Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Il Satiro Danzante, invitato in tutti i musei del mondo, non si muoverà da Mazara del Vallo (TP)

L'assessore ai Beni Culturali Fabio Granata invita gli appassionati di archeologia a venire in Sicilia

Contenuti Sponsorizzati
Il Satiro danzante non lascerà mai Mazara. L'assessore ai Beni Culturali Fabio Granata infatti, è decisamente contrario all'idea di esportare la statua bronzea in giro per il mondo. Il Satiro infatti, sarebbe stato richiesto da molte prestigiose istituzioni museali come il Louvre di Parigi ed il Metropolitan museum di New York. Per il momento però, le loro aspettative andranno deluse dato che l'Assessore ai Beni Culturali ha dichiarato di non essere d'accordo neppure  "sull'ipotesi di un clone del prezioso reperto archeologico" che viaggi per il pianeta. Per gli appassionati di archeologia non c'è dunque che una soluzione. Dovranno recarsi in Sicilia  dove potranno ammirare a parte l'opera, anche il resto del patrimonio culturale che l'isola mette a disposizione. "Stiamo dimostrando - conclude Granata - come la cultura e l' identità siano i tasselli sui quali poggia la nostra ipotesi di sviluppo sostenibile quindi dobbiamo proporre al turista la Sicilia in Sicilia, fermo restando che ci sono ancora contenziosi aperti con le istituzioni museali americane che detengono pezzi pregiati appartenenti alla tradizione culturale siciliana".

Il Satiro danzante
Fu ripescato nel Canale di Sicilia nella primavera del 1998 su un fondale di circa 500 metri. Si tratta di una figura mitologica, un demone facente parte del corteo orgiastico che accompagnava Dioniso, dio del vino. L'opera alta circa 2,5 metri, potrebbe essere un originale di età ellenistica, datato tra la fine del IV e il III sec. a.C., oppure una copia più tarda realizzata tra il II e la fine del I sec. a.C.
Il 2 ottobre 1998 la statua fu trasportata presso i laboratori dell'I.C.R. per essere sottoposta all'intervento di conservazione. La superficie del manufatto, al momento dell'arrivo in laboratorio, era ricoperta da spesse incrostazioni mentre numerose erano le tracce di organismi marini determinate dalle lunga permanenza sui fondali mazaresi. Il Satiro è colto in un momento di danza, mentre compie un salto sulla punta del piede destro, con la gamba sinistra sollevata, il busto ruotato e le braccia distese. La testa è abbandonata all'indietro fin quasi a toccare le spalle, mentre le ciocche di capelli sono mosse dal vento. E' difficile, stabilire se il reperto facesse parte di un gruppo statuario più complesso. Oggi è esposto nel Museo che da lui ha preso il nome all'interno della Chiesa di Sant'Egidio a Mazara.

INFO
Museo del Satiro, aperto tutti i giorni compreso i festivi dalle 9.00 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 21.30
Costo del biglietto: € 4,50 Intero - € 2,00 Ridotto

3 gennaio 2004
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

FINANZIAMENTI  A  FONDO  PERDUTO  2021
Cambia le porte e le paghi la metà

Cambia le porte e le paghi la metà

Offerta valida fino al 31/07/2021
Lavabo da appoggio

Lavabo da appoggio

Offerta valida dal 01/01/2021 al 31/12/2021
PROMO CARTA DA PARATI

PROMO CARTA DA PARATI

valida fino al 31/12/2021

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE