Il condono edilizio rimane, ma saranno le Regioni a decidere come e quando esso avverrà

Slitta il termine delle domande di condono previsto attualmente per il 31 luglio

Contenuti Sponsorizzati
Minipiscina Blubleu
MARTIN DC-RE PREMIUM CUSTOM SHOP
GUSCIO OPEL VECTRA B 3BT

Il condono edilizio ci sarà, ma le decisioni del come e del quando potrà partire questo condono saranno le Regioni, il che comporta uno slittamento del termine per le domande attualmente fissato al 31 luglio.
Alla luce dei ricorsi presentati da diverse regioni sul condono 2003 la Corte Costituzionale si è così pronunciata e ha giudicato costituzionalmente ammissibile il provvedimento statale solo in linea di principio.
La Consulta ha confermato, cioè, la piena legittimità dello Stato a determinare il provvedimento in linea generale e sul piano delle responsabilità penali, ma ha sottolineato la competenza regionale sul versante amministrativo facendo così, di fatto, slittare il termine previsto per la fine di luglio.

La Corte ha stabilito l'illegittimità di diverse disposizioni del testo di Tremonti, perché intervenivano su materia di competenza, appunto, delle Regioni. Diventa così inevitabile lo slittamento del termine di presentazione delle domande di condono.
L'organo costituzionale ha infatti deciso che alla sua pronuncia dovrà far seguito una nuova legge dello Stato che determini alcuni indispensabili termini per far funzionare il nuovo tipo di condono.

"Il legislatore dovrà provvedere a ridefinire i termini previsti per gli interessati (ciò ovviamente facendo salve le domande già presentate). E' peraltro evidente che la facoltà degli interessati di presentare la domanda di condono dovrà essere esercitabile in un termine ragionevole a partire dalla scadenza del termine ultimo posto alle Regioni per l'esercizio del loro potere legislativo".
Da quanto scritto dalla Consulta, quindi, rinvio a data da destinarsi.

Al di là delle scadenze, le tre sentenze della Corte comunque parlano chiaro: il provvedimento straordinario sugli abusivismi edilizi è appannaggio dello Stato ma la determinazione dei tetti massimi (nei limiti fissati a livello centrale), quali tipologie possono essere condonate e per quali volumetrie lo devono stabilire le amministrazioni locali. Pena: la incostituzionalità del provvedimento statale.

La decisione è arrivata grazie ai ricorsi presentati da moltissime Regioni (Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Toscana e Umbria) e va a valorizzare l'autonomia degli enti locali rispetto al potere centrale.
Importante soprattutto la dichiarazione di illegittimità costituzionale della norma che sottraeva agli enti locali il potere di far eseguire le demolizioni degli edifici illegalmente costruiti.

30 giugno 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Minipiscina Blubleu
MARTIN DC-RE PREMIUM CUSTOM SHOP
GUSCIO OPEL VECTRA B 3BT
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

PARABREZZA AGRIGENTO - SOSTITUZIONE E RIPARAZIONE
Mascara

Mascara

IN REGALO LA MATITA 09 NERA MULTIPLAY PUPA fino ad esaurimento
CRISTALLI AGRIGENTO

CRISTALLI AGRIGENTO

Offerta valida dal 03/11/2016 al 03/08/2017
OSCURAMENTO VETRI LICATA FAVARA PORTO EMPEDOCLE

OSCURAMENTO VETRI LICATA FAVARA PORTO EMPEDOCLE

Offerta valida dal 06/06/2017 al 30/09/2017
Riparazione parabrezza Agrigento: quando è possibile e a chi rivolgersi.

Aziende consigliate