In Colombia un processo popolare per ''i crimini'' della Coca Cola

Si tratta di accuse gravi, gravissime.

Che raccontano una brutta storia di bollicine e intimidazioni, di uccisioni di leader sindacali e minacce, di continue sopraffazioni ai danni dei lavoratori che cercano di far rispettare i propri diritti.

Accade in Colombia, un Paese già straziato da una violenza politico-sociale senza eguali e da una guerra civile riesplosa nel febbraio scorso con la rottura dei negoziati di pace tra governo e le due formazioni guerrigliere Farc e Eln (rottura voluta dal presidente Pastrana con lo zampino degli Stati Uniti), e dove un gruppo di sindacalisti e lavoratori sta sfidando un gigante con un volume d'affari degno di una nazione del mondo ricco.

La Coca Cola Company, dal 1880 leggendaria bibita frizzante alle foglie di coca mischiate nella misteriosa Formula 7X.

Un'azienda - accusano i lavoratori che hanno promosso una vera e propria campagna di boicottaggio che dovrebbe terminare in una sorta di processo pubblico - che in Colombia non esita a ricorrere ai mezzi più infami per "rispondere" alle rivendicazioni dei suoi dipendenti, "compreso l'uso di squadracce paramilitari che terrorizzano, uccidono e fanno sparire i sindacalisti e chi li segue".

Una recente conferenza stampa organizzata a Roma dal Comitato di solidarietà Carlos Fonseca, dai Cobas e dal Csoa "La Torre" ha visto la testimonianza di Edgard Paez, un membro del sindacato Sinaltrainal (la trade union dei lavoratori del settore alimentare), che ha tracciato uno scenario a tinte scurissime, seguendo il filo di un racconto che ripercorre le date, le storie e i nomi di chi ha pagato il coraggio di lottare con la vita.
"Sì, il Sinaltrainal ha dato vita ad una Assise pubblica popolare perché la Coca Colae le imprese imbottigliatrici ad essa legate siano finalmente messe sotto inchiesta" ha spiega Paez.

"L'accusa è di aver messo in pratica una campagna di annichilimento del sindacato, culminata nell'assassinio di 14 dirigenti operai, di cui 7 lavoravano direttamente per la Coca Cola, mentre altri 2 sono attualmente desaparecidos".
I sindacalisti non esitano a denunciare il legame tra la multinazionale e i gruppi paramilitari delle famigerate "Auc" (Autodifese armate della Colombia - il cui leader storico, Carlos Castano, ha appena abbandonato la direzione politica a favore del "siciliano" Salvatore Mancuso), le formazioni armate dai latifondisti e dalla destra protagoniste di crimini inumani contro contadini e oppositori, che sempre più spesso operano supportate dai reparti dell'esercito colombiano.

Gli obiettivi della campagna sono molteplici e ambiziosi, anche se riassumibili con l'esigenza di fare giustizia.
L'Udienza pubblica vorrebbe innanzitutto costringere la Coca Cola a mettere fine alle pratiche di intimidazione, quindi portare lo Stato Colombiano e l'impresa a risarcire le vittime di violenze e aggressioni, "che lo Stato non ha mai riconosciuto né cercato di chiarire", come racconta ancora Paez.
L'Udienza - che all'oggi prevede tre fasi, di cui la prima è stata il 22 luglio a Atlanta, città della Coca Cola, la seconda il 12 ottobre a Bruxelles e infine l'ultimo atto il 5 dicembre a Bogotà - ha mosso i primi passi nel luglio scorso.

Alla Corte federale di Miami, Florida, quando i rappresentanti del sindacato presentarono una denuncia per chiedere l'incriminazione della multinazionale di Atlanta, facendo leva su una legge del 1789 volta a garantire "la reputazione internazionale della nuova nazione" che permette agli stranieri di denunciare gli abusi degli statunitensi che violano leggi internazionali. I locali imputano inoltre all'azienda "il ricorso costante al lavoro a basso costo, tanto che su 10mila persone che ogni giorno producono e imbottigliano la bevanda l'80 per cento sono temporali" e un atteggiamento ipocrita che sfruttando l'assenza dello Stato "permette alla Coca Cola di farsi pubblicità a basso costo costruendo magari un campo di calcio e ottenendo in contropartita il permesso gratuito di riempire i paesini di slogan pubblicitari".

Tuttavia, se la Coca Cola è l'obiettivo immediato della "Udienza pubblica" (tra l'altro la multinazionale Usa non è nuova ad accuse di questo genere - in Guatemala sei leader del sindacato aziendale furono fatti sparire), "è la situazione dei sindacalisti in Colombia che è ormai arrivata ad un punto drammatico".
Edgard Paez racconta che sono "costretti a girare in pubblico scortati, a rischio costante di violenze, vittime di 38mila casi di torture documentati dal progetto "Colombia nunca mas"" che ha riconosciuto 29mila esecuzioni extragiudiziarie ai danni di attivisti e simpatizzanti.

Fonte: Liberazione

30 agosto 2002
Condividi:
KIT ADATTATORE RADIO+FASCIA DI MET.AUDI A4 '07  2 ISO MECATRON
TAMA RM52KH6C RDS CON PIATTI E SGABELLO

TAMA RM52KH6C RDS CON PIATTI E SGABELLO

Percussioni a mano
589,00 €
Parte Idraulica OFT THETA 26 OFT THETA 26

Parte Idraulica OFT THETA 26 OFT THETA 26

Pompe per impianti idraulici
proposto da Idromeccanica sas
220,00 €
YAMAHA YTC5 ACCORDATORE YAMAHA
Fiocco nascita Coprifasce Celeste

Fiocco nascita Coprifasce Celeste

Piante artificiali
17,10 €
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

Mobile bagno cm 60 frassino bianco

Mobile bagno cm 60 frassino bianco

Arredamenti ed architettura d'interni
TURONE PELLICOLE PER AUTO AGRIGENTO - PELLICOLE CARROZZERIA AUTO AGRIGENTO
caffe miscela doro palermo

caffe miscela doro palermo

Torrefazioni caffè - esercizi e vendita al dettaglio
proposto da H2O
Profumi Donna 50%

Profumi Donna 50%

Profumi - produzione e commercio
assistenza depuratori palermo e provincia

assistenza depuratori palermo e provincia

Depurazione e trattamento delle acque - impianti ed apparecchi
proposto da H2O

Aziende consigliate