Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il presidente Napolitano deporrà il 28 ottobre

Processo Trattativa Stato-mafia: i boss Riina e Bagarella vogliono partecipare alla deposizione del Capo dello Stato

Contenuti Sponsorizzati
Regolatore Multi-SetPoint 32x7
Lanterne x 2 H 64 e 46 in legno e metallo - Sconti per Fioristi e Aziende
CORSO SCOLIOSI -
Controlli impianti fotovoltaici

Il processo Stato-mafia entra nel vivo. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano deporrà sulla trattativa il 28 ottobre prossimo. Lo ha reso noto al termine dell’udienza di oggi il presidente della Corte d’Assise che ha comunicato di aver ricevuto una lettera dal Capo dello stato che ha confermato la disponibilità a testimoniare.

I capimafia Totò Riina e Leoluca Bagarella, intervenendo in videoconferenza al processo sulla trattativa Stato-mafia, hanno espresso la volontà di partecipare, sempre in video-collegamento, all’udienza del 28 ottobre, fissata, al Quirinale, per la deposizione del Capo dello Stato Giorgio Napolitano. L’Avvocatura dello Stato si è opposta. La Corte d'assise, che già si è pronunciata sull'argomento (stabilendo che gli imputati possano essere presenti solo tramite i propri avvocati) comunicherà la sua decisione finale giovedì prossimo.
Il difensore di Riina, l'avvocato Luca Cianferoni, ha preannunciato il deposito di una memoria al collegio di Palermo: "Secondo la Corte europea per i diritti dell'uomo - ha detto in aula - l'imputato ha sempre diritto a partecipare alle sue udienze".

Intanto, al processo sulla trattativa questa mattina ha deposto il pentito Vincenzo Sinacori, ex capomandamento di Mazara del Vallo. Il pentito ha raccontanto che "nel 1994 Matteo Messina Denaro ci disse di votare Forza Italia perché era il partito che più ci garantiva".
Sinacori ha anche raccontato del progetto, poi fallito, del boss Leoluca Bagarella di dare vita a un movimento politico che facesse capo a Cosanostra.
"Un giorno Matteo Messina Denaro mi mostrò un libro con alcuni monumenti. Il progetto era fare attentati fuori dalla Sicilia per colpire beni artistici. Anche Brusca era d’accordo", ha continuato Sinacori. Il collaboratore di giustizia ha aggiunto che il boss Bernardo Provenzano era contrario a fare attentati in Sicilia. Tra i motivi della strategia stragista di cosa nostra c'erano le lamentele dei detenuti al 41 bis che facevano sapere all’esterno delle sevizie subite dalla polizia penitenziaria in carcere.

- La Corte davanti al Presidente (Guidasicilia.it, 26/09/14)

2 ottobre 2014
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Regolatore Multi-SetPoint 32x7
Lanterne x 2 H 64 e 46 in legno e metallo - Sconti per Fioristi e Aziende
CORSO SCOLIOSI -
Controlli impianti fotovoltaici
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

OFFERTA BLOCCO DA 10 x 20 x 50  CM

OFFERTA BLOCCO DA 10 x 20 x 50 CM

fino ad esaurimento Scorte
VISMARA BENESSERE LETTINO LUMIA  2021
Qual è il Vetro giusto per la tua Auto?
AGGRAPPANTE LIQUIDO (MURACEL) BOTTIGLIA DA 1 LITRO-FINO ESAURIMENTO SCORTE
FONTANA MODELLO LEONE

FONTANA MODELLO LEONE

Offerta valida dal 04/02/2021 al 03/08/2021

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE