Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

I saldi invernali e l'inutile anticipo

Mancano 5 giorni per il via ufficiale ai saldi, ma già da tempo i negozianti fanno sconti sotto banco

Contenuti Sponsorizzati
shopping tour in catania e sicilia e nei principali outlet
Piume di struzzo  cm. 34/38 in vari colori
Gommista
Vaschetta Rettangolare in Vetro cm. 25 x 10 H 10 - Sconti per Fioristi e Aziende

Mancano cinque giorni all’inizio ufficiale dei saldi invernali in Sicilia, ma dentro negozi si acquista già da tempo con sconti superiori al trenta per cento. Anche se la partenza dei saldi è stata anticipata al prossimo 3 gennaio, su richiesta della Confcommercio regionale e di Federmoda, lo scorso fine settimana è stata un po’ la prova generale per i clienti fidelizzati, bombardati dai commercianti con messaggi, email e fidelity card.
Prima di Natale, il grosso dei palermitani aveva già acquistato a prezzi scontati anche del 50 per cento, senza farne troppo mistero. Infatti, sono molte le vetrofanie che pubblicizzano sconti allettanti, pur se la legge non lo consente. Chi ha giocato d’anticipo lo ha fatto per provare a gettarsi alle spalle la crisi degli acquisti e fare liquidità, per affrontare le scadenze di fine anno.

"Ma queste fughe in avanti penalizzano chi sta dentro le regole - dice la presidente di Federmoda Palermo, Patrizia Di Dio - e vincola anche la scelta dei consumatori, che invece potrebbero acquistare avendo la possibilità di scegliere fra i tanti negozi che correttamente attivano i saldi alla data prestabilita".
Ecco perché il presidente regionale di Federconsumatori, Lillo Vizzini, sostenitore della liberalizzazione dei saldi, aveva chiesto alla Regione di anticipare l’inizio della stagione prima di Natale. Perché tra fidelizzazioni, sconti sottobanco e promozioni più o meno autorizzate e vendite on-line, l’attesa dell’inizio ufficiale degli sconti sembra quasi inutile.

L’anticipazione dei saldi sarà pressoché inutile anche per il Codacons, una misura che non influirà in alcun modo sugli acquisti dei siciliani per gli sconti di fine stagione.
L’associazione fornisce anche le previsioni ufficiali sull'andamento delle vendite nel periodo di sconti. "Le famiglie arrivano all’avvio degli sconti di fine stagione col portafogli già svuotato dalle spese per le feste natalizie e di fine anno - spiega Francesco Tanasi, Segretario Nazionale Codacons - Anticipare di qualche giorno i saldi non influirà sulla capacità di spesa dei cittadini, il cui budget da dedicare agli sconti stagionali è sempre più risicato".
In base ai dati raccolti dal Codacons, infatti, l’andamento dei prossimi saldi sarà ancora una volta negativo, con vendite che subiranno una riduzione media del -12% rispetto al precedente anno, e una spesa che non supererà quota 140 euro a famiglia.

Allo stato attuale - spiega l’associazione - solo il 30% delle famiglie siciliane prevede di fare qualche acquisto durante i saldi, mentre numerosi sono i negozi che già in questi giorni hanno avviato saldi mascherati, attraverso l'invio di messaggi e mail ai consumatori con promozioni personalizzate e sconti praticati direttamente alla clientela in fase di acquisto negli esercizi.
Infine, come ogni anno Tanasi diffonde il decalogo con i 10 consigli d’oro per evitare fregature durante i saldi e fare acquisti in tutta sicurezza:

1) Conservare sempre lo scontrino: non è vero che i capi in svendita non si possono cambiare. Il negoziante è obbligato a sostituire l'articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Se il cambio non è possibile, ad esempio perché il prodotto è finito, avete diritto alla restituzione dei soldi (non ad un buono). Si hanno due mesi di tempo, non 7 o 8 giorni, per denunciare il difetto.

2) Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce posta in vendita sotto la voce "Saldo" deve essere l'avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino. Stare alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli. È improbabile, per non dire impossibile, che a fine stagione il negozio sia provvisto, per ogni tipo di prodotto, di tutte le taglie e colori.

3) Girare. Nei giorni che precedono i saldi andare nei negozi a cercare quello che interessa, segnandone il prezzo; si può così verificare l'effettività dello sconto praticato ed andare a colpo sicuro, evitando inutili code. Non fermarsi mai al primo negozio che propone sconti ma confrontare i prezzi con quelli esposti in altri esercizi.

4) Consigli per gli acquisti. Cercare di avere le idee chiare sulle spese da fare prima di entrare in negozio: così si è meno influenzabili dal negoziante e si corre meno il rischio di tornare a casa colmi di cose, magari anche a buon prezzo, ma delle quali non si aveva alcun bisogno. Valutare la bontà dell'articolo guardando l'etichetta che descrive la composizione del capo d'abbigliamento (le fibre naturali ad esempio costano di più delle sintetiche). Pagare un prezzo alto non significa comprare un prodotto di qualità. Diffidare dei marchi molto simili a quelli noti.

5) Diffidare degli sconti superiori al 50%, spesso nascondono merce non proprio nuova, o prezzi vecchi falsi (si gonfia il prezzo vecchio così da aumentare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all'acquisto). Un commerciante, salvo nell'Alta moda, non può avere, infatti, ricarichi così alti e dovrebbe vendere sottocosto.

6) Servirsi preferibilmente nei negozi di fiducia o acquistare merce della quale si conosce già il prezzo o la qualità in modo da poter valutare liberamente e autonomamente la convenienza dell'acquisto.

7) Negozi e vetrine. Non acquistare nei negozi che non espongono il cartellino che indica il vecchio prezzo, quello nuovo ed il valore percentuale dello sconto applicato. Il prezzo deve essere inoltre esposto in modo chiaro e ben leggibile. Controllare che fra la merce in saldo non ce ne sia di nuova a prezzo pieno. La merce in saldo deve essere separata in modo chiaro dalla "nuova". Diffidare delle vetrine coperte da manifesti che non vi consentono di vedere la merce.

8) Prova dei capi: non c'è l'obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante. Il consiglio è di diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati.

9) Pagamenti. Nei negozi che espongono in vetrina l'adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi, senza oneri aggiuntivi.

10) Fregature. Se pensate di avere preso una fregatura rivolgetevi al Codacons, oppure chiamate i vigili urbani.

29 dicembre 2014
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
shopping tour in catania e sicilia e nei principali outlet
Piume di struzzo  cm. 34/38 in vari colori
Gommista
Vaschetta Rettangolare in Vetro cm. 25 x 10 H 10 - Sconti per Fioristi e Aziende
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

COLLEZIONE CASABLANCA  RAGNO

COLLEZIONE CASABLANCA RAGNO

Offerta valida dal 04/02/2021 al 03/08/2021
FORNO SPECIAL 125 REFRATTARIO

FORNO SPECIAL 125 REFRATTARIO

Offerta valida dal 04/02/2021 al 03/08/2021
FONTANA A PARETE IN CEMENTO BIANCO CON GRANELLI IN PIETRA

FONTANA A PARETE IN CEMENTO BIANCO CON GRANELLI IN PIETRA

Offerta valida dal 04/02/2021 al 03/08/2021
PREBIT - GUAINA 4 MM IN POLIESTERE "NERISSIMA TOP" -10°, PIEGAMENTO A FREDDO
Gift Card

Gift Card

Offerta valida

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE