L'aria condizionata fa bene, ma stiamo attenti a non farci troppo condizionare

Qualche consiglio semplice semplice per usare al meglio i condizionatori d'aria

L'aria condizionata fa bene, lo dicono i medici, ma come con tutte le cose bisogna usufruirne a piccole dosi. Mal di schiena, raffreddore, dolori addominali, sono infatti tutti rischi che derivano da un uso scorretto degli impianti di climatizzazione. Come fare per usare in maniera intelligente l'elettrodomestico più in voga degli ultimi anni?
Qualche pratico e semplice consiglio, direttamente dalle parole di un medico. 

Un ambiente ben climatizzato, fresco e senza umidità favorisce il benessere e la concentrazione. Come tutte le cose, però, anche l’aria condizionata va usata con attenzione.
Il dottor Maurizio Tommasini, primario del reparto di medicina generale della Clinica Humanitas, nella provincia di Milano, sostiene che "l'aria condizionata è fondamentale per affrontare l'afa estiva. I climatizzatori, oltre a raffreddare l'aria, eliminano l'eccesso di umidità, un fattore che procura disagio più del caldo". Infatti quando il tasso di umidità è superiore al 70% il sudore non evapora e rimane sulla pelle causando quella fastidiosa sensazione di caldo appiccicoso.

È tuttavia sconsigliato e dannoso mantenere temperature troppo basse perché, come ribadisce il dottor Tommasini, c'è il rischio di "incorrere nei classici disturbi causati dal freddo come raffreddore, bronchite, mal di gola". Le mucose che rivestono le vie respiratorie sono ricoperte di minuscole ciglia che hanno il compito di allontanare dal nostro organismo i virus e i batteri presenti nell'aria che respiriamo. Il freddo causa una diminuzione della vascolarizzazione di queste ciglia, paralizzandole e impedendo loro di funzionare correttamente. Il rischio di infezioni quindi aumenta considerevolmente.

"Molti disturbi imputati all'aria condizionata - prosegue il dottore - sono causati dal brutto vizio di esporsi direttamente al getto d'aria fredda. Lombalgia e torcicollo sono gli esempi più lampanti".
I getti di aria fredda, infatti, provocano la contrattura dei muscoli; la schiena e il collo sono le parti più sensibili a questi cambiamenti repentini di temperatura e le conseguenze non si fanno attendere.
Per le stesse cause ci possono essere anche conseguenze ben più gravi: per esempio la paralisi dei nervi del viso che può bloccarne i movimenti per alcuni giorni.

Quindi, va benissimo l'aria condizionata ma: controlliamo che la temperatura sia ottimale, che il getto d'aria punti verso il soffitto e... Buon lavoro!

24 agosto 2004
Condividi:
Ti potrebbe interessare anche
Vedi tutte le notizie

Offerte & Promozioni

cambio filtri palermo e provincia

cambio filtri palermo e provincia

Depurazione e trattamento delle acque - impianti ed apparecchi
proposto da H2O
Vaso corto filo parete New Day
SOSTITUZIONE PARABREZZA NARO

SOSTITUZIONE PARABREZZA NARO

Carrozzerie autoveicoli industriali e speciali

Aziende consigliate