Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il no di Di Pietro a Cassata procuratore di Messina

''Frequentazioni con boss e massoni non sono un buon biglietto da visita''

Contenuti Sponsorizzati
Sanificazioni ambientali
Revisione centrifuga industriale
Marmo scavezzato di giallo Reale cisam sgr
Centralino 12 Moduli Esterno IP40 Bianco Kanlux
Tavoli ovali e rettangolari  in pietra lavica

E' forse la prima volta che accade una cosa del genere: Antonio Di Pietro che attacca un magistrato. L'evento esclusivo si è consumato nell'aula della Camera, dove l'ex pm di "mani pulite" oggi leader dell'Italia dei Valori ha illustrato una interpellanza urgente al ministro della Giustizia, Angelino Alfano, per chiedere al governo di non dare il concerto alla nomina proposta dal Csm a procuratore generale della Corte di appello di Messina del magistrato Antonio Franco Cassata e per attivare un'ispezione negli uffici giudiziari della città dello Stretto.
"Abbiamo molto rispetto per la magistratura, la abbiamo sempre difesa, ma è necessario che quando si occupano cariche rilevanti come quella per la quale è proposto dal Csm il dottor Cassata - ha spiegato Di Pietro - si tenga conto non solo di fattori soggettivi ma anche della incompatibilità e della inopportunità di una tale nomina".

E, procedendo "per fotografie", il leader di Idv ha "illustrato" che Cassata è alla procura della Corte d'appello "dal 1989, cioè da sempre", che è stato presidente del circolo culturale 'Corda fratres' di Barcellona Pozzo di Gotto (ME), "Un circolo ben frequentato, oltre che da esponenti della massoneria, anche dal boss Giuseppe Gullotti, mandante dell'omicidio del giornalista Giuseppe Alfano (avvenuto nel 1993), ma anche da Rosario Cattafi, indagato per le stragi del 1992". L'on. Di Pietro, come un fiume in piena, ha continuato denunciando che Cassata dirige un museo etnoantropologico "finanziato da enti locali che si trovano nel territorio di giurisdizione di Cassata", che il magistrato ha "incontrato la moglie del boss Gullotti durante la sua latitanza" e che "ha fatto un viaggio in auto fino a Milano con il boss Giuseppe Chiofalo".
"Non accusiamo nessuno - ha ribadito l'ex pm -, ma puntiamo il dito su un quadro ambientale e di relazioni, per cui serve una riflessione sulla opportunità che in una realtà locale martoriata e complessa come quella messinese Cassata venga nominato procuratore generale".

Il sottosegretario alla Giustizia Elisabetta Alberti Casellati, con un'analitica elencazione di sentenze e pronunce, rispetto alle quali il magistrato Cassata è stato prosciolto dalle accuse, ha spiegato che "non possono esserci margini per una valutazione disciplinare per circostanze risultate prive di fondamento. Lo sviluppo delle fotografie dell'on. Di Pietro non definisce lo stesso quadro di eventi". Il rappresentante del governo ha inoltre chiarito che il Csm ha messo in evidenza le "capacità organizzative e gestionali del magistrato", ribadendo che "non vi sono i presupposti" per una ispezione del ministero a Messina

[Informazioni tratte da La Sicilia Web]

4 luglio 2008
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Sanificazioni ambientali
Revisione centrifuga industriale
Marmo scavezzato di giallo Reale cisam sgr
Centralino 12 Moduli Esterno IP40 Bianco Kanlux
Tavoli ovali e rettangolari  in pietra lavica
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

MARMI E LAPIDI
Sconto in fattura del 50%

Sconto in fattura del 50%

Offerta valida fino al 30/12/2021
Consulenza grafologica giudiziaria (calligrafica)
Nuovi arrivi Goofi Salvadanaio!!!!
DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COVID 19

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE