsi -, dietro il muretto a secco del voto segreto chiesto da Lega e Api, hanno scritto una pagina vergognosa votando per la reintroduzione del carcere per i giornalisti, che veniva cancellato da una proposta di riforma dell'attuale normativa". E aggiunge: "La legge in discussione sulla modifica delle norme per i reati a mezzo stampa, a questo punto, non ha più alcun senso: è peggiorativa rispetto alla precedente ed è in totale contrasto con la giurisprudenza europea".

E sul tema è intervenuto anche lo stesso Alessandro Sallusti, direttore del Giornale, dal cui caso era nata la necessità di rimettere mano alla legge sulla diffamazione: "Nella tragicommedia del Senato c'è un dato positivo ed è che non se ne farà più nulla", è il commento amaro del direttore del Giornale. "Imploro anche la Camera che stia lontana dal tema: non peggioriamo la situazione della categoria, perché non ho chiesto nessun aiuto". In seguito alla votazione del Senato, prevede Sallusti, la riforma della diffamazione si arenerà, e per lui scatterà il carcere: "La sentenza dovrebbe essere eseguita tra il 18 e il 24 di questo mese", ha detto.

[Informazioni tratte da Adnkronos/Ign, Repubblica.it]

 

 

14 novembre 2012
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

Impresa 4.0
Wrapping  ad Agrigento: design innovativo … protezione efficace
CARGLASS RACALMUTO

CARGLASS RACALMUTO

31/05/2019
CARROZZERIA AGRIGENTO: servizi carrozzeria e vetri auto

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE