In Italia avanza e cresce la soglia della povertà… però alcuni non se ne accorgono per niente

Con l’invidia che rode il fegato, pubblichiamo la classifica dei multimiliardari

Riportiamo di seguito una notizia presa dall’Ansa stamane, e non aggiungendo commenti di facile moralismo, riflettiamo su come poco verosimile è, che alcune personalità si rendano conto di ciò che significa riuscire ad arrivare "sani e salvi" alla fine del mese…

14 ITALIANI NELLA CLASSIFICA DEI PLURIMILIARDARI
Silvio Berlusconi è il primo uomo politico nella classifica dei plurimiliardari stilata dalla rivista americana Forbes per l'anno 2004.
Il Presidente del Consiglio italiano è infatti in testa alla graduatoria dei leader che compongono il G7, il ristretto club che ospita i Paesi a maggiore industrializzazione.

Con un patrimonio accreditato da Forbes in 10 miliardi di dollari, Berlusconi è al 30esimo posto nella graduatoria dei super-ricchi del pianeta, ma la rivista americana lo colloca al primo, davanti al premier canadese Paul Martin (il cui patrimonio è stimato in 225 milioni di dollari) e al presidente degli Stati Uniti, George W. Bush (15 milioni di dollari), per quanto concerne la mini-graduatoria dedicata agli uomini guida dei Sette Grandi.
In quarta posizione, dietro Bush, si accomoda il presidente francese Jacques Chirac (9 milioni di dollari), seguito dal primo ministro britannico Tony Blair (3 milioni di dollari) e da quello nipponico Junichiro Koizumi (2 milioni di dollari). Fanalino di coda, il cancelliere tedesco Gerhard Schroeder, con un milione di dollari.

Nella speciale graduatoria dedicata a principi, regine e uomini di Stato - sparito Saddam Hussein, l'anno scorso quarto - il dominio è mediorientale, con il re saudita Fahd Bin Abdul Aziz Alasaud in cima alla lista dall'alto di un patrimonio di 25 miliardi di dollari, seguito dal presidente degli Emirati arabi, lo sceicco Zayed Bin Sultan Al Nahyan, con un patrimonio di 20 miliardi di dollari.
Staccata, al settimo posto, la Regina Elisabetta II, con 660 milioni di dollari, mentre al nono e al decimo posto si sono posizionati il presidente dell'autorità palestinese, Yasser Arafat (200 milioni di dollari) e il presidente cubano Fidel Castro (150 milioni di dollari). Di seguito la graduatoria relativa ai leader del G7 e quella dedicata a principi, regine e uomini di Stato.

I Paperoni del G7
1) Silvio Berlusconi con 10,0 miliardi di dollari
2) Paul Martin con 225 milionil di dollari
3) George W. Bush con 15 mln dlr
4) Jacques Chirac con 9 mln dlr
5) Tony Blair con 3 mln dlr
6) Junichiro Koizumi con 2 mln dlr
7) Gerhard Schroeder con 9 mln dlr


E come stanno messi gli altri miliardari d’Italia?
Sono quattordici, tre in più rispetto al 2003, gli italiani entrati nella classifica dei plurimiliardari 2004 stilata dalla rivista Forbes.
Al primo posto, esattamente come lo scorso anno, Silvio Berlusconi, con un patrimonio personale stimato in 10 miliardi di dollari: una cifra superiore ai 5,9 miliardi di dodici mesi prima, che lo colloca in 30esima posizione rispetto al 45esimo, a livello mondiale, registrato lo scorso anno. Dietro Berlusconi, il gruppo italiano dei super-ricchi comincia a riprendersi. Contava 13 nomi nel 2002 e 11 nel 2003: grazie ai 14 nominativi di quest'anno, il drappello tricolore torna vicino ai 17 protagonisti del 2001.

A garantire una sorta di zoccolo duro, gli uomini della moda Benetton, Maramotti, Prada e Armani; la tradizione della famiglia Agnelli, oltre alla conferme del re dell'acciaio, Steno Marcegaglia, dell'assicuratore Ennio Doris, del produttore di occhiali, Leonardo Del Vecchio e del finanziere Emilio Gnutti.
Neofiti della classifica di Forbes, invece, i produttori di dolciumi Augusto e Giorgio Perfetti e l'imprenditore farmaceutico Stefano Pessina. Tra i rappresentanti tricolori, solo tre hanno registrato un avanzamento nella classifica: Silvio Berlusconi salito dal 45esimo posto al 30esimo; Umberto Agnelli e famiglia, passati dal 278esimo posto al 262esimo, ed Ennio Doris avanzato al 277esimo posto dal 348esimo.
Debuttanti, come detto, Stefano Pessina (552esimo) e Augusto e Giorgio Perfetti (277esimi) mentre Francesco Gaetano Caltagirone e famiglia, l'anno scorso assenti, si sono aggiudicati la 437esima piazza.

Fonte: Ansa

27 febbraio 2004
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie