Crea GRTAIS la tua Vetrina su guidasicilia.it. Fai sapere anche se consegni a domicilio. Gratis per sempre.

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

In Europa muore un lavoratore ogni 3 minuti e mezzo

La Commissione Ue lancia una campagna informativa per prevenire le morti bianche

Contenuti Sponsorizzati
La deformità Boutonniere (trauma ad asola - mano)
Spina CEE Volante 3P+N+T 16A
Prove Tecniche
Kit 2 Faretti Led Incasso 0,22w Luce Fredda OYO 2LED Kanlux
Mandorleto: piantumazione piante
Scanalatore D.150 mm Baier DBN 453

Ogni tre minuti e mezzo nell'Unione europea una persona perde la vita per cause legate all'attività lavorativa. E' quanto emerso dalla campagna informativa che sarà lanciata oggi a Bruxelles dalla Commissione europea e dall'Agenzia Ue per la salute e la sicurezza sul lavoro (Eu-Osha).
In particolare, secondo i dati pubblicati da Eurostat, ogni anno 5.700 persone muoiono nell'Unione europea a causa di incidenti sul lavoro. Inoltre, l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (Ilo) stima che altri 159.500 lavoratori nei Ventisette perdano la vita a causa di malattie professionali.

"Se si considerano entrambi i dati - ha riferito la Commissione europea in un comunciato - si stima che ogni tre minuti e mezzo nell'Ue ci sia un decesso per cause legate all'attività lavorativa. La maggioranza di questi incidenti e malattie può essere prevenuta e il primo passo in tal senso è una valutazione dei rischi".

"Nessun infortunio sul lavoro o malattia professionale è un male inevitabile", ha affermato nel comunicato il commissario europeo all'Occupazione e agli affari sociali, Vladimir Spidla. "Anche se non portano alla morte, le loro conseguenze sono intollerabili per le persone colpite e per l'economia intera", ha proseguito il commissario ricordando che "ogni anno, milioni di lavoratori nell'Ue sono vittime di incidenti che li costringono a restare a casa per almeno tre giorni lavorativi, e ciò rappresenta un costo enorme per l'economia. La valutazione dei rischi - avverte Spidla - è la soluzione per ridurre questi numeri. Ma solo il primo passo, cui deve seguire l'atto pratico".
Parole a cui ha fatto eco il direttore dell'Eu-Osha, Jukka Takala. "Con la campagna per gli ambienti di lavoro sicuri - ha affermato Takala - vogliamo incoraggiare le imprese a condurre una valutazione dei rischi puntuale, con il coinvolgimento di tutti i lavoratori".

Intitolata "Ambienti di lavoro sani e sicuri. Un bene per te. Un bene per l'azienda", la campagna informativa biennale (2008-09) è dedicata soprattutto a settori ad alto rischio quali l'edilizia, la sanità e l'agricoltura, e sulle esigenze delle piccole e medie imprese.

Fonte: Adnkronos/Aki

13 giugno 2008
Condividi:
Contenuti Sponsorizzati
La deformità Boutonniere (trauma ad asola - mano)
Spina CEE Volante 3P+N+T 16A
Prove Tecniche
Kit 2 Faretti Led Incasso 0,22w Luce Fredda OYO 2LED Kanlux
Mandorleto: piantumazione piante
Scanalatore D.150 mm Baier DBN 453
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie
Contenuti Sponsorizzati

Offerte & Promozioni

MAKE UP POSTAZIONI

MAKE UP POSTAZIONI

31/12/2022
FINANZIAMENTI  A  FONDO  PERDUTO  2022
FOTO CERAMICHE
DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COVID 19

Aziende consigliate

Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE